20 Lug 2015

Pratomagno: una petizione per bonificare il paesaggio

Scritto da: Daniela Bartolini

Una petizione su change.org per abbattere il traliccio RAI in disuso e bonificare il paesaggio del monte che sovrasta Casentino e Valdarno.

Salva nei preferiti

Solo pochi giorni fa scrivevamo della rinata attenzione verso il Pratomagno, della presa in carico della sua cura da parte degli abitanti e delle amministrazioni locali, del gemellaggio con l’Australia che hanno portato al restauro della Croce monumentale, alla creazione di un sito e una festa dedicate e all’imminente inaugurazione del cippo e del percorso escursionistico dedicato a Bert Hinkler.

Il crinale del Pratomagno con le sue sconfinate vedute su Firenze, sulla Verna, il Falterona e l’Amiata, le Apuane e i Sibillini è un immensa prateria, un luogo di straordinaria bellezza purtroppo deturpato da un vecchio traliccio-ripetitore Rai, ormai inattivo da anni, che si erge proprio a ridosso del cippo che ricorda Bert Hinkler, il grande aviatore australiano qui caduto nel 1933 durante la trasvolata Londra- Sidney.

Un comitato Pro Pratomagno ha lanciato in questi giorni una petizione sulla piattaforma change.org per chiederne il definitivo smantellamento, passo finale per bonificare il paesaggio di questa montagna e il panorama del crinale.
Secondo i promotori della petizione, sarebbe già stata individuata una ditta specializzata che si sarebbe resa disponibile gratuitamente a bonificare il sito in cambio dei materiali ferrosi, ma “la burocrazia e l’indifferenza non consentono di portare a termine l’iniziativa di abbattere il traliccio e bonificare il paesaggio”.

L’invito è a sottoscrivere la petizione su change.org, la grande piattaforma di petizioni per il cambiamento che unisce persone di tutto il mondo, oltre i confini geografici e culturali per sostenere le cause che ci stanno a cuore e creare il cambiamento vicino a noi. Uno strumento gratuito, democratico per influenzare chi ha il potere di decidere, coinvolgere e sensibilizzare.

La “causa” del Pratomagno va oltre il deturpamento di un crinale, ci parla della difesa dei beni comuni, risorse, paesaggio, elementi culturali ed è un atto di accusa verso chi sfrutta l’ambiente naturale e non si preoccupa poi di cancellare la propria impronta su di esso lasciandolo all’abbandono e al degrado.

E tu quale crinale preferisci?

Clicca qui per firmare adesso.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Liquida, il festival che trasforma Codrongianos nel polo vivace della letteratura giornalistica
Liquida, il festival che trasforma Codrongianos nel polo vivace della letteratura giornalistica

Rinaldo Pinna e i suoi Sonheros: quando la musica di strada diventa collante sociale
Rinaldo Pinna e i suoi Sonheros: quando la musica di strada diventa collante sociale

SiciliAmbiente Film Festival, a San Vito Lo Capo il festival che coniuga ambiente e diritti umani
SiciliAmbiente Film Festival, a San Vito Lo Capo il festival che coniuga ambiente e diritti umani

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Dalle crepe nel modello standard alla teoria delle stringhe. La scienza è in crisi? – #967

|

Kalabria Eco Fest ed Economia del Bene Comune: fare impresa etica in Calabria è possibile?

|

Inaugurata la bibliocabina con cassetta delle lettere, tra cultura e introspezione

|

Il video racconto da Selargius, tra chi ha lasciato tutto per presidiare e chi fra gli ulivi ha trovato comunità

|

PFAS e i cantieri TAV: tutte le acque contaminate, dal Veneto alla Val di Susa

|

Change!, la mostra che parla di Po, siccità e crisi climatica

|

Il volontariato che fa scoprire il mondo: la storia di Emily, giovane wwoofer

|

Open Accessible Cooking, il progetto di Elena e Andrea per una cucina accessibile

string(9) "casentino"