7 Apr 2017

Ristorante vegano vieta il biberon con il latte vaccino

Scritto da: Tamara Mastroiaco

Un ristorante vegano spagnolo chiede con un cartello esposto sulla porta di non alimentare nel proprio locale i bambini con il latte vaccino. Si scatena la polemica sul web e sui giornali locali.

I proprietari del ristorante vegano spagnolo El Vergel, situato nel centro di Tarragona, vicino la Cattedrale della città, hanno adottato una politica rigorosa verso i propri clienti, chiedendo di non usare prodotti di origine animale nel locale, compreso il latte vaccino somministrato ai bambini tramite biberon. Un cartello esposto all’ingresso del ristorante esplicita la posizione dei commercianti: “Mamme, in questo ristorante vegano rispettiamo le mamme di tutte le specie; per questo motivo, qui, potete allattare i vostri figli al seno o dargli il latte estratto con il tiralatte, ma non potete alimentarli con il biberon contenente latte vaccino o di altri animali non umani. Esistono le alternative vegetali. Chiedete a noi! Per favore, collaborate, rispettando questa norma del nostro locale. Grazie”.

biberon-neonato_600
Una cliente, sebbene abbia letto il cartello sulla porta del ristorante, ha infranto la regola e, inoltre, pare non abbia gradito il consiglio discreto di un componente dello staff. Ha lasciato così un feedback negativo su TripAdvisor, affermando di essere stata umiliata da un membro del personale mentre allattava suo figlio con il biberon contenente latte vaccino. Il proprietario ha risposto al commento, dicendo che il suo dipendente ha lasciato delicatamente sul tavolo della signora un messaggio per ricordarle la politica del ristorante e il cartello esposto sulla porta d’ingresso, proprio per evitare di metterla in imbarazzo davanti agli altri clienti.

 

Ogni ristorante ha il proprio regolamento ma, poiché, l’esercizio pubblico in questione è vegano, è scoppiata immediatamente la polemica che ha avuto una notevole risonanza mediatica. E’ noto oramai che il veganismo fa notizia; giornalisti e giornali cavalcano l’onda, spesso, strumentalizzando i fatti, così come i carnisti ne approfittano per offendere con insulti da querela. Un esempio? Quelli lasciati per El Vergel sul portale web di viaggi, che pubblica le recensioni degli utenti riguardo le strutture ricettive come ristoranti, hotel: “Gestito da nazisti, evitare”, “Talebani e intolleranti”. I proprietari, turbati dalla tempesta di critiche ricevute a causa della loro scelta, hanno ribattuto, dicendo “che le mamme che allattano al seno sono le benvenute ma sono stanchi di accogliere genitori che alimentano i propri figli con il latte vaccino o con gli omogeneizzati”.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

 

Alla mamma che si è sentita offesa, i ristoratori hanno risposto che le madri veramente umiliate sono quelle delle altre specie che vengono violentate tutta la vita, ingravidandole artificialmente, alle quali vengono rubati i cuccioli dagli esseri umani per macellarli. Queste mamme ferite, addolorate, disperate sono le madri di tutte le altre specie animali non considerate umane (vacche, capre, pecore) che riempiono con il loro latte i biberon dei nostri piccoli umani.

 

 

Articoli simili
“Rompiamo il muro del pregiudizio, con dolci naturali e consapevoli”
“Rompiamo il muro del pregiudizio, con dolci naturali e consapevoli”

Appello all’unità del movimento vegetariano, vegan, animalista ed ecologista
Appello all’unità del movimento vegetariano, vegan, animalista ed ecologista

“Qui proteggiamo gli animali e diamo loro una seconda possibilità”
“Qui proteggiamo gli animali e diamo loro una seconda possibilità”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Ha senso il bonus acqua? – Io Non Mi Rassegno #391

|

Nasce il “Muratore di valle” che recupera le borgate alpine

|

Benedetta Altichieri: storia di una relazione tra culture differenti – Amore che Cambia #11

|

La malnutrizione, Sylvie e i suoi piccoli occhi scuri e vuoti

|

Climate Space: arte, cinema e musica per celebrare i 5 elementi naturali

|

L’economista Paolo Collini: serve un Recovery Plan sostenibile e per i giovani

|

Torna il Cammino delle Panchine, per ripartire dopo la pandemia

|

Centro Kratas, un’oasi spirituale ed ecologica tra i monti Sicani