14 Gen 2014

C'è un lago dietro casa mia? Terranave ci racconta la storia del bacino più sconosciuto di Roma

Un lago nascosto, di cui quasi nessuno fino a ieri aveva sentito parlare. Eppure era lì, nel cuore di Roma. […]

lagosnia
Un lago nascosto, di cui quasi nessuno fino a ieri aveva sentito parlare. Eppure era lì, nel cuore di Roma. Terranave ci racconta come è nato e perché in molti stanno lottando per restituirlo alla comunità.
Nella periferia orientale di Roma, dietro largo Preneste, si estende un lago di un ettaro di grandezza: un magnifico paesaggio naturalistico sconosciuto ai più.  Nato tra i cantieri aperti e mai finiti di una speculazione edilizia, il lago non è accessibile ai cittadini, nonostante sia un bene comune che insiste su un territorio pubblico. Ma oggi gli abitanti del quartiere stanno lottando per restituirlo alla città.

Questa storia inizia negli anni ’90, quando la Ponente 1978, società di costruzioni, apre i cantieri per la creazione di un centro commerciale. Falsificando il piano regolatore, che prevedeva che quell’area fosse destinata a verde pubblico e servizi, la Ponente da il via ai profondi scavi che avrebbero ospitato i parcheggi interrati della nuova struttura, ma a poche settimane dall’avvio dei lavori e dopo avere già costruito lo scheletro di uno dei palazzi, giunge la “sorpresa”: una falda acquifera si scontra con le ruspe e inizia a riversarsi nel cantiere, dando vita a un lago di un ettaro di grandezza.
Dopo la nascita del laghetto si sono susseguiti diversi tentativi di speculazione in quell’area:  progetti per la costruzione di un centro commerciale e di piscine per i mondiali, e ancora piani di riconversione in costosissime residenze universitarie, sino all’ultima trovata,  risalente al 2012, che prevedeva l’edificazione di quattro torri da trenta piani da innalzare proprio lì dove ora c’è il lago, in un area che gli abitanti del quartiere hanno scoperto essere pubblica. Tutti i progetti sono stati sventati anche grazie alle proteste dei cittadini, che oggi lottano quotidianamente per preservare questo lago pulitissimo e la sua natura incontaminata. La mobilitazione  è ormai permanente, in attesa che il lago sia restituito finalmente alle persone.
Per saperne di più:
Il sito del network Amisnet: amisnet.org
L’archivio delle puntate di Terranave: www.italiachecambia.org/categoria/terranave/

Articoli simili
Appello all’unità del movimento vegetariano, vegan, animalista ed ecologista
Appello all’unità del movimento vegetariano, vegan, animalista ed ecologista

Pensare globale e agire locale: ecco come, dove e quando
Pensare globale e agire locale: ecco come, dove e quando

Prospettive urbane per promuovere rigenerazione e sviluppo di comunità
Prospettive urbane per promuovere rigenerazione e sviluppo di comunità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le contraddizioni della transizione ecologica nella voce degli indigeni – #418

|

Migliaia di partecipanti e un manifesto del turismo responsabile: ecco IT.A.CÀ 2021

|

Avete passato un buon Black Friday? Ecco a cosa è servita la vostra “felicità”

|

SUQ, il bazar dei popoli dove l’arte si intreccia con le culture del mondo – #10

|

Mondeggi, la fattoria senza padroni, chiama a raccolta il mondo della permacultura per riprogettarsi

|

Il diritto dei bambini all’aria pulita: le strade scolastiche come antidoto a traffico e inquinamento

|

Fuga dalla città. Una seconda vita sulle colline piacentine

|

Assamil: una delle comunità più giovani d’Italia cresce e cerca una nuova casa