25 Set 2017

Conto alla rovescia per la Sagra del Cinema!

Scritto da: Daniela Bartolini

Torna il 30 settembre e il 1 ottobre l'evento di Associazione Cinespazio al Teatro Dovizi di Bibbiena. Un viaggio nel cinema a basso costo e un'edizione, la numero quindici, che lancia una nuova stagione di cinema e cultura in Casentino.

C’è urgenza di ripartire presto quest’anno, di ritrovarsi nel buio magico della sala, fianco a fianco con amici, noti e possibili, dell’incontro a luci accese dopo la proiezione dove si incontrano visioni diverse, dove ci si confronta che sia sull’estetica che sui contenuti o su latro ancora.

Il cinema per Cinespazio e i suoi amici cinespaziali è sempre stato questo: divertimento, amicizia, cultura. Un’azione politica anche, non solo in difesa dell’unico cinema rimasto in vallata ma anche di ciò che questo rappresenta.
Infondo oggi possiamo comodamente vedere da casa tutto ciò che desideriamo, dal “vecchio” film d’essay all’ultima uscita. Ma siamo sicuri che sia la stessa cosa, la stessa esperienza che vedere lo stesso film in una sala cinematografica?
La differenza la fa sopratutto il “clima”, infondo si può essere soli anche in compagnia.
La differenza sostanziale delle rassegne, dei “giovedì dessè” e delle altre proposte di Cinespazio sta proprio qui. Si va al cinema insieme, è una chiamata alla visione ma anche all’incontro, alla relazione, allo scambio. L’esperienza non finisce con le luci che si accendono.

E forse è proprio questo ad aver creato il piccolo miracolo, in controtendenza con le presenze in sala nel normali giorni di programmazione cinematografica, di riempire 40/80 posti nel Cinema di Soci durante il rigido inverno casentinese, o della sala del Teatro Dovizi gremita nel fine settimana per la Sagra del Cinema.
Il “successo” indica che c’è un bisogno che è stato raccolto.
Funzione sociale. Questo è ciò che spesso ci scordiamo del cinema e che Cinespazio e tante, fortunatamente, realtà di cineamatori, di produzioni indipendenti che decidono di promuovere i propri film solo nelle sale e con la presenza dei registi, riescono ancora a proporre nel nostro paese.

Così l’anno di Cinespazio inizia prima del consueto, proponendo il tradizionale appuntamento della Sagra del Cinema già nel prossimo fine settimana anziché a novembre. Una scelta fatta per anticipare anche l’inizio dei giovedì dessé al Cinema Italia di Soci e proporre un più ricco calendario di eventi nella stagione autunno-inverno.

Sarebbe la XV edizione della Sagra del Cinema ma Cinespazio lancia un messaggio proponendo l’edizione “-15”. Quel “meno” decrescente indica da una parte lo sguardo al passato, l’omaggio che questa sagra fa alla prima mitica edizione dedicata ai “SuperB” ed anche all’entusiasmo con il quale questa iniziativa è nata, dall’altra parte è in sintonia con il tema che rimanda ad un cinema a basso costo ma non a bassa qualità. E fa pensare anche a qualcos’altro, al fare dal basso e con poche risorse, al creare artigianale, al bisogno di risparmiare energie e risorse pur mantenendo alto l’impatto positivo delle nostre azioni.

Tutto questo è la Sagra del Cinema, ecco a voi il programma!

conto alla rovescia sagra del cinema 1506335131

Articoli simili
Feminism, torna la fiera dell’editoria delle donne! (SOSPESO)
Feminism, torna la fiera dell’editoria delle donne! (SOSPESO)

Le giurie e i premi della quinta edizione del Torino Underground Cinefest

Torna a Torino “Mini Maker Faire”, la fiera all’insegna dell’innovazione e del riuso

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Microfinanza: l’economia a misura di persona riparte dalla Calabria

|

In Sudafrica per proteggere gli animali: la storia di Alberto e Francesco

|

“È stregoneria”, ovvero come il colonialismo europeo ha cancellato millenni di storia africana

|

Maghweb: raccontare il cambiamento è parte integrante dell’azione sociale

|

La nuova vita di Claudio e Lara, custodi di un antico castagneto sul Pratomagno

|

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”