20 Lug 2015

Pratomagno: una petizione per bonificare il paesaggio

Scritto da: Daniela Bartolini

Una petizione su change.org per abbattere il traliccio RAI in disuso e bonificare il paesaggio del monte che sovrasta Casentino e Valdarno.

Solo pochi giorni fa scrivevamo della rinata attenzione verso il Pratomagno, della presa in carico della sua cura da parte degli abitanti e delle amministrazioni locali, del gemellaggio con l’Australia che hanno portato al restauro della Croce monumentale, alla creazione di un sito e una festa dedicate e all’imminente inaugurazione del cippo e del percorso escursionistico dedicato a Bert Hinkler.

Il crinale del Pratomagno con le sue sconfinate vedute su Firenze, sulla Verna, il Falterona e l’Amiata, le Apuane e i Sibillini è un immensa prateria, un luogo di straordinaria bellezza purtroppo deturpato da un vecchio traliccio-ripetitore Rai, ormai inattivo da anni, che si erge proprio a ridosso del cippo che ricorda Bert Hinkler, il grande aviatore australiano qui caduto nel 1933 durante la trasvolata Londra- Sidney.

Un comitato Pro Pratomagno ha lanciato in questi giorni una petizione sulla piattaforma change.org per chiederne il definitivo smantellamento, passo finale per bonificare il paesaggio di questa montagna e il panorama del crinale.
Secondo i promotori della petizione, sarebbe già stata individuata una ditta specializzata che si sarebbe resa disponibile gratuitamente a bonificare il sito in cambio dei materiali ferrosi, ma “la burocrazia e l’indifferenza non consentono di portare a termine l’iniziativa di abbattere il traliccio e bonificare il paesaggio”.

L’invito è a sottoscrivere la petizione su change.org, la grande piattaforma di petizioni per il cambiamento che unisce persone di tutto il mondo, oltre i confini geografici e culturali per sostenere le cause che ci stanno a cuore e creare il cambiamento vicino a noi. Uno strumento gratuito, democratico per influenzare chi ha il potere di decidere, coinvolgere e sensibilizzare.

La “causa” del Pratomagno va oltre il deturpamento di un crinale, ci parla della difesa dei beni comuni, risorse, paesaggio, elementi culturali ed è un atto di accusa verso chi sfrutta l’ambiente naturale e non si preoccupa poi di cancellare la propria impronta su di esso lasciandolo all’abbandono e al degrado.

E tu quale crinale preferisci?

Clicca qui per firmare adesso.

Articoli simili
Rete Museale Biellese, si cercano operatori per la nuova stagione

Elisa Seitzinger, un viaggio dal simbolismo al terzo paradiso

L’importanza dell’immaginazione per costruire noi stessi e il mondo che vogliamo
L’importanza dell’immaginazione per costruire noi stessi e il mondo che vogliamo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Milarepa, il collettivo che recupera i muretti a secco liguri

|

Vinokilo, il mercato circolare di abiti usati venduti al chilo

|

Piantare alberi salverà il mondo, ma attenzione a come lo fate

|

Lightdrop, la piattaforma che sostiene relazioni e territorio, cerca collaboratori

|

Ballottaggi: e ci ostiniamo a chiamarla maggioranza! – Aspettando Io Non Mi Rassegno #4

|

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita