12 Gen 2018

Approvati gli accordi di base della Rete delle Reti!

Scritto da: Redazione

Nell'incontro di Torino tenutosi a dicembre, la Rete delle Reti ha approvato gli accordi di base. Ecco in cosa consistono e quali saranno i prossimi passi.

A circa cinque mesi dalla nascita, la Rete delle reti ufficializza i propri accordi di base, condivisi dai soggetti membri. Nell’incontro che si è tenuto a Torino il 17 dicembre – ospiti questa volta del Movimento per la decrescita felice – è infatti stato approvato il documento definito durante l’incontro precedente.

Panta Rei 1 Pallante

Si tratta di una serie di accordi che stabiliscono le modalità con cui i soggetti aderenti decidono di stare assieme, prendere le decisioni, comunicare all’interno e verso l’esterno e così via. Aspetti relativi al “come” più che al “cosa”, di cui invece ci si occuperà durante il prossimo incontro.

 

Negli accordi di base si stabilisce, ad esempio, che per prendere le decisioni si utilizza il metodo del consenso per quanto riguarda le questioni identitarie, relative al “chi siamo”, e quello dell’assenso per le decisioni sul “cosa facciamo”. Si definisce come i nuovi soggetti possono entrare a far parte della rete, e come altri possono uscire o essere esclusi (in quest’ultimo caso è necessario il consenso di tutti i soggetti aventi diritto al voto ad eccezione del soggetto oggetto della votazione).

 

Queste e molte altre questioni sono contenute negli accordi, che verranno sottoposti a verifica dopo sei mesi a partire dalla data di approvazione e che sono consultabili facendone richiesta alla segreteria della rete delle reti o ad i singoli soggetti aderenti. 

 

Gli accordi sono stati firmati dai portavoce delle organizzazioni presenti. Durante il prossimo incontro, che si svolgerà a Bologna sabato 24 e domenica 25 febbraio, si parlerà invece degli obiettivi di questo percorso condiviso.

 

 

Articoli simili
Etici, sostenibili, condivisi: ecco i nuovi modi di abitare – Un viaggio lungo dieci anni #1
Etici, sostenibili, condivisi: ecco i nuovi modi di abitare – Un viaggio lungo dieci anni #1

Sfuso Diffuso e Liguria Che Cambia insieme per mappare i negozi di “secondhand”
Sfuso Diffuso e Liguria Che Cambia insieme per mappare i negozi di “secondhand”

Ilenia Fiorentini: “La mia vita dedicata alla cura, in un circuito virtuoso di sostenibilità umana e ambientale”
Ilenia Fiorentini: “La mia vita dedicata alla cura, in un circuito virtuoso di sostenibilità umana e ambientale”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale