31 Mag 2017

30 anni di MAG!

Sabato 17 giugno la MAG4 - storica realtà piemontese - festeggia 30 anni di vita e di pratica della finanza etica. L'appuntamento con la festa è fissato per sabato 17 giugno presso la Casa del Quartiere di San Salvario.

Vi proponiamo il comunicato stampa con cui la MAG4 annuncia la propria festa!

30 anni per costruire un circuito alternativo e autonomo rispetto al sistema bancario. 30 anni in cui abbiamo attraversato cambiamenti normativi e crisi finanziarie e di visione del mondo, e in cui abbiamo continuato ad essere una Mutua Auto Gestione: proprio per questo vogliamo festeggiare tutti insieme!

La mattinata è riservata ai soci, mentre dal pomeriggio le attività sono aperte a tutti e tutte: il programma prevede alle ore 14.30 la presentazione, con la presenza dell’autore, del libro Smarketing e a seguire un’analisi giocosa (ma non troppo) sulla comunicazione di MAG4 con Chiara Birattari e Marco Geronimi Stoll di rete smarketing.

30 anni mag 1496218989

Dalle 16 si cambia genere con la messa in scena di alcuni spezzoni teatrali e musicali realizzati dai nostri soci Nuovoteatrottanta, L’interezza non è il mio forte, Teatro a canone e Opificio musicale. Durante tutta la giornata sarà presente anche uno spazio informativo con notizie e materiali delle realtà socie di MAG4, e di MAG4 stessa.

Dal 1987 la MAG4 si adopera per realizzare un circuito di gestione del denaro autogestito e dal basso: in 30 anni, sono più di 450 i finanziamenti erogati a cooperative e associazioni di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, per più di 15 milioni di euro. Più di 1000 soci, sia persone fisiche che giuridiche, continuano a sostenere e a credere in questo tipo di finanza: legata all’economia reale, che non specula in borsa e che riconosce il denaro come un mezzo per l’attività economica, e non come il fine ultimo delle attività produttive.

La MAG4 è una realtà indipendente che non ricorre a nessun tipo di finanziamento o aiuto pubblico. Non è stata una scelta né facile, né premiata dal legislatore: in 30 anni hanno provato sempre di più a restringere gli spazi di autogestione finanziaria. Nonostante tutto, siamo ancora qui, vivi e solidi, e proprio per questo vogliamo festeggiare con tutte le persone e le realtà che ne avranno voglia.

E per una volta, non parliamo solo di denaro, ma di comunicazione efficace: nell’epoca del marketing spinto, spesso chi possiede dei contenuti non riesce a trovare lo spazio e il modo adatto per comunicarli. Abbiamo quindi deciso di invitare degli esperti di s-marketing, proprio per iniziare ad usare a modo nostro qualche strumento per comunicare meglio la MAG4 e le altre realtà del terzo settore.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

A Gaza è di nuovo guerra, ma diversa – Io Non Mi Rassegno #368

|

Lo sviluppo delle aziende nella transizione ecosostenibile

|

La storia di Simone: “Sono tornato in Sardegna per diffondere la cultura dello sport”

|

Un albero mi ha chiesto di danzare: la storia di due artiste che imparano dalla foresta

|

“Ci siamo trasferiti nel piccolo borgo di Velva e ora la nostra vita ha ritmi più lenti”

|

Mediazione tra pari: ecco la scuola dove i bambini fanno pace senza adulti

|

Parte Sicilia Che Cambia! Volete salire a bordo?

|

Fabrizio Cotza: un cambiamento culturale per non essere più schiavi del lavoro – Meme #36