La mappa dell'Italia che Cambia

Laboratorio Famiglia al Portico

Laboratorio Famiglia al Portico

Laboratori, corsi, momenti di convivialità, cene di quartiere, progettazione partecipata, luogo del possibile. Tutto questo e molto altro è il Laboratorio Famiglia al Portico, progetto promosso e finanziato dal Comune di Parma, gestito dall’Ass. di volontariato Compagnia In…stabile. In questi 8 anni di sperimentazione è stato trampolino di lancio per lo sviluppo di un circuito virtuoso, capace di innescare scambi di culture, generazioni, conoscenze, relazioni di prossimità.
Un processo che ha coinvolto tutta la collettività e che ha favorito la crescita di una coscienza collettiva, senso di appartenenza e di comunità. Il percorso intrapreso ha riconosciuto alla cittadinanza la necessità dell’incontro con l’Altro e il riconoscimento di questo come persona importante per ognuno di noi, promuovendo i valori dell’eguaglianza, del rispetto, della condivisone e della collaborazione. Attraverso le diverse attività proposte è stato possibile restituire alla comunità il suo potere socializzante, mescolando simultaneamente generazioni, culture, competenze che riconoscendo il Saper Fare di ognuno, ha permesso ai cittadini di crescere insieme condividendo i valori della solidarietà, del senso di appartenenza, della responsabilità reciproca e della cittadinanza attiva. Tanti si sono messi in gioco nel condividere e affrontare gli ostacoli della vita con l’aiuto di tutte quelle persone che hanno deciso di mettere in campo competenze e tempo a sostegno del Progetto. La vera innovazione di questo progetto è la capacità di generare interconnessioni che diventano linfa vitale per l’intera comunità. Essere una casa di tutti, uno spazio fisico che ingloba umanità, luogo di costruzione di senso, significa divenire un punto di riferimento dove la comunità può trovarsi, mettersi in gioco, riscoprirsi e rivalorizzarsi in una logica di benessere collettivo che produce in maniera continua e contagiosa capitale sociale. Vuol dire riscoprire ed alimentare, nel tempo, quell’intelligenza emotiva innata nel genere umano, che permette di riconoscere e sviluppare intelligenza sociale, attraverso la creazioni di reti tra persone capaci di cogliere le risorse, soprattutto quelle latenti, e metterle in circolo.

Ultimo aggiornamento del 08 Dicembre 2020

Contatta la realtà

Indirizzo

Email

Facebook