5 Giu 2014

Io faccio così in Tour #3 – Davide Gomba: Arduino e il Fablab, quando l'innovazione parla italiano

“L’Italia che cambia è un’Italia più consapevole di se stessa e di quello che sta avvenendo nel mondo. Forse l’Italia […]

“L’Italia che cambia è un’Italia più consapevole di se stessa e di quello che sta avvenendo nel mondo. Forse l’Italia che cambia è l’Italia che spegne la televisione”.
È quanto afferma Davide Gomba, ceo delle Officine Arduino, la società che realizza la celebre scheda elettronica rilasciata in opensource.
 


Arduino è una scheda elettronica di piccole dimensioni e dal costo contenuto, utile per creare rapidamente prototipi. Il nome della scheda deriva da quello di un bar di Ivrea frequentato da alcuni dei fondatori del progetto. Con Arduino si possono realizzare in maniera relativamente rapida e semplice piccoli dispositivi.
 

arduino

Nata e portata avanti da giovani talenti torinesi, Officine Arduino da un lato sviluppa nuove idee e prodotti “open” e dall’altro ospita il nuovo FabLab Torino. Un’azienda nuova, una combinazione di azienda, FabLab e Makerspace che affianca Arduino in diversi settori.

Il Fablab Torino é un laboratorio di sperimentazione basato su macchine per la fabbricazione digitale. L’esperienza nasce da forze ed esigenze diverse con un unico obiettivo: portare la Digital Fabrication e la cultura Open Source in un luogo fisico, dove macchine idee persone e approcci nuovi si possano mescolare liberamente. Il Fablab funziona spesso, infatti, anche come Hub di competenze, in cui le persone che lo frequentano trovano tra gli altri utenti le competenze necessarie per concretizzare i loro progetti. Si cerca dunque di facilitare scambi orizzontali di competenze e capacità tra le persone.

davide_gamba
 
I FabLab nascono per dare la possibilità a chiunque di prodursi “praticamente qualsiasi cosa”, in base alle proprie esigenze ed evitando gli sprechi derivanti dalla sovrapproduzione. “Io immagino – afferma Davide Gomba – un futuro dove non ci saranno tantissime sovrapproduzioni di prodotti perché questa filiera molto più corta permetterà di produrre quello di cui c’è veramente bisogno”.
 

Per saperne di più leggi:

io-faccio-cosi-libro-70810Daniel Tarozzi

Io faccio così
Viaggio in camper alla scoperta dell’Italia che cambia

 
 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
OZ-Officine Zero, la multifactory che porta rigenerazione e innovazione nel cuore di Roma – Io Faccio Così #348
OZ-Officine Zero, la multifactory che porta rigenerazione e innovazione nel cuore di Roma – Io Faccio Così #348

Imprese socialmente innovative in Sicilia, ecco un master per sostenerle e metterle in rete
Imprese socialmente innovative in Sicilia, ecco un master per sostenerle e metterle in rete

Smart Walking Fest: e se unissimo il lavoro da remoto e i viaggi a piedi?
Smart Walking Fest: e se unissimo il lavoro da remoto e i viaggi a piedi?

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Iran, tre giorni di sciopero contro il regime – #633

|

Coca-Cola è la regina dei rifiuti plastici: cosa fare per fermare le multinazionali inquinanti?

|

Cosa porta sofferenza e cosa porta felicità? Alcune riflessioni sulla ricerca spirituale

|

Tra falafel e cultura, a Palermo Fateh Hamdan si batte per la Palestina e i diritti civili

|

RECUP Roma: “Ridiamo un valore sociale a quel cibo che ha perso valore economico”

|

Il Gridas e il “modello Scampia”: unire le forze per far rinascere le periferie – Dove eravamo rimasti #6

|

Gigliola Sigismundi: “Medicina forestale e olii essenziali, le grandi passioni che ho trasformato in lavoro”

|

Alla riscoperta di un’Italia poco conosciuta, fra borghi e piccoli contadini