Bacheca cerco/offro
20 Dic 2021

Offro cantastorie per un borgo, per una comunità

Scritto da: Gianluca
Offro cantastorie per un borgo, per una comunità

Buongiorno.

Buongiorno all’Italia che cambia.

Son un Cantastorie Rurale e Poeta di Madre Terra.

Son un giocoliere della parola, so confrontarmi con bambini ed adulti, per promuovere la parola come fondamento del baratto, inteso come scambio umano, per stare meglio insieme.

Sento il senso di appartenenza alla Terra, alla Natura, alla Bellezza, la promuovo col mio fare cultura.

Ho una biblioteca ricca e di qualità, assieme ad un archivio di memorie umane, formato da me nel tempo, composto di rarità di ogni genere
(Diari, epistolari, taccuini, album da disegno, materiali di scuola, collezione di cartoline artistiche e del paesaggio italiano e tanto altro, libri d’arte: tra fine 800 e prima metà del 900).

Costituisce un patrimonio sul quale poter creare un centro culturale.

Sto cercando un ecovillaggio o un piccolo borgo o qualcosa di affine, dove potermi inserire e vivere una vera e nuova vita.

Porto pure Bellezza nelle case e nelle famiglie che mi ospitano per brevi giorni
(Animazione e creatività baratto Ospitalità)

Per contatti:
Gianluca Bonazzi su FB
(Foto profilo: 21 giorni di festa)

Lascia un commento pubblico

Per poter visualizzare più dettagli e contattare l'utente devi prima effettuare l'accesso o registrarti

Inquinamento da sostanze chimiche, superato il limite planetario? – #449

|

La dura vita di pazienti non Covid (e dei loro accompagnatori) in ospedale

|

I consumi dell’UE minacciano ecosistemi ricchi di biodiversità cruciali per la lotta al cambiamento climatico

|

Ruggero, l’attivista che fa lo sciopero della fame per difendere il clima

|

Ètico sartoria marchigiana, natura e moda si incontrano in un antico borgo – Io Faccio Così #341

|

Fondazione Valsesia: un aiuto ai territori per creare una comunità di valle

|

Il mondo di Italia Furlan: riciclo creativo, moda etica, dislessia ed ecologia

|

Covid: eticità e trasparenza della comunicazione scientifica e sanitaria sono davvero garantite?