Etica SGR
13 Lug 2017

Cambratech: l’Imprenditore cieco che produce e testa oggetti per non vedenti

Scritto da: Paolo Cignini

A Cameri, in provincia di Novara, Raul Pietrobon ha fondato Cambratech, un’azienda che si occupa di produrre vendita, via corrispondenza e al dettaglio presso la sede, di materiale per persone disabili ed in particolare si rivolge a persone non vedenti (ciechi) ed ipovedenti. Raul è egli stesso non vedente e testa direttamente gli oggetti che la sua azienda commercializza.

cambratech impreditore cieco produzione oggetti non vedenti 1

È proprio vero che nella vita c’è chi nasce soluzione e chi problema. Con Raul Pietrobon siamo oltre la prima categoria: chi nel problema vede un’opportunità, contribuendo a migliorare l’esistenza di chi vive il disagio quotidiano di chi vive nella cecità.

Siamo a Cameri, in provincia di Novara, sede della Cambratech, un’azienda fondata da Raul Pietrobon stesso nel 2001 e che si occupa di progettare e vendere articoli dedicati a persone disabili per l’autonomia quotidiana, specialmente rivolti a non vedenti ed ipovedenti; lo stesso fondatore è un non vedente, che di fronte ai problemi vissuti in passato per reperire alcuni oggetti ha deciso di diventare imprenditore lui stesso per produrli direttamente o tramite partnership apposite, in collaborazione con sua moglie e alcuni collaboratori: alcuni di quest’ultimi lavorano nel Centro tiflotecnico della Lombardia, che Cambratech gestisce

Il nome è un connubio tra il nome in dialetto del suo paese e un omaggio all’innovazione. Il luogo a Cameri è un punto vendita che distribuisce i prodotti sia al dettaglio che per corrispondenza. La Cambratech produce sia direttamente alcuni degli articoli che vende, mentre altri provengono da fornitori avente sede in Nord Europa, Stati Uniti, Canada, Cina e Corea. Tra bastoni, accendini senza fiamma, caricabatterie e fornelli parlanti, elettrodomestici che impediscono di ustionarsi, puzzle tattili e palloni sonori (solo per citarne alcuni) la scelta dei prodotti è ampia: ognuno di questi viene testato direttamente da persone non vedenti, per offrire il prodotto migliore e più sicuro possibile.

Oltre all’aggiornamento continuo del catalogo, grazie alle importazioni dirette Cambratech riesce a tenere accessibili i prezzi dei prodotti, uno degli obiettivi principali di Pietrobon quando ha aperto l’azienda. Ora l’ultima novità è Horus, un impianto capace di riconoscere testi, oggetti e persone avvisando automaticamente l’utente tramite induzione ossea.

Grazie al lavoro continuo e alla ricerca e progettazione di nuovi prodotti, la Cambratech vuole porsi come uno dei punti di riferimento per contribuire alla migliore autonomia possibile per persone non vedenti: a questo scopo l’azienda collabora da anni con moltissime sedi dell’U.I.C.I., l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, sparse nel territorio italiano.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Cascina Rapello diventa accessibile per rendere più inclusive le attività in natura
Cascina Rapello diventa accessibile per rendere più inclusive le attività in natura

Quattro giovani imprenditrici dell’Appennino premiate da Fondazione Garrone
Quattro giovani imprenditrici dell’Appennino premiate da Fondazione Garrone

Gruppo Schneider: il mondo tessile tra agricoltura rigenerativa e tracciabilità
Gruppo Schneider: il mondo tessile tra agricoltura rigenerativa e tracciabilità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

I diritti Lgbtq+ stanno diventando una questione geopolitica? – #739

|

Wildfox, un’estate di cammini dedicati ai più piccoli, con o senza genitori

|

Dalla scuola al disarmo, tanti semi di pace gettati da Eirenefest 2023

|

L’Ecopsicologia per promuovere una vita consapevole e in connessione con la natura

|

Inclusività: la piscina di Alassio e la Comunicazione Aumentativa Alternativa

|

Deafal: “Rigenerare i suoli per rigenerare la società” – Io Faccio Così #386

|

Vivere con arte: ecco come l’espressione artistica ci può aiutare a stare meglio

|

Cascina Rapello diventa accessibile per rendere più inclusive le attività in natura