Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
27 Feb 2019

Le Api, sentinelle ambientali per monitorare la qualità dell’aria

Scritto da: Lorena Di Maria

Arriva da Bra l’iniziativa che concilia il fondamentale lavoro che le api svolgono col monitoraggio della qualità dell’aria all’interno di un'azienda dove avviene quotidianamente la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti. Un’idea portata avanti da Giuseppe Piumatti, titolare della Bra Servizi che ha deciso di sperimentare il livello di inquinanti…proprio con l’aiuto delle api.

Quanti di noi, da piccoli, hanno avuto paura delle api? Una paura spesso ingiustificata dal momento che questi piccoli ed affascinanti insetti hanno un potenziale sconosciuto ai molti, rappresentando i guardiani della nostra sopravvivenza. Protagoniste indiscusse dello stato di salute dell’ambiente e portatrici di equilibrio nel nostro ecosistema, sono grandi amiche ed alleate dell’uomo.
Inquinamento diffuso, cambiamenti climatici, uso di prodotti fitosanitari, ma anche presenza di metalli pesanti e polveri sottili: dalle api abbiamo tanto da imparare per indagare lo stato dell’ambiente e dell’aria che respiriamo.

 

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

ATTIVATI

Le cosiddette “sentinelle ambientali”, in virtù della loro organizzazione sociale e della loro sensibilità, rappresentano alcune tra le specie più affidabili per il ruolo di bioindicatori della qualità dell’aria e per tal motivo è fondamentale monitorarne costantemente la salute.

 api-sentinelle-ambientali-monitorare-qualita-aria

A Bra, in provincia di Cuneo, si è dato vita ad una vera e propria alleanza tra uomo e api a partire dall’idea di Giuseppe Piumatti, titolare dell’azienda Bra Servizi, che ha voluto scommettere sull’enorme potenziale di questi piccoli insetti.
Si tratta di un’azienda che si occupa di raccolta e smaltimento dei rifiuti, un luogo sensibile e soggetto ad un maggior rischio di inquinamento.

 

All’interno dell’Azienda, in prossimità dei capannoni, è ora possibile trovare un preziosissimo tesoro. Sembrano delle semplici scatole colorate e posizionate una di fianco all’altra, un vero e proprio regalo per la salute dell’intera azienda. Si tratta di cinque arnie contenenti 40 mila api che hanno il compito di monitorare e verificare la qualità dell’aria che si respira e la salubrità del luogo.

 

Obiettivo dell’iniziativa è proprio quello di tenere sotto controllo il livello di inquinanti attraverso l’analisi in laboratorio del miele prodotto dalle api, a maggior ragione in un’area critica per via della forte presenza di rifiuti da smaltire, che necessita continui ed accurati controlli.

 api-sentinelle-ambientali-monitorare-qualita-aria-2

L’idea nasce dalla forte volontà e curiosità di Giuseppe Piumatti e della figlia Sabrina di verificare maggiormente la quantità di inquinamento e la salubrità dell’area circostante all’azienda attraverso un esperimento che coinvolge alcuni dipendenti esperti in apicoltura. Il miele prodotto dalle api, raccolto e analizzato in laboratorio, si è rivelato fino ad ora di buona qualità, escludendo la presenza di sostanze nocive.

 

Un esperimento che mette in luce un nuovo ed alternativo modo per le aziende di rilevare biologicamente l’inquinamento. “Abbiamo scoperto che il nostro esempio è stato seguito anche da altre aziende italiane: non può che farci piacere”, racconta Sabrina Piumatti.

 api-sentinelle-ambientali-monitorare-qualita-aria-3

Il biomonitoraggio delle api rappresenta in questi termini uno strumento innovativo applicato a studi ambientali che permette di verificare le possibili variazioni ecologiche dovute all’effetto di sostanze inquinanti presenti specialmente in aree complesse come quelle di tipo urbano, industriale o agricolo.

 

 

Foto copertina
Didascalia: Arnie api
Autore: Bra Servizi
Licenza: Pagina fb Bra Servizi

 

Articolo tratto da Piemonte che Cambia

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Si fa presto a dire “buone vacanze”! – Io Non Mi Rassegno #197

|

La parola “bellezza” è la sintesi perfetta del viaggio nella Sicilia che Cambia

|

Quo Vado? Un percorso per giovani alla ricerca della propria rotta nel mondo

|

“I parchi naturali possono salvarci dalla crisi ecologica ed economica”

|

L’ecovillaggio Torri Superiore, il cantiere del vivere sostenibile che ha fatto la storia – Io faccio così #295

|

Elena e Sara: la rivoluzione degli abiti usati per “riformare” il sistema moda

|

Il cammino delle panchine invita le persone a sostare su ciò che è importante

|

A Palermo i ragazzi del carcere minorile ripartono dai biscotti