4 Lug 2014

Un appello per le coste della Sardegna: “Salvate la Conservatoria”

Il 12 giugno scorso la Giunta Regionale Sarda ha deciso di commissariare l’Agenzia Conservatoria delle coste della Sardegna. “Che fine […]

Il 12 giugno scorso la Giunta Regionale Sarda ha deciso di commissariare l’Agenzia Conservatoria delle coste della Sardegna. “Che fine farà il patrimonio costiero affidato alla gestione dell’Agenzia?”. È quanto si chiedono i promotori dell’appello  rivolto a Francesco Pigliaru, presidente della Regione Sardegna, affinché sia revocata la decisione di commissariare l’Agenzia. Il timore è che, con la soppressione dell’Agenzia, migliaia di ettari di coste, ad alto valore paesaggistico e ambientale, possano essere messi in vendita ai migliori offerenti, pronti a speculare sulle coste sarde.

 

Sardinia-Private-Bay-712605

 

Secondo i promotori dell’appello la decisione del governo regionale sardo appare ingiustificata “considerato che la Conservatoria delle coste è un ente sano, non in perdita e capace di risparmiare investire al meglio il denaro pubblico”. “L’efficienza economica e gestionale dell’Agenzia, esempio unico in Italia, e la sua capacità di attrarre finanziamenti per la Sardegna – si legge nell’appello – dimostrano concretamente la validità di investire nelle politiche ambientali per creare uno sviluppo realmente sostenibile”.

 

In questi anni, ricordano i promotori dell’appello, “la Conservatoria delle coste ha rappresentato uno strumento concreto di supporto agli enti locali per l’applicazione delle politiche regionali di tutela e di gestione integrata delle zone costiere della Sardegna”.

 

La Conservatoria – ricordano i firmatari – ha valorizzato, ad esempio, il patrimonio delle torri costiere, dei fari e delle stazioni semaforiche, iniziando il difficile restauro di molti manufatti e riportando questi beni culturali a un uso pubblico, in assenza di risorse statali per la loro tutela. L’ente ha così dimostrato che esiste un “modello alternativo ed efficace di gestione” di questi beni al quale si ispirano tutte le altre regioni italiane costiere.

 

L’appello rivolto al governatore della Sardegna vede insieme intellettuali, esponenti della cultura, del mondo accademico, politici e rappresentanti di diverse associazioni ecologiste. Si può aderire all’appello, firmando online sulla piattaforma Change.org o scrivendo una mail all’indirizzo appellocostesarde@gmail.com.

 

 

Articoli simili
Nasce il Forum Civico Savonese per una città più etica e sostenibile
Nasce il Forum Civico Savonese per una città più etica e sostenibile

Lobbying, conflitto d’interessi e trasparenza sul recovery fund: tre riforme a costo zero per Draghi
Lobbying, conflitto d’interessi e trasparenza sul recovery fund: tre riforme a costo zero per Draghi

La stupidità della tecno-umanità
La stupidità della tecno-umanità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente

|

Alleniamoci ad ascoltare gli altri per creare un mondo migliore

|

Il benessere? Secondo Lara Lucaccioni e Matteo Ficara è questione di energia

|

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo