1 Mar 2016

Arte e Pace, il Pane dell’Aurora

Scritto da: Daniela Bartolini

Dal 5 al 29 marzo presso la Chiesa Vecchia di Soci (Ar) una mostra collettiva di pittura, scultura, mosaico, arti multimediali, performance e open talk per parlare di Pace attraverso l'arte.

L’arte contemporanea, portatrice di solidarietà contro la violenza all’umanità e alla natura. Giunge alla seconda edizione il progetto ARTE E PACE, organizzato e curato da Ulrike Schneider fondatrice di “Silenceart” che riunisce artisti nel comune scopo di concretizzare una vera alleanza fra arte – natura –  spiritualità.

Il progetto ARTE E PACE vuole contribuire ad approfondire e ad ampliare la nozione dell’arte e creare momenti in cui l’arte, come specchio della società, si integri alla dinamica di vita. In ARTE E PACE l’arte, nelle sue varie declinazioni, diventa mezzo per esprimere il tema della violenza all’umanità e alla natura, per dimostrare il nostro senso di fraternità e di solidarietà.

“Non si tratta di cercare nuove teorie socio – politiche, ma di fare esperienza concreta della tripartizione sociale – spiega Ulrike – Così nella vita spirituale si deve sperimentare la libertà, in quella politica la fraternità ed in quella economica l’amore. Fare spazio per la pace nell’anima per segnalare la direzione in cui procedere per riequilibrare il rapporto tra uomo e natura.”
Fraternità e solidarietà sono quindi il punto in cui arte e pace si ritrovano e si interconnettono a livello più profondo.

La mostra collettiva di pittura, mosaico, scultura, resterà aperta dal 5 al 29 marzo presso la Vecchia Chiesa di Soci (Ar) e include azioni di diversa natura: da performances a video-installazioni, da momenti di meditazione e riflessione, a incontri di approfondimento e confronto sul tema della pace.
Mario Bettazzi, Marzia Dodarelli, Gianfranco Eddone, Davide Ferrari,Renato e Nazareno Flenghi, Roberta Norcini, Lalla Lippi, Piero Pineroli, Rodolfo Savini, Ulrike Schneider, Claudio Secciani, Giuliano Del Sorbo, Marisa Vannucci sono gli artisti che esporranno per Arte e Pace.
La mostra oltre al patrocinio del Comune di Bibbiena è frutto della collaborazione con alcune associazioni locali e internazionali: Pro Loco Soci, Jerusalemway, La Pagoda, La Via dell’Albero ed EchoArt.
Ciascuno inscenerà la propria visione, il proprio desiderio di pace: pace dei sensi, del corpo, dell’animo come condizione indispensabile all’uomo per guardarsi dentro, riscoprirsi creatura fra creature.

L’inaugurazione è prevista per sabato 5 marzo alle ore 17.30 con la performance e video-Instalazione “Togliti i tappi” di Ulrike Schneider. A seguire “Musica nutriente” a cura di Davide Ferrari dell’associazione “Echo Art” e cocktail.

Domenica 6 marzo alle 17,00 nell’open talk and reading “Dalle sorgenti continua zampilare acqua limpida e l’essenza dell’arcobaleno” condotto da Francesco Maria Rossi si confronteranno sul tema della pace daniabartolini@gmail.com Presidente del centro Olistico del Casentino “La via dell’ Albero”, Rodolfo Savini, presidente del centro buddista “La Pagoda” di Pieve a Socana, Ulrike Schneider artista fondatrice del gruppo Silenceart e Secondo Audenino Diacono di Arezzo e oblato Camaldolese.

Molti i momenti animati dall’associazione “La Via dell’Albero”: sabato 12 marzo alle ore 21.00, Carolina Oro proporrà un incontro di Biodanza dedicato alla “La poetica dell’incontro umano”; giovedì 17 marzo alle 21.00 nella vecchia chiesa daniabartolini@gmail.com condurrà una Meditazione per la Pace che verrà riproposta anche sabato 19 marzo alle 20.30 insieme al Concerto Meditativo “Il movimento dell’anima” con Anna Iorio , in arte Sorgente.

Domenica 13 marzo dalle 16.00 inaugurazione della mostra “Bambini per la pace”, con i disegni realizzati dai bambini di Soci durante la prima manifestazione ARTE E PACE nel 2015 presso gli ex lavatoi di Soci. A seguire laboratorio di creatività e colori a cura dell’associazione “La Via dell’ Albero”.

Orario di apertura mostra: ogni sabato e domenica dalle ore 17,00 alle 19,00 oppure su appuntamento al 3331399722.
Ingresso libero a tutti gli eventi e alla mostra.
Info:silenceartinfo@gmail.com

Articoli simili
Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia
Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli
Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

Corto e Fieno, il cinema che racconta il mondo rurale tra ville, stalle e fienili
Corto e Fieno, il cinema che racconta il mondo rurale tra ville, stalle e fienili

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale