Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia

La mappa dell'Italia che Cambia

Diritti a Sud

Diritti a Sud

Diritti a Sud nasce a Nardò nel 2014 dall’esperienza del comitato NO-CAP, che dal 2009 operava nelle campagne di Nardò per l’integrazione e la difesa dei diritti della comunità di migranti impegnati stagionalmente nel lavoro agricolo.

Diritti a Sud è una comunità composta da sensibilità differenti accomunate dal dovere morale di aiutare chi si trova a vivere condizioni di disagio. Ogni giorno aiuta e sostiene le persone straniere che vivono a Nardò nel loro, non sempre facile, percorso d’integrazione.

Diritti a Sud ogni settimana organizza la scuola di italiano per stranieri che accoglie chiunque voglia imparare la lingua. Diritti a Sud è impegnata anche nell’ambito dell’autorecupero.

Con il progetto “Casa Musse”, un rifugio fatiscente e pericolante abitato da ragazzi sudanesi è stato interamente restaurato e arredato grazie alla collaborazione tra migranti e attivisti utilizzando materiali di recupero.

Diritti a Sud è tra le realtà che portano avanti il progetto SfruttaZero. Il progetto Sfruttazero è nato nel 2015 dalla collaborazione di tre realtà associative che operano al Sud Italia, Diritti a Sud (Nardò, LE), Solidaria (Bari) e Osservatorio Migranti Basilicata, per affermare e tutelare i diritti delle persone straniere che vivono nei nostri territori, cercando di facilitare il loro non sempre facile processo di integrazione.

Sfruttazero nasce per contrastare il triste fenomeno dello sfruttamento del lavoro. Abbiamo scelto di farlo lavorando in agricoltura, settore in cui lo sfruttamento assume purtroppo le pesanti vesti del caporalato e della riduzione in schiavitù.

Sfruttazero ha prodotto, curando tutta la filiera produttiva, una buonissima passata di pomodoro, pulita, perchè trasformata da pomodori non trattati ed etica, perchè rispettosa dei lavoro delle persone.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Contatta la realtà

Indirizzo

Sito

Email

Facebook

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci