1 Giu 2014

La nuova cultura dell'Italia che cambia

  Colori, odori, facce, occhi, incontri. Persone, persone vere intendo, non quelle chiuse in prigioni di smog, luoghi comuni, maschere […]

 
Colori, odori, facce, occhi, incontri. Persone, persone vere intendo, non quelle chiuse in prigioni di smog, luoghi comuni, maschere utili per sopravvivere agli altri, fuggono dall’analista per poter fare l’unica vera chiacchierata della settimana. Persone che ti vedono e vogliono sapere, abbracciare le tue idee per farle crescere con innesti di buon umore, esperienza, curiosità, saper fare.
Ci accolgono come elementi affini, uniti dalla luce che abbiamo neglio occhi, desiderosi di conoscere nuove prospettive. Si mangia prodotti cucinati con amore, spesso non solo cucinati ma anche coltivati, si parla di tante cose nuove, sconosciute e bellissime, così belle che il tuo spirito cittadino s’innalzalibra desideroso di scappare da quel sistema innaturale creato per renderci tutti uguali, tutti spaventati, ma soprattutto tutti lontani.
Questo è diffondere cultura, questo è fare politica: elimina le distanze, mantieni le differenze.
 
Caterina
 
IMG_5815
 

Articoli simili
Lasciare il lavoro per un sogno: il Sud America zaino in spalla
Lasciare il lavoro per un sogno: il Sud America zaino in spalla

Mollare tutto per viaggiare… in salita

Vostok100k: un vecchio camper a caccia di storie straordinarie

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Negozio Leggero, dove fare la spesa alla spina per un nuovo commercio di vicinato

|

Il passo della sosta: quando la vita rinasce mentre si siede su una panchina

|

EcoPlanner, eventi green perché a festeggiare sia anche la Terra

|

Siamo alla frutta: la natura non è una catena di montaggio!

|

Abusi edilizi: ecco cosa sta succedendo in Sicilia

|

Giufà come Godot: gli attori scendono dal palco e diventano attivisti

|

Orsigna Arum Festival: ritroviamoci nel bosco per rigenerare noi stessi e gli altri