29 Nov 2017

Rifiuti pericolosi: tremila tonnellate scaricate nelle campagne torinesi

Rifiuti illeciti smaltiti nella perfieria di Torino. Denunciato l'amministratore della società immobiliare autrice del gesto. In corso accertamenti per rintracciare i materiali inquinanti.

Oltre tremila tonnellate di rifiuti. I Carabinieri del Noe di Torino hanno scoperto in un’area industriale alla periferia della città una discarica a cielo aperto frutto di un traffico di smaltimento illecito di rifiuti. I militari hanno denunciato un settantenne torinese, amministratore di una società immobiliare, e due nomadi.

L’episodio è accaduto in seguito al fallimento di un’azienda attiva nelle costruzioni stradali. Il curatore fallimentare al termine della procedura concorsuale si è accordato per lo smaltimento dei rifiuti rimasti con la società immobiliare, proprietaria del capannone e dello spiazzo circostante su cui operava la ditta fallita. Il tutto nel rispetto della normativa ambientale.

rifuti pericolosi tremila tonnellate campagne torinesi

La proprietà, però, invece di rivolgersi a una ditta autorizzata, ha fatto ricorso a un gruppo di nomadi che, a poco prezzo e in modo completamente illecito, ha scaricato i materiali (vernici, solventi, fusti contenenti oli esausti e bitumi, pneumatici, batterie e parti di autoveicoli, terre di scavo e legname) nelle campagne torinesi con grave danno per l’ambiente.

Al momento sono ancora in corso accertamenti per rintracciare i rifiuti illecitamente smaltiti.

Finché non si agirà con forza per contrastare questi fenomeni con una legislazione più severa e con reali azioni di controllo sarà difficile poterci definire un paese civile!

In attesa che le istituzioni mettano in campo politiche efficaci, non ci resta – come sempre – che ricordarci che il cambiamento parte da noi, dalle nostre azioni quotidiane e dal controllo del territorio in cui viviamo.

Se vuoi attivarti per cambiare la situazione relativa ai cicli produttivi e alla gestione dei rifiuti leggi i risultati del tavolo rifiuti nella sezione “visione 2040” di Italia che Cambia.

Torino - Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
24 ore per raccontare il valore e le potenzialità del Riuso nell’economia circolare

Da scarto a risorsa: chi sono gli imprenditori dell'Economia Circolare?

Piemonte Plastic Free: il sogno di unire i comuni nella lotta alla plastica

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Famiglie, relazioni, sesso: cosa succede in Italia

|

Aumento delle bollette 2021: cosa c’è dietro ai rincari dei prezzi di gas ed energia?

|

Cosa possiamo aspettarci dalla COP26 sul clima?

|

Perché scendere in piazza per il clima? Anche il Piemonte sciopera con Fridays for Future

|

Fridays for Future e il Parco di Portofino: “Il Ministero non cancelli il nostro futuro”

|

Cambiamenti climatici: inizia un autunno molto caldo

|

Dall’arte alla psicologia, l’impegno di Paolo Valerio per il mondo transgender – Amore Che Cambia #25