5 Feb 2019

Food PRIDErs, fattorini in bicicletta per la giornata contro lo spreco alimentare

Scritto da: Lorena Di Maria

Oggi, martedì 5 febbraio, in occasione della giornata Nazionale di Prevenzione allo Spreco Alimentare la città di Torino si riempie di food Priders, cittadini che scendono in strada per recuperare cibo invenduto e distribuirlo nei punti di raccolta della città. L’azione di mobilitazione collettiva fa parte del più ampio progetto “Food Pride” che nasce dall’unione di numerose associazioni torinesi con l’obiettivo di condividere buone pratiche e ridare dignità agli scarti.

Si chiamano Food PRIDErs e sono fattorini che, per mezzo di biciclette e cargo bike, recuperano cibo invenduto nei negozi di prossimità e lo distribuiscono nei punti di raccolta della città di Torino, diffondendo pratiche virtuose sul territorio.

 

La denominazione del progetto deriva dall’ acronimo “Pride” che, all’interno di una sola parola, racconta l’intero significato dell’iniziativa: Partecipare, Recuperare, Integrare, Distribuire ed Educare.
L’iniziativa rappresenta una vera e propria azione di sensibilizzazione per ridare dignità agli scarti e per stimolare una riflessione intorno all’utilizzo consapevole della risorsa cibo.

food-priders-fattorini-bicicletta-per-giornata-contro-spreco-alimentare

 

Si tratta di enti ed associazioni torinesi che, a partire da questa giornata, si attivano per collaborare ed unire le forze per diffondere sul territorio un consumo più responsabile e consapevole, invitando chiunque sia interessato a prendere parte.
Il progetto Food Pride, in particolare, nasce con l’obiettivo di creare una rete consolidata sulla base delle già esistenti esperienze di associazionismo presenti sul territorio, che coinvolge anche il Comune di Torino e l’Asl di Torino, col sostegno della Compagnia di San Paolo.

 

“Obiettivo è la riduzione della povertà alimentare attraverso il recupero e la distribuzione delle eccedenze e il loro “riutilizzo sociale” in favore delle fasce deboli della popolazione – si evince dalle finalità del progetto – andando ad agire anche sul sistema valoriale per ridare al cibo-scarto il valore di risorsa riutilizzabile tramite una serie di azioni in rete che favoriscano lo sviluppo di un sistema che dal livello micro della scala di quartiere, possa essere replicabile ed estendibile su scala macro nel tessuto cittadino”.

 

In particolare, il progetto prevede il recupero del cibo direttamente dai mercati rionali della città: Porta Palazzo, Borgo Vittoria, corso Racconigi, corso Brunelleschi, che verrà ampliata anche ad altri mercati, oltrepassando i confini e giungendo fino ai comuni dell’area metropolitana, come nel caso di Nichelino e Grugliasco.

food-priders-fattorini-bicicletta-per-giornata-contro-spreco-alimentare-2

 

A partire da questa giornata, per tutto l’anno a venire, verranno attivati progetti di informazione, azione e sensibilizzazione sui temi della gestione dei rifiuti, di una corretta alimentazione e della lotta allo spreco alimentare, coinvolgendo non solo i singoli cittadini, ma anche gli enti sul territorio e le scuole, attraverso incontri con specialisti e nutrizionisti e lo svolgimento di cene sociali ed eventi nelle piazze.

 

In particolare, uno degli obiettivi più significativi è proprio quello di raccogliere cibo invenduto ed utilizzarlo nei laboratori di cucina antispreco, destinandolo a persone che vivono in condizione di marginalità.

 

L’insieme di queste azioni vuole prendere avvio proprio oggi, martedì 5 febbraio, in cui si celebra la giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare, ideata ed istituita nel 2014 dal Ministero dell’ambiente in collaborazione con la Campagna Spreco Zero, attiva per “promuovere e condividere le buone pratiche di prevenzione degli sprechi alimentari adottate sul territorio nazionale da soggetti pubblici e privati, valorizzando le esperienze più rilevanti e favorendone la diffusione e la replicazione sul territorio”.

 

Per chi fosse interessato ad aderire alle iniziative o ad avere maggiori informazioni, contattare l’apposito indirizzo email.

 

 

Foto copertina
Didascalia: Mercato rionale
Autore: Unsplash
Licenza: CCO Creative Commons

 

Articolo tratto da Piemonte che Cambia

Torino - Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Anche in Italia il reato di “spreco alimentare”?

Etichetta Consapevole: voi sapete come leggerla?
Etichetta Consapevole: voi sapete come leggerla?

Io faccio così #31 – Alessia La Cava e il recup: storie di ordinaria “sopravvivenza urbana”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Germania, un governo “semaforo”? – #417

|

Il diritto dei bambini all’aria pulita: le strade scolastiche come antidoto a traffico e inquinamento

|

Fuga dalla città. Una seconda vita sulle colline piacentine

|

Assamil: una delle comunità più giovani d’Italia cresce e cerca una nuova casa

|

Re-sisters: l’arte e la cultura per dire no alla violenza sulle donne

|

Il primo Asilo nel Bosco altoatesino, dove le maestre sono la neve e la pioggia

|

La storia di Esma, il musicista che ha lasciato la città per vivere e cantare la campagna

|

Camilla Rossi, educatrice: “Attivismo quotidiano, educazione e messa in discussione per combattere la violenza contro le donne”