Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
4 Giu 2018

Una foresta urbana a Torino, la città verde d’Italia

Scritto da: Ezio Maisto

Firmato il protocollo d’intesa che consentirà di realizzare una foresta urbana a Torino entro i prossimi 3 anni. Tra gli obiettivi, la riduzione dell’inquinamento e lo sviluppo dell’agricoltura urbana. Già 13esima tra le metropoli mondiali per verde pubblico pro capite, Torino rafforza il suo primato anche fra le città italiane.

Una foresta urbana da realizzare in 3 anni attraverso la riconversione di aree industriali dismesse. È questo l’oggetto del protocollo d’intesa firmato nei giorni scorsi tra il Comune di Torino e il Ministero per l’Ambiente sostenuto anche dalla Città Metropolitana di Torino e dalla Regione Piemonte.

Diversi gli obiettivi dell’opera. Quello principale è la riduzione dell’inquinamento dell’aria attraverso l’assorbimento, da parte della vegetazione, delle polveri sottili e delle altre emissioni presenti nell’atmosfera. Ulteriori finalità, ugualmente importanti, sono la conservazione della biodiversità delle aree interessate, lo sviluppo dell’agricoltura urbana e l’offerta di una nuova opportunità per i fruitori del verde cittadino e degli eventi culturali.

Le foreste urbane possono essere definite come sistemi ecologici progettati con lo scopo di combinare ecologia, design e utilità. Da un lato sono habitat naturali per incoraggiare e conservare la bellezza della natura, dall’altro offrono servizi di svago per i cittadini: percorsi ciclabili, zone picnic, punti informativi, aree destinate alla cultura e allo sport. Il punto di partenza è, in genere, la piantumazione di specie arboree scelte in base a criteri di compatibilità botanica; come farebbe la natura, ma con il tocco estetico dell’architetto.

Una volta realizzata la foresta urbana, la sfida sarà, come spesso accade, la sua manutenzione. Nonostante sia dimostrato che progetti di questo tipo possono avere discreti impatti sulla salubrità dell’aria, troppo spesso vengono associati a benefici esclusivamente estetici.

Il progetto, che partirà con la conclusione dell’iter amministrativo del protocollo d’intesa, rafforzerà il primato di Torino quale città italiana col più alto “indice di verde visibile” (Green View Index) nella classifica mondiale elaborata dal sito Treepedia, gestito dal Senseable City Lab del MIT di Boston, una delle più importanti università del mondo. Secondo questa speciale classifica, con i suoi 21 kmq di aree verdi a gestione pubblica su un totale di 130 kmq (16% del territorio) e i quasi 24 mq di verde pubblico per abitante (contro i 10 di Roma e i 9 di Milano), il capoluogo piemontese è al 13esimo posto fra le metropoli mondiali più green.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La crisi del petrolio e la potenza degli oceani – Io Non Mi Rassegno #110

|

Stop agli attendismi: d’inquinamento e di traffico si muore!

|

Un modello di produzione e distribuzione alimentare sostenibile e resiliente

|

Coronavirus e sostegno economico a lavoratori, stagisti e imprese: facciamo il punto!

|

“La salute non è in vendita”: sei richieste per salvare la sanità pubblica

|

“La condivisione ci salverà!”: Gabriele e tutti i volontari dell’emergenza coronavirus

|

Una app per rimettere in pista le piccole botteghe verso una nuova economia

|

Ashoka: la rete degli imprenditori sociali che stanno trasformando il mondo – Io faccio così #285

Copy link
Powered by Social Snap