Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
23 Nov 2020

Progetto Leela: “Diamo a bambini e ragazzi gli strumenti per affrontare la vita”

Scritto da: Valentina D'Amora

È stato lanciato a metà novembre un progetto di rete per contrastare la povertà educativa nell’area genovese della Valpolcevera, sviluppando le Life Skills, le capacità non cognitive e relazionali, dei bambini e degli adolescenti, in un territorio a forte rischio fragilità ed emarginazione.

Oltre trecento laboratori scolastici curricolari, quindici corsi di formazione per insegnanti, sei atelier per genitori ed educatori e trentadue iniziative per la cittadinanza. Questo il programma di Progetto Leela, a contrasto della povertà educativa nel territorio della Valpolcevera, attraverso lo sviluppo delle Life Skills.

«Le Life Skills, o “competenze per la vita”, sono dieci abilità umane, individuate dall’OMS, – spiega Alessandro Quattrino, responsabile del progetto LEELA – che sono dei veri e propri strumenti che permettono di superare le difficoltà e di valorizzare se stessi. Abbiamo suddiviso queste competenze in tre ambiti concettuali e per ogni ambito abbiamo individuato una metodologia educativa innovativa che aiuta gli studenti dai 6 ai 14 anni a svilupparle».

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

ATTIVATI

I TRE AMBITI CONCETTUALI

Il progetto si snoda su tre ambiti: Io e me stesso, Io e gli altri, Io e il mondo, settore che esplora il pensiero creativo e critico e insegna a prendere decisioni. Ogni metodologia è già stata validata come in grado di poter dare effettivi benefici e sono stati messi in rete i massimi esperti, attivamente coinvolti nel progetto.

Si passa, così, dal PROTOCOLLO GAIA, programma di educazione alla consapevolezza attraverso la Mindfulness Psicosomatica, per giungere alla COMUNICAZIONE NON VIOLENTA, un approccio comunicativo che riguarda la risoluzione equa dei conflitti, l’alfabetizzazione emotiva e la comprensione reciproca, per arrivare alla PHILOSOPHY FOR CHILDREN, una pratica che stimola le capacità cognitive complesse.
L’obiettivo del progetto è proprio diffondere queste tre metodologie a partire dalle scuole polceverasche e, di conseguenza, a macchia d’olio su tutto il territorio, facilitando la resilienza dei minori e della comunità educante.

IL NOME LEELA E L’ARTICOLAZIONE DI RETE DEL PROGETTO

L.E.E.L.A. sta per “Laboratori Educativi per l’Empowerment, le Life skills e l’Autoconsapevolezza”. «La scuola insegna ai bambini svariate cose sul mondo esterno, la matematica, la geografia, la storia, ma insegna pochissimo sul proprio mondo interiore, su come sono fatti loro».

Si tratta, quindi, di un progetto sperimentale, di approccio integrato e sistemico, di sviluppo delle capacità dei bambini, nato dal desiderio di creare un supporto nella gestione del disagio, in un’area territoriale densa di criticità, accentuate dal crollo del ponte Morandi.

Approvato da Impresa sociale “Con i Bambini”, nell’ambito del bando del 2018 “Un passo avanti”, e promosso da Progetto A s.c.s., che ha sede a Milano, in partenariato con cinque istituti comprensivi statali, tre partner metodologici (referenti scientifici delle metodologie educative impiegate) e cinque partner tecnici (per la realizzazione di singole azioni, la validazione scientifica del progetto e la valutazione d’impatto).

L’APPROCCIO INNOVATIVO

La forte necessità di un’educazione profonda del mondo interiore, fondamentale anche e soprattutto nel momento storico che stiamo vivendo, ha fatto emergere la voglia di dare ai bambini e agli insegnanti sempre più libertà sulla gestione di sé, in relazione con gli altri.

«I pilastri della progettazione – continua – sono le dieci Life skills, ritenute dall’OMS prioritarie per un’educazione di qualità, che aiutano ad affrontare in maniera più efficace la crescita e, in generale, la vita. Si può dire che queste capacità sono il “sale della vita”, alla base del poter vivere bene».

I NUMERI

I primissimi laboratori scolastici, tutti gratuiti, sono partiti a metà novembre: circa 50 laboratori che coinvolgono gli alunni in orario curricolare, quindi come materia scolastica nelle scuole primarie e secondarie di primo grado del territorio.

Anche la formazione per gli insegnanti della Valpolcevera è iniziata, con i primi sessanta docenti iscritti. Fondamentale, poi, per quadrare il cerchio, è l’atelier per genitori, che prevede incontri sempre gratuiti rivolti alle famiglie.

E poi saranno previsti due grandi eventi durante le estati 2021 e 2022, dei Visionary days, con sessioni di circa un’ora con un’intelligenza artificiale in grado di restituire tutto quello che emerge dai tavoli tematici, e un ultimissimo appuntamento al Festival dell’educazione sostenibile, che sarà l’evento conclusivo di tutto il progetto, durante l’estate 2022.

«Il nostro intento a lungo termine – conclude Quattrino – è fare sì che le scuole, tra due anni, abbiano il desiderio di inserire l’educazione interiore come materia scolastica, per insegnarla quotidianamente». E noi non possiamo che augurarcelo, per il bene degli adulti di domani.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

L’accelerazione del riscaldamento globale – Io Non Mi Rassegno #289

|

Grande Ulivo: «Da discarica a luogo di armonia, didattica e accoglienza»

|

Come tutto ebbe inizio – Io rifaccio casa così #1

|

Irene e il suo forno di comunità: “Torno nella mia città per fare il pane e creare relazioni”

|

La comunità di Porto di Terra: vivere la montagna della Sicilia tra permacultura e transizione – Io faccio così #314

|

Risate e positività per trasmettere buonumore ai tempi dell’infodemia da Covid-19

|

Le risorse non bastano per tutti, ma davvero è solo un problema di sovrappopolamento?

|

Cinque amiche creano una community per supportare le donne nel mondo del lavoro