Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
Bacheca cerco/offro
20 Nov 2020

Cerchiamo una casa per ricominciare

Scritto da: Babe
Cerchiamo una casa per ricominciare

Cari Amici,
per voi sono Babe, preferisco non usare il mio nome. Scrivo anche a nome di mio marito, che chiamerò Fabian. Nella prima ondata di crisi economica, abbiamo perso la casa. Ci è stata pignorata. Siamo rimasti lì dentro per anni, imparando a staccarcene piano piano pur crescendovi i nostri figli. Come sapete, amare una casa “avvelenata” dalla sorte è molto difficile. Tutto decade. Noi non riuscivamo ad avere figli, ci abbiamo messo nove anni, e ora che abbiamo due bambini, avremmo voluto offrire loro una vita serena. Ce la mettiamo tutta per non comunicare l’ansia di ogni giorno di ricevere visite dall’ufficiale giudiziario. Ci siamo rimessi in piedi, siamo due lavoratori autonomi molto attivi. Poi è arrivato il covid. Abbiamo perso mesi di introiti. Siamo fermi da un anno quasi.

Ma guardiamo al futuro. Abbiamo dei risparmi e dobbiamo trovare una casa. Non vogliamo comprarla all’asta (sarebbe perfido), non vogliamo usare il bonus ristrutturazioni (le banche chiedono una percentuale). Vogliamo cominciare un nuovo capitolo da una casa che ci possa accogliere. Pagheremmo al momento dell’acquisto. La cifra è modesta ma onesta. Siamo in zona rossa e non possiamo girare, però sarebbe molto utile ricevere consigli dalla vostra comunità. Un posto sano che possa rigenerarci. Con dei paesi vicini dove poter ricominciare l’attività autonoma. Forse fra le vostre conoscenze c’è una casa che aspetta proprio noi.
Abitiamo in Lombardia ma possiamo andare altrove.

Ho scritto non solo per ricevere consigli, ma anche per lasciare la mia testimonianza. Chi ha avuto un grosso trauma come un fallimento, raramente ne parla. Si tiene tutto dentro sino a scoppiare. Vengono dei pensieri tristissimi… Ma bisogna uscire allo scoperto e mettersi in rete. Farsi aiutare. Invitare gli altri a venir fuori con le proprie storie. “Non ti vergognare”. È questo il mio messaggio. Chi ha così tanti pesi da reggere, sicuramente ha tanta crescita davanti.
Grazie.
Babe

Lascia un commento pubblico

Per poter visualizzare più dettagli e contattare l'utente devi prima effettuare l'accesso o registrarti

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

L’agricoltura indiana nel caos! – Io Non Mi Rassegno #264

|

Progetto Happiness: in viaggio intorno al mondo alla ricerca della felicità

|

Irene, la pittrice che dipinge gli sguardi delle donne vittime di violenza

|

Undici proposte per salvare i nuovi centri culturali a rischio chiusura

|

Savona si attiva dal basso fra orti urbani, buone pratiche e attivismo ambientale #2

|

WhO RU: la scoperta della Rigenerazione Urbana giunge alla seconda fase

|

What Women Want: uno scambio di doni tra sconosciute per sentirci più vicine

|

Alessandro Ricci, l’artista che dipinge con lo smog per denunciare l’inquinamento