27 Feb 2019

Le Api, sentinelle ambientali per monitorare la qualità dell’aria

Scritto da: Lorena Di Maria

Arriva da Bra l’iniziativa che concilia il fondamentale lavoro che le api svolgono col monitoraggio della qualità dell’aria all’interno di un'azienda dove avviene quotidianamente la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti. Un’idea portata avanti da Giuseppe Piumatti, titolare della Bra Servizi che ha deciso di sperimentare il livello di inquinanti…proprio con l’aiuto delle api.

Quanti di noi, da piccoli, hanno avuto paura delle api? Una paura spesso ingiustificata dal momento che questi piccoli ed affascinanti insetti hanno un potenziale sconosciuto ai molti, rappresentando i guardiani della nostra sopravvivenza. Protagoniste indiscusse dello stato di salute dell’ambiente e portatrici di equilibrio nel nostro ecosistema, sono grandi amiche ed alleate dell’uomo.
Inquinamento diffuso, cambiamenti climatici, uso di prodotti fitosanitari, ma anche presenza di metalli pesanti e polveri sottili: dalle api abbiamo tanto da imparare per indagare lo stato dell’ambiente e dell’aria che respiriamo.

 

Le cosiddette “sentinelle ambientali”, in virtù della loro organizzazione sociale e della loro sensibilità, rappresentano alcune tra le specie più affidabili per il ruolo di bioindicatori della qualità dell’aria e per tal motivo è fondamentale monitorarne costantemente la salute.

 api-sentinelle-ambientali-monitorare-qualita-aria

A Bra, in provincia di Cuneo, si è dato vita ad una vera e propria alleanza tra uomo e api a partire dall’idea di Giuseppe Piumatti, titolare dell’azienda Bra Servizi, che ha voluto scommettere sull’enorme potenziale di questi piccoli insetti.
Si tratta di un’azienda che si occupa di raccolta e smaltimento dei rifiuti, un luogo sensibile e soggetto ad un maggior rischio di inquinamento.

 

All’interno dell’Azienda, in prossimità dei capannoni, è ora possibile trovare un preziosissimo tesoro. Sembrano delle semplici scatole colorate e posizionate una di fianco all’altra, un vero e proprio regalo per la salute dell’intera azienda. Si tratta di cinque arnie contenenti 40 mila api che hanno il compito di monitorare e verificare la qualità dell’aria che si respira e la salubrità del luogo.

 

Obiettivo dell’iniziativa è proprio quello di tenere sotto controllo il livello di inquinanti attraverso l’analisi in laboratorio del miele prodotto dalle api, a maggior ragione in un’area critica per via della forte presenza di rifiuti da smaltire, che necessita continui ed accurati controlli.

 api-sentinelle-ambientali-monitorare-qualita-aria-2

L’idea nasce dalla forte volontà e curiosità di Giuseppe Piumatti e della figlia Sabrina di verificare maggiormente la quantità di inquinamento e la salubrità dell’area circostante all’azienda attraverso un esperimento che coinvolge alcuni dipendenti esperti in apicoltura. Il miele prodotto dalle api, raccolto e analizzato in laboratorio, si è rivelato fino ad ora di buona qualità, escludendo la presenza di sostanze nocive.

 

Un esperimento che mette in luce un nuovo ed alternativo modo per le aziende di rilevare biologicamente l’inquinamento. “Abbiamo scoperto che il nostro esempio è stato seguito anche da altre aziende italiane: non può che farci piacere”, racconta Sabrina Piumatti.

 api-sentinelle-ambientali-monitorare-qualita-aria-3

Il biomonitoraggio delle api rappresenta in questi termini uno strumento innovativo applicato a studi ambientali che permette di verificare le possibili variazioni ecologiche dovute all’effetto di sostanze inquinanti presenti specialmente in aree complesse come quelle di tipo urbano, industriale o agricolo.

 

 

Foto copertina
Didascalia: Arnie api
Autore: Bra Servizi
Licenza: Pagina fb Bra Servizi

 

Articolo tratto da Piemonte che Cambia

Articoli simili
Cosa fare se si incontra un uccellino in difficoltà? Un vademecum per il primo soccorso
Cosa fare se si incontra un uccellino in difficoltà? Un vademecum per il primo soccorso

Arriva l’assistente ai lupi, per una migliore coesistenza uomo-lupo
Arriva l’assistente ai lupi, per una migliore coesistenza uomo-lupo

La Collina dei Conigli: il centro di recupero di animali da laboratorio cerca nuovi volontari
La Collina dei Conigli: il centro di recupero di animali da laboratorio cerca nuovi volontari

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne