La mappa dell'Italia che Cambia

Salento Waldorf

Salento Waldorf

Un bambino nel suo primo settennio ha una particolare predisposizione a nutrire il suo gioco con fantasia sempre più viva e presente. Secondo la pedagogia steineriana è proprio attraverso il gioco che il bambino sviluppa in sé le forze della creatività e elasticità di pensiero necessarie per affrontare – al momento opportuno – gli stimoli scolastici e la sua futura vita.

L’unica regola è la libertà di espressione nel gioco senza nessun condizionamento. È quindi necessario che i giocattoli siano molto semplici (sassi, conchiglie, pezzetti di legno, …) o siano manufatti con materiali naturali e pochi particolari definiti. in questo modo le creatrici forze di fantasia possono essere utilizzate senza limiti e riserve. Questo accade negli asili Waldorf.

Al primo settennio con il giardino d’infanzia segue il progetto didattico per il secondo settennio.
Il periodo che va dalla maturità scolare fino alle porte dell’adolescenza è un altro gradino di crescita fondamentale. Il secondo settennio vede il bambino aprirsi al mondo attraverso la propria sfera emotiva.

Il maestro Danilo Sava, presidente di Salento Waldorf, lavora da anni nel campo della promozione di una nuova coscienza educativa nel territorio salentino. Assieme alla A.P.S. “Il Giardino delle Stelle”, si sta adoperando per creare una scuola Steineriana a Lecce.

Ultimo aggiornamento del 08 Dicembre 2020

Contatta la realtà

Indirizzo

Sito

Email

Facebook

Youtube