15 Giu 2020

Cambiare fa paura? Come prototipare il cambiamento, senza stress

Illustrazioni di: MELANIA BIGI

Le organizzazioni che sperimentano l’innovazione, coinvolgendo gli stakeholder e prototipizzando il cambiamento, ovvero ipotizzandolo e sperimentandolo, diventano innovatrici seriali. Ne parliamo in questa nuova puntata della rubrica Verso le im-prese del futuro” – a cura di TARA facilitazione, Piano Bis e Italia che Cambia.

Partiamo dalla fine: senza stress. “Stravolgere tutto quello che abbiamo fatto finora è una tragedia, non un’opportunità: eravamo già esausti prima dell’avvento del Covid19!”. Cambiare, se viene visto come un obbligo, non rappresenterà mai un’attività piacevole a cui dedicarsi e su cui investire. 

Le persone che invece vogliono far evolvere la loro impresa vedono nel cambiamento un’opportunità e non è solo una questione di cashflow prospettico: sanno che l’evoluzione “riaccende la spinta visionaria dei primi tempi e porta nuovo entusiasmo”. I “vecchi” imprenditori sono così… anche a 90 anni.

Molte organizzazioni temono il cambiamento, lo vedono come qualcosa di drastico: finora siamo stati bianchi adesso diventiamo neri. Ma questo pensiero è fuorviante: pensare che bisogna stravolgere tutto, sbalzando tutti fuori dalla zona di comfort da un giorno all’altro crea angoscia e immobilità (mentale e fisica).

IMG 1584

Essendo creature di abitudine, a noi essere umani (anche quelli più dinamici) il cambiamento spaventa molto e le nuove abitudini si innestano con successo nel nostro stile di vita solo se sono graduali e ci portano passo dopo passo verso nuovi comportamenti.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all'Italia che Cambia

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

E quindi? Come far cambiare le organizzazioni? Ogni cambiamento, prima di essere attuato, va prototipato. Cioè va:

1) ipotizzato;
2) sperimentato.

Creare una nuova assunzione su cui rifondare la proposta di valore della propria organizzazione è un passo importante. Per questo dev’essere quanto più precisa e verificabile. E ne basta una. Una alla volta… È pieno il mondo di “tante nuove idee nate morte dentro agli uffici dei manager o nell’area R&S”, costruite a tavolino e che piacevano più all’imprenditore stesso che al mercato… Quindi serve sperimentare la propria ipotesi, non dopo mesi di elucubrazioni ed investimenti, ma prima di investirci fior fiore di denaro, energie e risorse umane.

Come accelerare la sperimentazione? Coinvolgendo fin da subito i nostri stakeholder su cui tale cambiamento ricadrà: dipendenti, clienti, fornitori… Bastano piccoli gruppi: dei cluster di sperimentatori che possano darci dei feedback reali, chiari e costanti e con cui tracciare i “piccoli-grandi passi” che poi l’intera organizzazione farà verso il nuovo assetto.

Le organizzazioni che sperimentano l’innovazione, coinvolgendo gli stakeholder e prototipizzando, diventano innovatrici seriali. Aumentano notevolmente le loro possibilità di trovare tante nuove implementazione di prodotti/servizi, assetti organizzativi interni e non c’è bisogno di convincere nessuno “a cambiare”…durante la fase di prototipazione, infatti, si fanno i primi passi fuori dalla zona di comfort…piccoli, timidi passi all’inizio che poi, avallati da risultati concreti, potranno essere l’inizio di un nuovo cammino innovativo… senza stress!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La questione del bacio non consensuale a Biancaneve – Io Non Mi Rassegno #363

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5

|

Futuro Sospeso: riattivare le vecchie ferrovie per rilanciare le aree interne

|

Tassare l’economia del distanziamento, per un mondo d’incontri

|

Giornata Mondiale della Decrescita: una buona vita per tuttə!

|

Santa Rosalia: a Palermo un festino alternativo per animare le periferie