La mappa dell'Italia che Cambia

Federazione Internazionale Città Sociale

Federazione Internazionale Città Sociale

La FICS nasce nel 2006 come rete di Enti no-profit (Onlus, Cooperative Sociali, Imprese Sociali) della Campania con una tradizione scientifica e culturale laica, fortemente ispirata agli ideali di giustizia, libertà e legalità come buone pratiche territoriali e di cittadinanza.
La prima Associazione Onlus della rete nasce negli anni ’80 a Somma Vesuviana, ad opera di padre Ernesto Santucci che trasforma una fabbrica di cartucce in una comunità per giovani tossicodipendenti. Da allora l’opera sociale svolta da una comunità di operatori molto coesa si è diversificata, realizzando servizi di accoglienza e di consulenza per migranti, bambini, disabili, persone detenute, in generale per tutto il mondo dell’esclusione sociale.
Il manifesto e la lotta per la quota capitaria per garantire i servizi sociali regionali e nazionali, la proposta del Distretto Territoriale Integrato, l’uso sociale dei beni confiscati, le originali innovazioni di Impresa Sociale integrata locale come la Fattoria Sociale ed il primo Parco Etologico regionale rendono la FICS protagonista di una forte sperimentazione economica e culturale, nel terzo settore e nella amministrazione pubblica.
La collaborazione costante con Don Luigi Ciotti, l’incontro straordinario e fecondo con Luisa Muraro e la Libreria delle donne di Milano, la vicinanza ideale e fraterna con il gruppo di lavoro di Mario Tronti del Centro Riforma dello Stato ed, infine, le tematiche della De-crescita impegnano la rete della federazione in una nuova sfida culturale e politica.

Più di centoventi cittadini operatori, più di mille cittadini utenti, circa quaranta unità operative complesse solo in Campania. Storie straordinarie di servizi, di cittadinanza e partecipazione, spesso fondate e garantite da gruppi laici a forte responsabilità etica e comunità cristiane di base.

Donne e uomini legati fra loro in un nuovo patto ecologico ed etologico per il futuro sostenibile dei bambini del pianeta. Da possibili profughi a cittadini rispettosi della natura e attivi costruttori di pace e storia felice dell’umanità.

Ultimo aggiornamento del 07 Dicembre 2020

Contatta la realtà

Indirizzo

Sito

Email