22 Lug 2014

Obiettivo raggiunto, grazie a tutti!

  Grazie a tutte, grazie a tutti! Partiamo nel modo più banale ma più sincero e sentito per tirare le […]

 

Grazie a tutte, grazie a tutti! Partiamo nel modo più banale ma più sincero e sentito per tirare le somme di questa campagna di crowdfunding che si è conclusa nel migliore dei modi, ovvero con il raggiungimento dell’obiettivo di 15.000 euro.
Grazie per mantenere quello spirito generoso e positivo che una società sempre più individualista sta cercando di portarci via.
Grazie per aver riconosciuto il valore del lavoro che nel nostro piccolo – un piccolo che sta diventando grande – abbiamo portato avanti negli ultimi mesi.
Grazie per credere in un progetto che non è solo una start-up, non è solo un’associazione no-profit, non è solo una testata giornalistica, ma è anche – forse soprattutto – un sogno che vogliamo condividere con voi.

 

La promessa che vi facciamo è che la donazione che avete effettuato non sarà un semplice, per quanto gradito, contributo “a fondo perduto”. Servirà a finanziare la costruzione e il funzionamento di una grande rete che, per la prima volta, interconnetterà le innumerevoli realtà che nel nostro paese stanno portando avanti un vero cambiamento sociale, politico, economico e culturale. Di questa rete, il cui punto di riferimento sarà il portale che stiamo progettando, potrete usufruire voi stessi per conoscere le attività che appartengono a essa e accedere ai servizi, ai beni, alle opportunità che offrono. Sempre con la certezza di rivolgervi a persone e aziende il cui valore cardine è la sostenibilità etica e ambientale.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

 

Questo breve ma sentito ringraziamento vuole quindi risuonare soprattutto come un invito a continuare a seguirci, a interagire con noi e a entrare a far parte in maniera attiva di questa Italia che cambia!

 

Il viaggio è appena cominciato!

Grazie a tutti i nostri sostenitori!

 

 

foto di gruppo

 

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Colombia, polizia fuori controllo – Io Non Mi Rassegno #364

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

|

Plogging: un gruppo di amiche contagia l’intera città

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5