La mappa dell'Italia che Cambia

Urupia

Urupia

Tra Brindisi e Taranto sorge Urupia, un ecovillaggio storico simile, nel modello, a Bagnaia. La comune si è ritagliata un ruolo da protagonista nello sviluppo delle realtà di questa regione.

Urupia è nata dall’incontro tra un gruppo salentino di anarchici e un gruppo di teatranti radicali tedeschi. L’idea iniziale era quella di creare una Mag. Poi è capitata l’occasione di acquistare questo posto ad una cifra molto allettante. E’ stata quindi fatta una “colletta”, chiesto un finanziamento a Mag6 e ricevuto prestiti e donazioni da molti amici dei movimenti anarchici italiani e tedeschi.

Il progetto era quello di creare qualcosa che andasse al di là della proprietà privata. Per questo è stato intestato tutto all’Associazione Urupia. L’idea era quella di creare un laboratorio per sperimentare modelli di vita alternativi, mettendo in comune le cose: chi decide di entrare nella comune, dopo un periodo di prova collettizza le eventuali proprietà, o quantomeno le affitta, devolvendo gli utili all’Associazione.

Ogni anno i soci di Urupia possono stipulare un “contratto di uscita” che prevede le eventuali condizioni di abbandono della comune. Fino ad allora, qualunque esigenza di un socio è a carico della collettività, comprese eventuali spese per mantenere i figli o accudire parenti bisognosi.

Al momento Urupia ospita circa 25 soci più gli ospiti. Urupia produce olio, vino e altri prodotti agricoli, organizza attività culturali e corsi di vario tipo.

La sostenibilità è uno dei valori cardine nella comunità di Urupia. Per questo hanno costruito l’impianto di fitodepurazione, si scaldano con la legna, hanno pannelli fotovoltaici e per il solare-termico, e lavorano nel continuo “efficientamento” dei consumi.

Ultimo aggiornamento del 08 Dicembre 2020

Contatta la realtà

Indirizzo

Sito

Email

Facebook

Youtube

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci