Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
19 Feb 2019

Nasce "Contro l'Odio", un portale per mappare l'odio online

Scritto da: Lorena Di Maria

“Contro l’Odio” è la mappa che permette il monitoraggio quotidiano di discorsi di odio e gli hate speech sui social network, ora online ed accessibile a tutti. Realizzata dall’Associazione Acmos e dalle Università di Torino e Bari, rappresenta uno strumento pensato per portare all’attenzione di chiunque i contenuti di intolleranza del web, per una maggior informazione e sensibilizzazione di tutte le persone.

“7 mila sono in media discorsi di odio che vengono registrati ogni giorno sui social network” è quanto afferma il Dipartimento per le pari opportunità, senza contare che “In Italia un tweet su sette contiene un discorso di incitamento all’odio”.
Si chiamano comunemente “hate speech” i messaggi d’odio, i commenti offensivi che passando per i media e i social network, trovano un terreno fertile in cui crescere e diffondersi.
Sono veri e propri strumenti di intolleranza, pregiudizio e discriminazione in cui ci imbattiamo tutti i giorni e che entrano a far parte della nostra “normalità”, condizionando e avvelenando le nostre opinioni. Si tratta di discorsi tossici rivolti a minoranze etniche, religiose e di genere che consolidano gli stereotipi e rafforzano l’ostilità e il conflitto verso specifici gruppi sociali.

 

E’in molti casi difficile stabilire il confine tra espressioni critiche e commenti di odio e ciò è avvalorato dalla rapidità dell’informazione che circola sui media e capace di diffondersi con una risonanza enorme e su larga scala, rendendo il dibattito su questo tema sempre più attuale e controverso.

nasce-controlodio-un-portale-per-mappare-odio-online

Per contrastare questo fenomeno crescente, a Torino nasce “Controlodio”, la mappa che permette di monitorare quotidianamente la quantità di discorsi di incitamento all’odio in lingua italiana pubblicati su Twitter, attraverso una raccolta dati.

 

Il progetto, realizzato dall’Associazione Acmos con l’Università di Torino e l’Università di Bari e finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha un funzionamento molto semplice: un algoritmo fa una seleziona dei tweet attraverso l’utilizzo di parole chiave rivolte a particolari fasce di persone e, attraverso una machine learning, individua i tweet che rappresentano un vero e proprio incitamento all’odio.

nasce-controlodio-un-portale-per-mappare-odio-online-2

 

La mappa, in particolare, mostra una serie di visualizzazioni interattive che riportano il numero dei discorsi dai contenuti critici pubblicati su Twitter giorno per giorno. Attraverso una scala di colori che va da una tonalità di bianco (assenza di odio) ad una di rosso (forte presenza di odio), è possibile scoprire la quantità di hate speech in Italia ed in ogni regione.
Inoltre, “dopo aver raccolto e filtrato per parole chiave tutti i testi in lingua italiana, vengono selezionati i tweet con il maggior numero di reazioni ricevute”. Il rilevatore dell’odio è poi lo strumento informatico che permette all’utente di conoscere e analizzare la quantità di odio presente nella propria rete sociale.

nasce-controlodio-un-portale-per-mappare-odio-online-3

Il portale, nato a dicembre 2018, è ideato dall’associazione Acmos, la quale nasce dalla volontà di un gruppo di giovani provenienti da diverse esperienze di volontariato e di impegno sociale col desiderio di cercare percorsi di solidarietà e giustizia, di partecipazione e responsabilità.
Secondo i valori e le visioni dell’associazione, il progetto vuole farsi promotore di una maggior sensibilizzazione della cittadinanza, in un’ottica positiva e costruttiva.

 

Attraverso la cosiddetta mappa della tolleranza, vengono raccolti e mostrati tutti i progetti e le realtà che favoriscono forme di inclusione sociale: “In Italia ci sono molte esperienze che facilitano l’inclusione e contrastano atteggiamenti intolleranti. Tuttavia, molte di esse non sono conosciute adeguatamente dalla popolazione. Per questo motivo, uno degli obiettivi di Contro l’odio è raccontarle attraverso la creazione di un geoblog che mostra materiali multimediali, descrizioni e interviste alle realtà che contrastano l’odio”.

 

 

Foto copertina
Didascalia: Citazione
Licenza: Pagina fb Frasi Celebri e Citazioni

 

Articolo tratto da Piemonte che Cambia

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La crisi del petrolio e la potenza degli oceani – Io Non Mi Rassegno #110

|

Stop agli attendismi: d’inquinamento e di traffico si muore!

|

Un modello di produzione e distribuzione alimentare sostenibile e resiliente

|

Coronavirus e sostegno economico a lavoratori, stagisti e imprese: facciamo il punto!

|

“La salute non è in vendita”: sei richieste per salvare la sanità pubblica

|

“La condivisione ci salverà!”: Gabriele e tutti i volontari dell’emergenza coronavirus

|

Una app per rimettere in pista le piccole botteghe verso una nuova economia

|

Ashoka: la rete degli imprenditori sociali che stanno trasformando il mondo – Io faccio così #285

Copy link
Powered by Social Snap