La mappa dell'Italia che Cambia

Piccola Opera Papa Giovanni

Piccola Opera Papa Giovanni

Don Italo Calabrò, nel 1968, coinvolgendo un gruppo di suoi studenti dell’Istituto Tecnico Industriale “A. Panella” ed altri giovani, avvia la Piccola Opera Papa Giovanni con l’accoglienza di 6 giovani disabili.
Proprio alla fine degli anni Sessanta alcuni familiari di disabili si rivolsero all’Arcivescovo di Reggio, Giovanni Ferro, per chiedere un suo intervento: essi desideravano che per i loro figli si potesse fare qualcosa di più e di meglio e soprattutto chiedevano che non finissero dentro le mura del manicomio. Il Vescovo chiese a don Italo Calabrò, suo stretto collaboratore, di avviare un’esperienza nuova a favore dei disabili mentali. E don Italo parlò ai suoi studenti con i quali aveva iniziato un dialogo su temi della fede vissuta, della solidarietà, della giustizia. I giovani accolsero la proposta di coinvolgersi in questo camminino di condivisione. Così Don Italo, insieme ad alcuni di loro, aprì a San Giovanni di Sambatello, nella casa canonica, la prima comunità dove furono accolti sei disabili. Si evitò, tra l’altro, il loro internamento nel manicomio o in istituti del nord Italia, ma soprattutto si avviò con loro un cammino di liberazione. Oggi questi sei giovani sono tutti inseriti in percorsi di autonomia nella società. Gli anni seguenti hanno visto la progressiva risposta ai bisogni del territorio, creando comunità di accoglienza, centri di riabilitazione, gruppi di volontariato.

Don Italo Calabrò ha caratterizzato la sua opera dalla continua apertura di nuovi spazi di servizi per i fratelli in difficoltà, partendo sempre con pochi strumenti e possibilità ma realizzando poi grandi opere educative. Il valore esemplare della sua esperienza e della sua opera ha dato vita, dopo la sua prima esperienza di accoglienza avviata a San Giovanni di Sambatello, ad altre esperienze di solidarietà per minori, disabili, anziani in tutta la chiesa locale e in tutto il territorio.

La storia è parte della ricerca “Sulle tracce dell’anti-‘ndrangheta. Approfondimenti, testimonianze e strumenti per le scuole”, curata da CCO Crisi Come Opportunità all’interno del Progetto “Il Palcoscenico della Legalità” in Calabria.

Ultimo aggiornamento del 09 Marzo 2021

Contatta la realtà

Indirizzo

Email

Telefono

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci