17 Set 2015

Settimana Europea della Mobilità Sostenibile

Scritto da: Daniela Bartolini

Dal 16 al 22 settembre torna la Settimana della Mobilità Sostenibile. Domenica 20 dal Casentino al Parco di San Rossore in bici e treno lungo le ciclopiste e le ciclovie regionali.

Si terrà dal 16 al 22 settembre la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, un’iniziativa ormai consolidata promossa dalla Commissione Europea che coinvolge quest’anno oltre 42 paesi e 1600 amministrazioni locali e a cui in Italia aderisce il Ministero dell’Ambiente, che svolge anche il ruolo di coordinamento e di supporto agli eventi organizzati dai comuni e dalle associazioni italiane.

Il tema scelto per questa edizione è Do the Right Mix-Choose. Change. Combine, ovvero Scegli Cambia Combina. La multimodalità quindi come scelta strategica per una migliore mobilità urbana. Si vuole così incoraggiare i cittadini a scegliere il modo migliore per spostarsi, utilizzando differenti modalità di trasporto sostenibili durante lo stesso viaggio, adottando la soluzione migliore sia dal punto di vista economico che di risparmio di tempo. Incentivare modalità di spostamento alternativi all’auto privata, utilizzando e combinando mezzi di trasporto diversi: a piedi o in bicicletta, treno o bus ma anche incentivare la sharing mobility, la mobilità condivisa.

La bicicletta è in tutto questo protagonista ed infatti la Fiab (Federazione italiana amici della bicicletta) è attivamente coinvolta nell’organizzazione di molti eventi. La Settimana Europea della Mobilità Sostenibile rappresenta per la federazione l’occasione per promuovere l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano e per il tempo libero, e rafforzare le collaborazioni con le pubbliche amministrazioni per rendere più ciclabili le città ed anche per far conoscere ed apprezzare le eccellenze storiche e culturali dei nostri territori.

Venerdì 18 settembre la Fiab promuove per il secondo anno la giornata dedicata al Bike to Work, un invito a raggiungere i luoghi di lavoro in bicicletta ed ad introdurre nella quotidianità questa salutare abitudine.

E’ sempre la Fiab, con l’adesione del Comune di Arezzo, ad organizzare nel nostro territorio gli eventi di questa settimana: il censimento delle biciclette ad Arezzo, escursione guidata lungo il corridoio della vecchia ferrovia FAC fino alla bottega di Gragnone.

La giornata di domenica 20 sarà invece dedicata alle ciclopiste e ciclovie regionali, da Stia ad Arezzo in bici, da Arezzo a Pisa in treno, da Pisa al Parco di San Rossore in bici.
La pedalata partirà da Stia alle 7, ma i ciclisti che intendono aderire possono aggregarsi durante il tragitto lungo i vari centri del Casentino: Ponte a Poppi, Bibbiena, Rassina, Subbiano, Capolona. Da Arezzo partirà alle 10 un treno che disporrà di 30 posti con bici gratuiti. Il treno farà tappa a Figline e Firenze Rovezzano, dove saliranno altri ciclisti. Il treno proseguirà con fermata a Empoli e arrivo a Pisa per le 14 circa. Seguiranno l’incontro con i manifestanti per le ciclopiste tirreniche, la pedalata da Pisa fino a San Rossore e il ritorno, sempre in treno, fino ad Arezzo. Per chi giunge dal Casentino sarà organizzato un servizio di navetta per il rientro dalla stazione del capoluogo fino a Stia o dove necessario. Chi volesse riservare un posto nel treno Arezzo – Pisa e ritorno e aderire alla manifestazione di Pisa – San Rossore, può prenotare entro le 12 di venerdì 18 settembre telefonando al 333.4757202 o al 333.3613741.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Associazione vittime dell’uranio impoverito: “Con le esercitazioni Nato in Sardegna è in atto un massacro”
Associazione vittime dell’uranio impoverito: “Con le esercitazioni Nato in Sardegna è in atto un massacro”

L’endocrinologo Giovanni Frajese: i vaccini a mRNA influiscono sul sistema ormonale?
L’endocrinologo Giovanni Frajese: i vaccini a mRNA influiscono sul sistema ormonale?

Chiamateci “homo chimicus”: siamo la specie più esposta alle sostanze chimiche
Chiamateci “homo chimicus”: siamo la specie più esposta alle sostanze chimiche

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il problema della siccità non è scomparso – #661

|

Dalla sintesi fra oriente e occidente alla rivoluzione dell’educazione: il futuro secondo Sujith Ravindran – Meme! #43

|

“Ci siamo trasferiti in montagna e ora cerchiamo persone per costituire una cooperativa di comunità”

|

Senza sbarre: un’alternativa al carcere è possibile

|

4 cose da fare se si trova una baby tartaruga marina spiaggiata

|

Stato Bradipo: nell’era della fast fashion, un progetto di moda lenta, etica ed ecologica

|

Associazione vittime dell’uranio impoverito: “Con le esercitazioni Nato in Sardegna è in atto un massacro”

|

Dall’Australia a Mussomeli. Danny McCubbin con The Good Kitchen prepara pasti gratis per chi ne ha bisogno