Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia

La mappa dell'Italia che Cambia

La luna al guinzaglio

La luna al guinzaglio

L’associazione culturale La luna al guinzaglio, attiva dal 2003, ha inaugurato nel 2008 un’officina creativa dal nome Il Salone dei Rifiutati.

Il Salone dei Rifiutati è un luogo d’arte e di creatività interamente imperniato su approcci ecologici finalizzati a combattere le logiche dell’”usa e getta” e a tradurre oggetti rotti, consumati o apparentemente inutili, in nuove dimensioni espressive.

Il Salone dei Rifiutati è un CEA (Centro di Educazione Ambientale) che lavora sulla possibilità di dare nuova vita e forme inedite agli oggetti e alle cose considerati di scarto: la sua poetica nasce infatti dal fascino dell’oggetto rotto come condensatore di emozioni e meraviglie, prezioso coagulo di tempo vissuto in antitesi con il mercato che tutto usa e cestina.

Il Salone dei Rifiutati promuove il riuso dei materiali innescando una sorta di ciclo tra le aziende, l’associazione, le scuole e il terzo settore: il materiale di scarto prodotto da alcune aziende presenti sul territorio viene recuperato dagli operatori del Salone che, tramite un meccanismo di tesseramento, lo forniscono agli istituti scolastici come materiale di cancelleria.

Tutti i materiali di scarto forniti dalle aziende attraverso dei protocolli di intesa sono raccolti e stoccati presso i locali del Salone dei Rifiutati e sono inoltre a totale disposizione dei tesserati che hanno la possibilità di prelevarne gratuitamente determinate quantità per i propri fantasiosi riusi.

Grazie alla presenza di una esuberante materia e al fascino, a volte nascosto, insito nella rianimazione creativa delle cose rotte e in disuso, Il Salone dei Rifiutati accoglie numerose visite didattiche da parte degli istituti scolastici, durante le quali bambini e docenti possono farsi stupire dalle infinite potenzialità delle cose e dalle loro trasformazioni e riflettere contestualmente sul chiaro messaggio di tutela ambientale di cui il Salone è foriero.

Secondo la logica dello scambio e della crescita continua il Salone si mette inoltre a disposizione come luogo in cui ottimizzare le risorse umane e logistiche. Parte dello spazio interno al Salone è infatti una officina creativa che lavora anche con realtà esterne per un ulteriore sviluppo del territorio e per la creazione di una rete di cui La luna al guinzaglio si fa promotrice.

Articoli che parlano di questa realtà

Io faccio così #24 – La luna al guinzaglio, a Potenza i rifiuti diventano opere d’arte

Approfondisci

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Contatta la realtà

Indirizzo

Sito

Email

Facebook

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci