La mappa dell'Italia che Cambia

L’Orto di Sole

L’Orto di Sole

Il progetto nasce in provincia di Torino da un’idea di Dario Pugliese, agricoltore e architetto paesaggista, grazie al particolare periodo storico del 2020 che gli fornisce la motivazione giusta per partire e avviare un’idea che già da tempo girava tra le mura di casa.

Si tratta del progetto “Adotta il tuo Orto”, dove gli interessati possono adottare un orto famigliare, decidendo quali verdure seminare, per poi vedersele recapitate direttamente a casa, fresche e genuine. I principi applicati sono quelli dell’agricoltura biologica e sinergica e le difese delle piante vengono effettuate con metodi naturali e prodotti rispettosi dell’ambiente. Ad oggi il progetto può gestire una cinquantina di orti, ma sono già nell’aria idee di aumentare la capacità e diversificare la clientela indirizzandosi verso le aziende (che potrebbero utilizzare l’orto come benefit per i propri dipendenti) e anche permettendo di regalare l’orto a qualcuno.

Oltre ad adottare un orto, è possibile anche acquistare i prodotti coltivati dall’Orto recandosi di persona.

Ultimo aggiornamento del 08 Dicembre 2020

Contatta la realtà

Indirizzo

Email

Telefono

Facebook

Instagram

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci