5 Giu 2014

Io faccio così in Tour #3 – Davide Gomba: Arduino e il Fablab, quando l'innovazione parla italiano

“L’Italia che cambia è un’Italia più consapevole di se stessa e di quello che sta avvenendo nel mondo. Forse l’Italia […]

“L’Italia che cambia è un’Italia più consapevole di se stessa e di quello che sta avvenendo nel mondo. Forse l’Italia che cambia è l’Italia che spegne la televisione”.
È quanto afferma Davide Gomba, ceo delle Officine Arduino, la società che realizza la celebre scheda elettronica rilasciata in opensource.
 


Arduino è una scheda elettronica di piccole dimensioni e dal costo contenuto, utile per creare rapidamente prototipi. Il nome della scheda deriva da quello di un bar di Ivrea frequentato da alcuni dei fondatori del progetto. Con Arduino si possono realizzare in maniera relativamente rapida e semplice piccoli dispositivi.
 

arduino

Nata e portata avanti da giovani talenti torinesi, Officine Arduino da un lato sviluppa nuove idee e prodotti “open” e dall’altro ospita il nuovo FabLab Torino. Un’azienda nuova, una combinazione di azienda, FabLab e Makerspace che affianca Arduino in diversi settori.

Il Fablab Torino é un laboratorio di sperimentazione basato su macchine per la fabbricazione digitale. L’esperienza nasce da forze ed esigenze diverse con un unico obiettivo: portare la Digital Fabrication e la cultura Open Source in un luogo fisico, dove macchine idee persone e approcci nuovi si possano mescolare liberamente. Il Fablab funziona spesso, infatti, anche come Hub di competenze, in cui le persone che lo frequentano trovano tra gli altri utenti le competenze necessarie per concretizzare i loro progetti. Si cerca dunque di facilitare scambi orizzontali di competenze e capacità tra le persone.

davide_gamba
 
I FabLab nascono per dare la possibilità a chiunque di prodursi “praticamente qualsiasi cosa”, in base alle proprie esigenze ed evitando gli sprechi derivanti dalla sovrapproduzione. “Io immagino – afferma Davide Gomba – un futuro dove non ci saranno tantissime sovrapproduzioni di prodotti perché questa filiera molto più corta permetterà di produrre quello di cui c’è veramente bisogno”.
 

Per saperne di più leggi:

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

io-faccio-cosi-libro-70810Daniel Tarozzi

Io faccio così
Viaggio in camper alla scoperta dell’Italia che cambia

 
 

Articoli simili
SITUnito: social innovators che progettano il futuro dell’imprenditoria
SITUnito: social innovators che progettano il futuro dell’imprenditoria

2007-2017: a dieci anni dalla crisi, siamo ancora in crisi?

Italia che Cambia e Fondazione CON IL SUD: nasce una nuova collaborazione!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Microfinanza: l’economia a misura di persona riparte dalla Calabria

|

In Sudafrica per proteggere gli animali: la storia di Alberto e Francesco

|

“È stregoneria”, ovvero come il colonialismo europeo ha cancellato millenni di storia africana

|

Maghweb: raccontare il cambiamento è parte integrante dell’azione sociale

|

La nuova vita di Claudio e Lara, custodi di un antico castagneto sul Pratomagno

|

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”