27 Giu 2017

Pedala fuori dai luoghi comuni, in arrivo il BikePride 2017

Mercoledì 28 Giugno si terrà la conferenza di presentazione della ottava edizione del BikePride, che domenica 2 luglio invaderà pacificamente il centro di Torino.

TORINO – Mercoledì 28 giugno 2017, alle 12, presso la Sala Colonne (piazza Palazzo di Città, 1, Torino) si terrà la conferenza stampa della VIII edizione di “Bike Pride”, la parata di biciclette organizzata dall’Associazione Bike Pride Fiab Torino, con il Patrocinio del Comune di Torino, in programma per domenica 2 luglio, con partenza alle 15.30, come da tradizione, dal Parco del Valentino.

Slogan del 2017 è “Pedala fuori dai luoghi comuni”, per sfatare quei falsi miti e le fake news attribuiti all’uso della bicicletta (in città) e che nascono dalla scarsa conoscenza dell’argomento.

pedala fuori luoghi comuni arrivo bikepride 2017 1498492846

I falsi miti sulla bicicletta sono duri a morire – spiega Fabio Zanchetta, presidente di Bike Pride Fiab Torino – si autoalimentano e si diffondono creando disinformazione e scetticismo su un mezzo come la bicicletta che può portare solo benefici ambientali ed economici, per la salute di chi la usa e per la città. In queste settimane che anticipano il “Bike Pride” stiamo giocando sulle convinzioni più diffuse e sbagliate, dal “con la macchina faccio prima!” al “in bici respiro tutto l’inquinamento!” o “L’investimento economico sulla bicicletta porta beneficio solo a chi la usa”. Tutti pregiudizi che vogliamo spazzare via con dati, statistiche ed esempi italiani ed esteri.

Anche quest’anno l’organizzazione della parata è completamente autogestita e finanziata dall’associazione Bike Pride Fiab Torino che ha avviato una ricerca di sponsor e raccolta fondi chiedendo direttamente ai ciclisti, alle aziende bike friendly e alla cittadinanza di sostenere l’evento, con piccole donazioni, tramite la piattaforma di crowdfunding: https://buonacausa.org/cause/bike-pride-2017.

La conferenza stampa sarà occasione per avanzare all’Amministrazione le richieste dei ciclisti e ricordare alla Città che si è in tanti a usare la bicicletta ogni giorno, per andare a lavoro, all’università, a scuola o uscire con gli amici.
E’ stata invitata l’Assessora alla Mobilità e Trasporti Maria Lapietra.

L’evento è organizzato da Bike Pride Fiab Torino, con il Patrocinio del Comune di Torino, sostenuto da Bike id, Norauto Italia, Triciclo. Fotografi ufficiali: Reflex Tribe. In collaborazione con [TO]Bike, GG – Giovani Genitori, Quotidiano Piemontesee la partecipazione di Border Radio. Il pranzo dello staff e dei volontari sono offerti da Circolo Peperosso e Caffetteria Teca.

Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/1829324697394139/
Per sostenere il Bike Pride 2017: https://buonacausa.org/cause/bike-pride-2017.

Info: ufficiostampa@bikepride.it

Torino - Vuoi cambiare la situazione
dell'energia in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Decarbonizzare è un’esigenza immediata: quali soluzioni in Piemonte?
Decarbonizzare è un’esigenza immediata: quali soluzioni in Piemonte?

La comunità energetica di Caltanissetta apripista della transizione ecologica in Sicilia
La comunità energetica di Caltanissetta apripista della transizione ecologica in Sicilia

Comunità energetiche in Sardegna: ecco cosa succede sull’isola
Comunità energetiche in Sardegna: ecco cosa succede sull’isola

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La transizione di Biden svanisce fra petrolio e trivelle? – #554

|

Modicaltra, i cittadini si mettono insieme per rigenerare la città e fermare il consumo di suolo

|

Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo

|

Guglielmo Rapino si racconta a I(n)spira-Azioni: “Da anni viaggio per il mondo per difendere i diritti umani” – #13

|

Comunicazione nonviolenta, Covid, Ucraina: in cerca di dialogo in tempo di polarizzazione sociale

|

Eugenio: “Vi racconto la mia esperienza di vita in val Borbera”

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra