25 Set 2017

Conto alla rovescia per la Sagra del Cinema!

Scritto da: Daniela Bartolini

Torna il 30 settembre e il 1 ottobre l'evento di Associazione Cinespazio al Teatro Dovizi di Bibbiena. Un viaggio nel cinema a basso costo e un'edizione, la numero quindici, che lancia una nuova stagione di cinema e cultura in Casentino.

C’è urgenza di ripartire presto quest’anno, di ritrovarsi nel buio magico della sala, fianco a fianco con amici, noti e possibili, dell’incontro a luci accese dopo la proiezione dove si incontrano visioni diverse, dove ci si confronta che sia sull’estetica che sui contenuti o su latro ancora.

Il cinema per Cinespazio e i suoi amici cinespaziali è sempre stato questo: divertimento, amicizia, cultura. Un’azione politica anche, non solo in difesa dell’unico cinema rimasto in vallata ma anche di ciò che questo rappresenta.
Infondo oggi possiamo comodamente vedere da casa tutto ciò che desideriamo, dal “vecchio” film d’essay all’ultima uscita. Ma siamo sicuri che sia la stessa cosa, la stessa esperienza che vedere lo stesso film in una sala cinematografica?
La differenza la fa sopratutto il “clima”, infondo si può essere soli anche in compagnia.
La differenza sostanziale delle rassegne, dei “giovedì dessè” e delle altre proposte di Cinespazio sta proprio qui. Si va al cinema insieme, è una chiamata alla visione ma anche all’incontro, alla relazione, allo scambio. L’esperienza non finisce con le luci che si accendono.

E forse è proprio questo ad aver creato il piccolo miracolo, in controtendenza con le presenze in sala nel normali giorni di programmazione cinematografica, di riempire 40/80 posti nel Cinema di Soci durante il rigido inverno casentinese, o della sala del Teatro Dovizi gremita nel fine settimana per la Sagra del Cinema.
Il “successo” indica che c’è un bisogno che è stato raccolto.
Funzione sociale. Questo è ciò che spesso ci scordiamo del cinema e che Cinespazio e tante, fortunatamente, realtà di cineamatori, di produzioni indipendenti che decidono di promuovere i propri film solo nelle sale e con la presenza dei registi, riescono ancora a proporre nel nostro paese.

Così l’anno di Cinespazio inizia prima del consueto, proponendo il tradizionale appuntamento della Sagra del Cinema già nel prossimo fine settimana anziché a novembre. Una scelta fatta per anticipare anche l’inizio dei giovedì dessé al Cinema Italia di Soci e proporre un più ricco calendario di eventi nella stagione autunno-inverno.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Sarebbe la XV edizione della Sagra del Cinema ma Cinespazio lancia un messaggio proponendo l’edizione “-15”. Quel “meno” decrescente indica da una parte lo sguardo al passato, l’omaggio che questa sagra fa alla prima mitica edizione dedicata ai “SuperB” ed anche all’entusiasmo con il quale questa iniziativa è nata, dall’altra parte è in sintonia con il tema che rimanda ad un cinema a basso costo ma non a bassa qualità. E fa pensare anche a qualcos’altro, al fare dal basso e con poche risorse, al creare artigianale, al bisogno di risparmiare energie e risorse pur mantenendo alto l’impatto positivo delle nostre azioni.

Tutto questo è la Sagra del Cinema, ecco a voi il programma!

conto alla rovescia sagra del cinema 1506335131

Articoli simili
FestivalAlContrario: musica, arte e natura per far rivivere il territorio
FestivalAlContrario: musica, arte e natura per far rivivere il territorio

In Calabria arte e cultura per combattere l’oicofobia, la paura di casa
In Calabria arte e cultura per combattere l’oicofobia, la paura di casa

La “libreria aperta” che fa sbocciare relazioni: la storia di Cabella in Piazza
La “libreria aperta” che fa sbocciare relazioni: la storia di Cabella in Piazza

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne