La mappa dell'Italia che Cambia

Sartoria Sociale Midulla San Cristoforo

Sartoria Sociale Midulla San Cristoforo

Il progetto nasce nel 2018 grazie ad Amelia Alessia Cristaldi e alla sua arte sartoriale all’interno delle proposte del Centro Polifunzionale Midulla per ricucire il tessuto sociale di San Cristoforo, quartiere difficile del catanese.

La realtà offre lavoro e competenze nell’ambito della sartoria e del ricamo alle persone che vivono il quartiere, nonché un percorso professionalizzante.

Coinvolge decine di donne, giovani e anziane, mamme e figlie, ed insegna l’arte del cucito ma anche tecniche moderne di cartamodello, attraverso corsi e progettazione virtuale.

Tra i suoi obiettivi fornisce supporto e competenze tecniche a creativi e stilisti, locali e non, usando risorse del quartiere di San Cristoforo come sarte e botteghe artigianali. 

Ha già ricevuto importanti commissioni locali e nazionali. Firma una prima collezione in occasione di Ursino Buskers 2018 con cui veste le attiviste di Gammazita e le giocoliere del Festival, realizza i costumi di scena della Compagnia Cometa Circus, crea i costumi e gli accessori del Carnevale Sociale di Catania 2019 e gli abiti per la Compagnia Malerba.

Ultimo aggiornamento del 21 Aprile 2021

Contatta la realtà

Indirizzo

Facebook

Instagram

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci