20 Lug 2015

Pratomagno: una petizione per bonificare il paesaggio

Scritto da: Daniela Bartolini

Una petizione su change.org per abbattere il traliccio RAI in disuso e bonificare il paesaggio del monte che sovrasta Casentino e Valdarno.

Solo pochi giorni fa scrivevamo della rinata attenzione verso il Pratomagno, della presa in carico della sua cura da parte degli abitanti e delle amministrazioni locali, del gemellaggio con l’Australia che hanno portato al restauro della Croce monumentale, alla creazione di un sito e una festa dedicate e all’imminente inaugurazione del cippo e del percorso escursionistico dedicato a Bert Hinkler.

Il crinale del Pratomagno con le sue sconfinate vedute su Firenze, sulla Verna, il Falterona e l’Amiata, le Apuane e i Sibillini è un immensa prateria, un luogo di straordinaria bellezza purtroppo deturpato da un vecchio traliccio-ripetitore Rai, ormai inattivo da anni, che si erge proprio a ridosso del cippo che ricorda Bert Hinkler, il grande aviatore australiano qui caduto nel 1933 durante la trasvolata Londra- Sidney.

Un comitato Pro Pratomagno ha lanciato in questi giorni una petizione sulla piattaforma change.org per chiederne il definitivo smantellamento, passo finale per bonificare il paesaggio di questa montagna e il panorama del crinale.
Secondo i promotori della petizione, sarebbe già stata individuata una ditta specializzata che si sarebbe resa disponibile gratuitamente a bonificare il sito in cambio dei materiali ferrosi, ma “la burocrazia e l’indifferenza non consentono di portare a termine l’iniziativa di abbattere il traliccio e bonificare il paesaggio”.

L’invito è a sottoscrivere la petizione su change.org, la grande piattaforma di petizioni per il cambiamento che unisce persone di tutto il mondo, oltre i confini geografici e culturali per sostenere le cause che ci stanno a cuore e creare il cambiamento vicino a noi. Uno strumento gratuito, democratico per influenzare chi ha il potere di decidere, coinvolgere e sensibilizzare.

La “causa” del Pratomagno va oltre il deturpamento di un crinale, ci parla della difesa dei beni comuni, risorse, paesaggio, elementi culturali ed è un atto di accusa verso chi sfrutta l’ambiente naturale e non si preoccupa poi di cancellare la propria impronta su di esso lasciandolo all’abbandono e al degrado.

E tu quale crinale preferisci?

Clicca qui per firmare adesso.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosmic Fest: cibo, salute e salvaguardia del pianeta

|

Il Mare Colore dei Libri, la Sicilia celebra la natura e la cultura

|

Altravia, da Torino a Savona un viaggio lento per scoprire terre inesplorate

|

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente

|

Alleniamoci ad ascoltare gli altri per creare un mondo migliore

|

Il benessere? Secondo Lara Lucaccioni e Matteo Ficara è questione di energia

|

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”