15 Giu 2020

Cambiare fa paura? Come prototipare il cambiamento, senza stress

Illustrazioni di: MELANIA BIGI

Le organizzazioni che sperimentano l’innovazione, coinvolgendo gli stakeholder e prototipizzando il cambiamento, ovvero ipotizzandolo e sperimentandolo, diventano innovatrici seriali. Ne parliamo in questa nuova puntata della rubrica Verso le im-prese del futuro” – a cura di TARA facilitazione, Piano Bis e Italia che Cambia.

Partiamo dalla fine: senza stress. “Stravolgere tutto quello che abbiamo fatto finora è una tragedia, non un’opportunità: eravamo già esausti prima dell’avvento del Covid19!”. Cambiare, se viene visto come un obbligo, non rappresenterà mai un’attività piacevole a cui dedicarsi e su cui investire. 

Le persone che invece vogliono far evolvere la loro impresa vedono nel cambiamento un’opportunità e non è solo una questione di cashflow prospettico: sanno che l’evoluzione “riaccende la spinta visionaria dei primi tempi e porta nuovo entusiasmo”. I “vecchi” imprenditori sono così… anche a 90 anni.

Molte organizzazioni temono il cambiamento, lo vedono come qualcosa di drastico: finora siamo stati bianchi adesso diventiamo neri. Ma questo pensiero è fuorviante: pensare che bisogna stravolgere tutto, sbalzando tutti fuori dalla zona di comfort da un giorno all’altro crea angoscia e immobilità (mentale e fisica).

IMG 1584

Essendo creature di abitudine, a noi essere umani (anche quelli più dinamici) il cambiamento spaventa molto e le nuove abitudini si innestano con successo nel nostro stile di vita solo se sono graduali e ci portano passo dopo passo verso nuovi comportamenti.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

E quindi? Come far cambiare le organizzazioni? Ogni cambiamento, prima di essere attuato, va prototipato. Cioè va:

1) ipotizzato;
2) sperimentato.

Creare una nuova assunzione su cui rifondare la proposta di valore della propria organizzazione è un passo importante. Per questo dev’essere quanto più precisa e verificabile. E ne basta una. Una alla volta… È pieno il mondo di “tante nuove idee nate morte dentro agli uffici dei manager o nell’area R&S”, costruite a tavolino e che piacevano più all’imprenditore stesso che al mercato… Quindi serve sperimentare la propria ipotesi, non dopo mesi di elucubrazioni ed investimenti, ma prima di investirci fior fiore di denaro, energie e risorse umane.

Come accelerare la sperimentazione? Coinvolgendo fin da subito i nostri stakeholder su cui tale cambiamento ricadrà: dipendenti, clienti, fornitori… Bastano piccoli gruppi: dei cluster di sperimentatori che possano darci dei feedback reali, chiari e costanti e con cui tracciare i “piccoli-grandi passi” che poi l’intera organizzazione farà verso il nuovo assetto.

Le organizzazioni che sperimentano l’innovazione, coinvolgendo gli stakeholder e prototipizzando, diventano innovatrici seriali. Aumentano notevolmente le loro possibilità di trovare tante nuove implementazione di prodotti/servizi, assetti organizzativi interni e non c’è bisogno di convincere nessuno “a cambiare”…durante la fase di prototipazione, infatti, si fanno i primi passi fuori dalla zona di comfort…piccoli, timidi passi all’inizio che poi, avallati da risultati concreti, potranno essere l’inizio di un nuovo cammino innovativo… senza stress!

Vuoi cambiare la situazione
dell'economia in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Aprire le porte per sviluppare comunità
Aprire le porte per sviluppare comunità

Pronti alla vera contaminazione?
Pronti alla vera contaminazione?

Buone riunioni: possono fare la differenza!
Buone riunioni: possono fare la differenza!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza