7 Mar 2018

Berrino, Petrini, Pistoletto e la creazione di un nuovo mondo

L'ambasciatrice Rebirth/Terzo Paradiso Eija Tarkiainen sarà moderatrice della conferenza "Le tre querce" che - il 15 marzo a Torino - riunirà in un unico incontro Franco Berrino, Carlo Petrini e Michelangelo Pistoletto. Vi proponiamo una sua presentazione/riflessione in vista dell'evento.

Il desiderio di vedere insieme questi tre grandi uomini lo coltivo da anni, a partire dal 2012 in cui sono entrata a far parte della grande famiglia di ambasciatori del Terzo Paradiso e ho sentito “vibrare” in me il suo simbolo. Tutto ciò si è rafforzato durante la visita del maestro Pistoletto in Finlandia, con una serie di incontri dal titolo “Innovation needs (he)art”. E il simbolo è stato con me un’altra volta nella mia terra natia, quando i temi di Slow Food e la visione della salute individuale di Franco Berrino de “La Grande Via” si incontrano in modo più ravvicinato e con progettualità concrete per vedere unite la salute dell’uomo e del pianeta. Occorre realizzare il Terzo Paradiso interiore per creare armonia nel mondo. La connessione tra la mente razionale (l’artificio) e la nostra natura animale (la natura) ha bisogno di he(art), del pulsare del cuore umano all’unisono con il battito del cosmo. La mente a servizio della nostra natura profonda può generare cre-azioni virtuose quando abbraccia, nel contempo, il nostro profondo sentire e l’amore per la vita in tutte le sue forme.

tre querce commento

l messaggio di tutti e tre di questi grandi saggi narra della possibilità di creazione di un “nuovo mondo”, ma urge accendere la consapevolezza individuale e il senso di responsabilità nelle scelte quotidiane verso se stessi, gli altri e il pianeta. L’amore e il coraggio che occorrono per attivarsi non possono essere un imperativo morale, ma un impulso naturale collegato alla bellezza.

Le “tre querce” ci orientano nella direzione della luce, della vera fonte di conoscenza.

L’umanità si sente smarrita tra mille informazioni le piovono addosso. Ci consumiamo nel litigare su fatti e opinioni e ci dimentichiamo l’essenziale. E se le risposte le avessimo già dentro di noi? Se ognuno avesse già libero accesso a quella fonte di saggezza da cui hanno abbeverato le nostre tre querce? Una mente larga che sa, ma che coinvolge consapevolmente anche il cuore e l’intuito e va a braccetto con il sapere silente delle tradizioni e delle proprie radici, è in grado di notare le “verità” della natura di cui facciamo parte e di cui siamo circondati; tutto fino a rispondere con le scelte quotidiane alle risposte fondamentali dell’umanità. Quali sono i nostri veri bisogni? Come mantenermi in salute? Come approcciarmi all’altro? Come sostenere il pianeta perché continui a ospitarci? Quale ruolo gioca la bellezza nella nostra vita?

Nel compiere le nostre scelte quotidiane – l’atto politico più efficace a nostra disposizione – non c’è sempre bisogno di un esperto per indicarci quale azione sia buona e giusta, rispettosa della salute e della dignità nostra e del pianeta. Occorre attivare la nostra sensibilità!

Ciò che narrano nella loro vita e nelle azioni pubbliche i nostri tre saggi è che ognuno di noi può guardare oltre il consueto, superare i confini del sapere ufficiale, risvegliare la nostra conoscenza innata, in modo tale da permetterci di individuare autonomamente ciò che la vita vuole da noi. In conclusione, questa è la lezione forse più grande dei nostri tre saggi, avere il coraggio di stare dietro le proprie visioni, concretizzandole in parole ed azioni.

Didascalia foto di copertina: Ejia Tarkiainen (prima partendo da sinistra) e Franco Berrino in Lapponia.
Per tutte le informazioni logistiche e sui contenuti clicca qui.


Leggi anche: Berrino e Tarozzi: scoprire l’Italia attraverso il cibo

Articoli simili
FestivalAlContrario: musica, arte e natura per far rivivere il territorio
FestivalAlContrario: musica, arte e natura per far rivivere il territorio

In Calabria arte e cultura per combattere l’oicofobia, la paura di casa
In Calabria arte e cultura per combattere l’oicofobia, la paura di casa

La “libreria aperta” che fa sbocciare relazioni: la storia di Cabella in Piazza
La “libreria aperta” che fa sbocciare relazioni: la storia di Cabella in Piazza

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La nuova Costituzione “dal basso” cilena è pronta! – #552

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne

|

Sikanamente, il gruppo di ragazzi che sono tornati nel borgo d’origine per farlo rivivere

|

Stop alle armi nucleari: Etica Sgr lancia un manifesto per proporre il disinvestimento finanziario

|

“Siccità è crisi climatica”: la protesta degli attivisti di Extinction Rebellion contro le scelte della politica

|

Il Fuoco, l’elemento sacro di consapevolezza per sé stessi e per il mondo

|

Ecoistituto Siciliano, valorizzare il territorio e le comunità locali attraverso la cultura della sostenibilità