6 Ago 2015

Volontariato: nasce a Modena l'Albo dei Cittadini Attivi di Quartiere

Scritto da: Laura Pavesi

Modena - Nasce a Modena l’Albo dei Cittadini Attivi di Quartiere, una singolare iniziativa pubblica che permette anche ai singoli […]

Modena - Nasce a Modena l’Albo dei Cittadini Attivi di Quartiere, una singolare iniziativa pubblica che permette anche ai singoli cittadini che non fanno parte di associazioni o gruppi di volontariato, ma che desiderano comunque mettersi al servizio del quartiere in cui risiedono, di impegnarsi in attività solidali e utili alla comunità.

 

amiamo bresso

L’iniziativa modenese – unica nel suo genere a livello nazionale – fa parte del progetto “Io partecipo” ed è nata per dare una risposta concreta alle numerose richieste che sono arrivate al Comune dagli stessi cittadini ed è aperta a chiunque desideri proporsi come volontario a livello individuale.

 

In questa fase iniziale, le attività individuate dall’Amministrazione per l’iscrizione all’Albo riguardano le piccole manutenzioni di attrezzature e di arredi comunali, il giardinaggio nelle aree verdi e nei cortili di proprietà pubblica, il controllo delle aree verdi durante le manifestazioni pubbliche e la sorveglianza in strutture pubbliche, sia ricreative che culturali, per adeguare gli orari di apertura alle esigenze dell’utenza modenese.

 

L’Albo dei cittadini che intendono svolgere attività individuale di volontariato, è stato presentato lo scorso 22 luglio in Commissione Consiliare Servizi (Culturali, Sociali, Educativi, Sport e Tempo Libero) da Ingrid Caporioni – Assessore ai Quartieri e Centro Storico, Partecipazione, Lavoro e Formazione Professionale, Pari Opportunità.

 

Strade7

L’istituzione dell’Albo dei Cittadini Attivi di Quartiere è stata esaminata e già approvata in Commissione Servizi e il prossimo passo sarà la presentazione del progetto nei singoli Quartieri (che a Modena sono 4). Terminata la consultazione con i Quartieri, a settembre il progetto e il Regolamento di istituzione dell’Albo saranno discussi in Consiglio Comunale. “Con la creazione dell’Albo – ha spiegato alla stampa l’Assessore Caporioni – creiamo una cornice che permette anche ai cittadini che non sono iscritti ad associazioni di volontariato di impegnarsi in attività di solidarietà a favore del quartiere nel quale vivono. È una forma di collaborazione che coinvolge direttamente i singoli e che dà una risposta concreta alle richieste di partecipazione che ci sono arrivate”.

 

Da sottolineare il fatto che il Regolamento dell’Albo dei Cittadini Attivi di Quartiere prevede che le azioni di volontariato siano integrative e non sostitutive dei servizi di competenza dell’Amministrazione comunale. Inoltre, i lavoretti e le attività previste dal progetto (manutenzione, cura dell’ambiente, servizi di aiuto in occasione di eventi e gestione di iniziative, ecc.) possono essere svolte dai singoli Cittadini Attivi solamente nel caso in cui non esistano altre soluzioni – cioè quando tali attività non possano essere gestite da organizzazioni di volontariato o associazioni di promozione sociale o cooperative sociali presenti sul territorio.

 

spazzino spazza con la foglia di palma

Se queste condizioni vengono meno, ecco che subentrano i Cittadini Attivi, i quali vanno ad operare sul territorio in stretta collaborazione con l’Amministrazione e con i presidenti di Quartiere. I lavori e le attività saranno svolte a titolo completamente gratuito, ma per gli iscritti all’Albo sono previste la copertura assicurativa e un rimborso delle spese vive sostenute e preventivamente autorizzate dall’Amministrazione.

 

Ma come si diventa Cittadini Attivi? Per iscriversi all’Albo bisogna presentare domanda al Quartiere di residenza oppure al Quartiere per il quale si intende prestare la propria opera, indicando le attività e le iniziative per le quali ci si rende disponibili. Per ulteriori informazioni sul progetto ci si può rivolgere all’Assessorato ai Quartieri e Centro Storico o all’Ufficio Quartieri del Comune di Modena.

 

 

Articoli simili
Autosufficienza e consumo critico: ecco come vivere in maniera etica ed ecologica – Un viaggio lungo dieci anni #5
Autosufficienza e consumo critico: ecco come vivere in maniera etica ed ecologica – Un viaggio lungo dieci anni #5

Da Berrino a Lumera, appuntamento al Macrolibrarsi Fest per parlare di stili di vita sostenibili
Da Berrino a Lumera, appuntamento al Macrolibrarsi Fest per parlare di stili di vita sostenibili

Alan e Francesca, due “itineranti della domenica” che riscoprono attivamente le Valli dell’Ossola col progetto Itinerarium
Alan e Francesca, due “itineranti della domenica” che riscoprono attivamente le Valli dell’Ossola col progetto Itinerarium

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

I programmi dei partiti ai raggi X – #585

|

Oggi “sciopero creativo” per il clima e per il futuro!

|

La Sicilia Che Cambia: vi raccontiamo cosa sta succedendo sull’isola!

|

Retake scende in campo per il World Cleanup Day: milioni di persone puliscono il territorio

|

Zō trasforma Catania in un centro internazionale della rivoluzione artistica e musicale

|

Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”

|

Impresa che cambia: scopriamo gli esempi virtuosi insieme ai loro protagonisti

|

Italia Che Cambia si presenta! Un viaggio lungo dieci anni per raccontare il cambiamento