17 Gen 2024

L’Ape selvatica, la sartoria sociale e inclusiva dove si insegna il “saper fare”

A Catania Amelia ed Emily hanno realizzato il loro sogno condiviso di aprire una bottega dove realizzare abiti e accessori e al tempo stesso insegnare l'arte del cucito a principianti, bambini e soggetti fragili. Un progetto che mutua il nome dall'insetto operoso per antonomasia e che punta alla condivisione e alla possibilità di creare opportunità di autonomia e realizzazione personale.

Catania - Laboriose come piccole api. Non necessariamente componenti di un alveare strutturato, ma selvatiche, libere, fuori dagli schemi eppure sempre pronte a lavorare, creare e realizzare il frutto del proprio ingegno. L’Ape selvatica è il nome, il brand, che racchiude il sogno di Amelia ed Emily, due “artigiane” del cucito, due creative che da anni hanno messo insieme idee, sogni e maestria per lavorare a tanti progetti fatti di ago, filo, tessuti, cartamodelli e inclusione.

Un sogno articolato il cui ultimo approdo è proprio la nascita della bottega L’ape selvatica a Catania, una bottega dove creare, progettare e insegnare a cucire ad adulti e bambini e dove realizzare il progetto di offrire corsi a persone con disabilità o categorie fragili nella comune convinzione che il fare, il maneggiare e creare qualcosa con le proprie mani sia un ottimo modo per acquisire sicurezza in sé stessi e autonomia. E così quei corsi che insieme Amelia Alessia Cristaldi ed Emily Pelacane organizzano da qualche anno trovano ora casa, anzi bottega, nella nuova sede di via Corridoni a Catania.

L'ape selvatica
Amelia Alessia Cristaldi ed Emily Pelacane sono le anime di L’Ape selvatica
TORNARE A BOTTEGA: LO SLOGAN DELLA SARTORIA L’APE SELVATICA

Bottega, sì. Perché l’idea de L’Ape selvatica è proprio quella di “tornare a bottega!”, come si faceva un tempo quando si imparava un mestiere artigiano. E questo non necessariamente per crearsi un proprio lavoro, ma giusto per il piacere di saper fare. Amelia e Emily hanno voluto dare un nuovo spazio a quel sogno che le lega e in cui hanno unito le loro visioni condivise che da anni viaggiano insieme dopo aver abbracciato lo stesso concetto che Amelia aveva già incasellato nel progetto L’Ape selvatica qualche anno prima.

«Il nome “L ‘Ape Selvatica” – spiega Amelia – è una metafora: una madre artigiana che, partendo dalla Sicilia, entra a lavorare nelle aziende di abbigliamento del Nord – gli alveari –, ma si ritrova delusa dalla logica del grande commercio al dettaglio che incontra. Decide quindi di licenziarsi e ricominciare daccapo, riscoprendo la pittura e il cucito artigianale – i fiori del logo – e decidendo così di “autoprodurre” miele, solitario e selvaggio».

Una bottega dove creare, progettare e insegnare a cucire ad adulti e bambini

Un’autoproduzione che, passo dopo passo, ha coinvolto altre donne e che ha portato Amelia a gestire la sartoria sociale del Midulla, luogo dove lei ed Emily si sono incontrate proprio quando quest’ultima, originaria di Roma, si è avvicinata alla sartoria sociale per trovare altre donne per cucire le fasce per bebè che aveva ideato. Le due mamme hanno cominciato a condividere le proprie affinità e le loro visioni si sono intrecciate tanto da dare origine a Trizzi d’Amuri un brand originale di vestiti e accessori, ma anche una linea che nel suo “intreccio d’amore” coinvolge tante altre realtà artigianali.

I CORSI INCLUSIVI REALIZZATI DALL’APE SELVATICA

Oltre alle loro creazioni sartoriali, da tre anni Amelia ed Emily organizzano corsi di cucito per adulti e bambini per insegnare l’arte del cucito e del trattamento dei tessuti. E oggi quei corsi prendono vita nella bottega di via Corridoni, frequentata da grandi e bambini che hanno voglia di imparare a fare: dal cucito alla pittura su tessuto, dalla realizzazione di cartamodelli alla messa in opera di pantaloni palazzo, mantelle e magliette.

L'ape selvatica
I bambini frequentano i corsi di cucito ogni martedì

«Ogni martedì pomeriggio – spiegano – teniamo i corsi con i bambini che già a 6 anni cominciano a tenere spilli e aghi in mano. In queste settimane abbiamo realizzato con i più piccoli il cappugatto e altri accessori e siamo sempre felici di vedere come i nostri piccoli sarti imparino e si appassionino. Ci sono anche corsi meno “impegnativi” di quelli mensili e continuativi e sono worshop one shot che permettono ai bambini di avvicinarsi all’arte del cucito e capire quanto possa appassionarli». Stesso discorso per i corsi per adulti e per la possibilità di venire in bottega a realizzare i propri capi utilizzando tutta l’attrezzatura messa a disposizione dalle due “api selvatiche”.

E in questi anni crescono e si moltiplicano anche le collaborazioni con realtà cittadine. Ce n’è una che, più di tutte, in questi anni ha arricchito l’attività di Amelia, Emily e l’Ape selvatica: quella con l’associazione famiglie persone con sindrome di Down. Emily e Amelia insegnano infatti ogni settimana a quattro ragazzi con sindrome di Down a tagliare, dipingere e cucire i loro abiti rendendoli parte attiva di un progetto artigiano e aiutandoli a realizzare non solo un capo di abbigliamento, ma un piccolo passo verso l’autonomia e persino verso l’inserimento lavorativo.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Trame di Sardegna: la tessitrice ribelle Dolores Ghiani e il suo racconto sul filo della tradizione
Trame di Sardegna: la tessitrice ribelle Dolores Ghiani e il suo racconto sul filo della tradizione

Ling e la sua Ravioleria Migrante: “Con la mia cucina abbatto confini ed etichette”
Ling e la sua Ravioleria Migrante: “Con la mia cucina abbatto confini ed etichette”

Project Officina Creativa: quando le scelte ecologiche portano sostenibilità nella moda
Project Officina Creativa: quando le scelte ecologiche portano sostenibilità nella moda

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Ancora sulle elezioni in Sardegna: l’analisi – #887

|

La Tuscia si mobilita per dire “no” al deposito nazionale di scorie radioattive

|

Un parco eolico nel Supramonte: in Sardegna un’overdose di energia destinata ad andare altrove

|

Paola Gianotti: da Helsinki a Parigi in bici per raccontare la ciclabilità

|

Se lo conosci non lo eviti: ecco come mi sono preparata a una settimana di digiuno

|

Martina, Emma e la sindrome di down: a volte “lasciar andare” è un atto d’amore

|

Cosingius: le scarpe tradizionali sarde che si ispirano all’economia circolare – Io Faccio Così #400

|

Riduzione dei rifiuti, riuso e riutilizzo: a Reggio Calabria c’è Fare eco, per un mondo più pulito

string(7) "sicilia"