17 Set 2022

Dai campi di calcio a quelli di pomodoro, ecco i nuovi modelli di integrazione sociale – Un viaggio lungo dieci anni #9

È il terz'ultimo giorno del tour del decennale di Italia che Cambia e ci avviciniamo alla meta finale, la Sicilia. Per farlo passiamo da Napoli, dove si trovano alcuni fra i più bei progetti di integrazione sociale di tutta Italia. Scopriamo qualcosa di più su di loro e su altre esperienze virtuose che si muovono nel mondo della solidarietà e dell'inclusione.

Mentre leggete queste righe i camper di Italia Che Cambia si stanno dirigendo verso Scampia, a Napoli, quartiere noto per le vele, la camorra, il degrado. Eppure, come spesso accade in questa imprevedibile e sorprendente Italia Che Cambia, è proprio nei luoghi e nelle situazioni apparentemente senza speranza che nascono i progetti più belli.

È successo anche qui, nel cuore di Napoli, dove integrazione, protagonismo giovanile, inclusione hanno preso il posto di degrado sociale e criminalità. Quello che non tutti sanno infatti è che a Scampia esistono alcuni dei progetti di integrazione sociale più belli d’Italia. Parleremo di questo argomento con Barbara Pierro di Chi Rom e Chi no, esperienza eccezionale di riappropriazione degli spazi pubblici, integrazione dei rom e abbattimento dei confini, e con Mirella La Magnia, anima de Il Gridas –gruppo risveglio dal sonno –, dove arte e cultura sono al servizio della comunità per stimolare un risveglio delle coscienze e una partecipazione attiva alla crescita della società.

La diretta del 17 settembre in cui abbiamo parlato di integrazione sociale

Conosciamo Barbara dai tempi del primo tour nell’Italia Che Cambia e da anni seguiamo il suo lavoro mirato a integrare gli ultimi degli ultimi: i rom di Scampia. Con il suo progetto Chi Rom e chi no – che in napoletano significa “chi dorme e chi no” – persegue due obiettivi: da un lato la riappropriazione di spazi pubblici, l’integrazione bidirezionale dei rom, l’abbattimento dei confini; dall’altro il risveglio delle coscienze nelle persone, in sé stessi e negli altri, l’invito ai giovani – napoletani, rom e di qualunque altra cultura o etnia – ad agire, ad autodeterminarsi, a costruirsi un presente e un futuro degno di essere vissuto.

A pochi chilometri di distanza si trova il Mammut. Qui la fondatrice Chiara Ciccarelli e il suo staff cercano di stimolare le passioni nei ragazzi. Il Mammut è infatti un centro territoriale nato nel 2007 e portato avanti grazie al lavoro di operatori e volontari che ruotano intorno a questo luogo di pace. Al suo interno vengono svolte attività “normali”: un corso per riparare le bici, un altro di breakdance, incontri di ceramica, giochi per i bambini, corsi di italiano per stranieri, doposcuola. Se un ragazzo ha un interesse, se viene qui, non va dietro a quelli più grandi con la moto e i soldi ed evita di trovarsi dopo pochi mesi a spacciare per seguire il loro esempio.

Ma l’integrazione sociale si può fare in tanti modi. Due sono davvero dei grandi classici: lo sport e la cucina. E proprio di sport si occupa Calciosociale, un progetto della periferia romana che si rifà a una nuova tipologia di calcio fuori dalla logica comune e dallo straordinario impatto sociale. La sua anima è Massimo Vallati: ex-ultrà, in reazione alle storture e alla bruttura che secondo lui caratterizza oggi il mondo del calcio, dominato da meccanismi spietati di soldi e di potere, ha deciso di ideare un progetto che, partendo da questo amato sport, ne stravolge le regole e soprattutto esce dal campo di gioco per divenire inclusione, crescita personale e di comunità.

La cucina dicevamo. Come quella del Circolo Wood, progetto che si sviluppa intorno al tema della solidarietà e di una comunità che tutti i giorni si stringe intorno ai più bisognosi della città. Il suo cuore pulsante infatti è il Ristorante Solidale, che vuole valorizzare l’umanità accogliendo a braccia aperta coloro che si trovano in una situazione di difficoltà, offrendo un pasto caldo e un tetto sopra la testa a chi non se li può permettere. Ma questa attività non è altro che una “scusa” per coinvolgere le persone all’interno della comunità, uno spazio aperto dove le persone arrivano e sanno che qualcuno li accoglierà, che in passato ha ospitato una comunità di migranti ma anche persone senza fissa dimora o famiglie rimaste senza una casa.

È tuttavia risaputo che spesso i problemi si presentano prima che il cibo arrivi sulle tavole o nelle cucine dei ristoranti. Il fenomeno del caporalato ad esempio è una grave piaga che ancora affligge le campagne italiane o molte delle persone che vi lavorano. Fra coloro che provano a costruire nuovi modelli c’è Sfruttazero, esperimento di auto-produzione di salsa di pomodoro di tipo cooperativo e mutualistico promosso da giovani precari locali e dai migranti stessi. L’obiettivo? Trasformare l’oro rosso da simbolo di sopraffazione e caporalato in Puglia e Basilicata in strumento di emancipazione, riscatto e speranza di un futuro diverso.

Per non perderti neanche una diretta compila il form di seguito!

Articoli simili
Il Banco Alimentare, “dignità al cibo, dignità alla persona”
Il Banco Alimentare, “dignità al cibo, dignità alla persona”

La Festa dei Vicini, quando la comunità parte dal vicinato!
La Festa dei Vicini, quando la comunità parte dal vicinato!

Hryo: piccoli passi, grandi traguardi per un mondo di pace e uguaglianza
Hryo: piccoli passi, grandi traguardi per un mondo di pace e uguaglianza

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Oggi “sciopero creativo” per il clima e per il futuro!

|

La Sicilia Che Cambia: vi raccontiamo cosa sta succedendo sull’isola!

|

Retake scende in campo per il World Cleanup Day: milioni di persone puliscono il territorio

|

Zō trasforma Catania in un centro internazionale della rivoluzione artistica e musicale

|

Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”

|

Impresa che cambia: scopriamo gli esempi virtuosi insieme ai loro protagonisti

|

Italia Che Cambia si presenta! Un viaggio lungo dieci anni per raccontare il cambiamento