3 Apr 2015

Un impegno per la Sostenibilità e la Salute

COMUNICATO STAMPA DEL 31 Marzo 2015   DOCUMENTO PER I PARLAMENTARI EUROPEI: Un impegno per la Sostenibilità e la Salute […]

COMUNICATO STAMPA DEL 31 Marzo 2015

 

DOCUMENTO PER I PARLAMENTARI EUROPEI:

Un impegno per la Sostenibilità e la Salute

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

 

 La Rete Sostenibilità e Salute (RSS), che riunisce 21 associazioni attive sui temi della salute e della sostenibilità, ha pubblicato sul proprio sito un documento in cui richiede ai parlamentari europei un serio impegno per la tutela della salute dei cittadini europei (in allegato). Il documento è stato inviato ai parlamentari italiani e il nominativo di coloro che lo sottoscriveranno sarà a breve pubblicato sul sito della RSS.

 

Nel documento la RSS richiede la tutela dei beni comuni, cosi come adeguate politiche nella gestione dei rifiuti, degli inquinanti ambientali e nell’agricoltura, enfatizzando l’importanza dell’equità e dei determinati sociali di salute. Si richiedono, inoltre, una serie di azioni a tutela dei servizi sanitari, quali per esempio porre limiti più rigorosi al marketing di prodotti sanitari, farmaci, dispositivi medici, cosi promuovere azioni di prevenzione tramite leggi e direttive che prevedano di usare le risorse destinate alla sanità in modo più appropriato, favorendo la riduzione di esami e trattamenti che apportano scarsi benefici e rischiano di procurare danni, e facilitando l’adozione di corrette abitudini di vita.

 “La nostra salute dipende ormai da ampi processi riguardanti la sfera socio-economica ed ambientale che non possono che essere tutelati in ambito europeo. E’ possibile farlo ed è arrivato il tempo di agire.” riporta il portavoce della rete Jean-Louis Aillon.

 

Rete Sostenibilità e Salute

 

Media relation Rete Sostenibilità e Salute

 

sostenibilità e salute

 

Agli Eletti al Parlamento Europeo

 

Si è costituita nello scorso giugno una rete di associazioni che lavorano nell’ambito della salute denominata Rete Sostenibilità e Salute, RSS. In allegato la Carta di principi e d’intenti sottoscritta dalle associazioni che ne fanno parte.

 

Come associazioni aderenti alla RSS chiediamo agli Eletti al Parlamento Europeo di sottoscrivere il seguente documento, impegnandosi attivamente rispetto agli ambiti che qui di seguito proponiamo:

 

1 – Fare in modo che le direttive della Commissione Europea stabiliscano che l’acqua è un bene comune, che deve essere gestito pubblicamente dai rappresentanti delle comunità locali e non da imprese private a scopo di lucro.       

 

 

2 – Promuovere una legislazione che preveda in tutti i paesi dell’Unione Europea un rapido progresso verso politiche di “rifiuti zero”.   

 

3 – Sostenere lo sviluppo di regolamenti sempre più rigorosi in materia di contaminazione ambientale da sostanze chimiche, applicando, in mancanza di prove, il principio di precauzione.      

 

4 – Incentivare la produzione, la distribuzione e il consumo di alimenti sani da agricoltura biologica, e disincentivare colture massive non rispettose dell’ambiente e della salute, trasferendo sulle stesse i costi sociali di processi produttivi dannosi per la salute.        

 

5 – Ridurre, fino ad eliminarli, i conflitti d’interesse tra i funzionari e i consulenti delle Agenzie Europee per l’ambiente, le sostanze chimiche, i farmaci e la sicurezza alimentare.       

 

6 – Proteggere e promuovere l’accesso di tutti gli individui, compresi i migranti irregolari, alle cure mediche nei sistemi sanitari nazionali dei Paesi membri.       

 

7 – Sostenere leggi e direttive che prevedano di usare le risorse destinate alla sanità in modo più appropriato, favorendo la riduzione di esami e trattamenti che apportano scarsi benefici e rischiano di procurare danni, e facilitando l’adozione di corrette abitudini di vita.       

 

 

8 – Porre limiti più rigorosi al marketing di prodotti sanitari, farmaci, dispositivi medici, alimentari in generale, alimenti e le bevande per lattanti e bambini, e favorire l’adozione di una legislazione che obblighi alla trasparenza tutte le transazioni tra l’industria biomedica e alimentare e i professionisti della salute, in quanto individui o associazioni.    

 

9 – Evitare che l’attività di parlamentare europeo sia condizionata da interessi dell’industria degli armamenti, del farmaco, degli alimenti, del tabacco e di qualsiasi altro prodotto che incida negativamente sulla salute e la nutrizione.    

 

10 – Far sì che tutte le leggi e le direttive votate rispettino il principio della “salute in tutte le politiche”, oltreché l’equità e la giustizia sociale, in  particolare per quanto riguarda i determinanti sociali della salute, come ad esempio l’ambiente e l’istruzione, in armonia con quanto enunciato nella Carta di Bologna 2014 per la Sostenibilità e la Salute. 

 

11 – Vigilare ed attivamente ostacolare, nel corso della negoziazione di accordi bilaterali o multilaterali fra UE e altri stati, istituzioni o enti di altra natura (per esempio il TTIP-TISA)[1], atti le cui conseguenze incidano negativamente sulla salute o violino i contenuti della carta di Bologna, promuovendo nei processi di negoziazione l’attiva partecipazione della cittadinanza e delle associazioni di settore.

 

 

Bologna, 31/03/2015

 

Rete Sostenibilità e Salute

 

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Riforestiamo il mondo? – Io Non Mi Rassegno #367

|

Emilia Romagna prima regione italiana a bandire le gabbie dagli allevamenti

|

In un terreno confiscato alla mafia nasce la prima food forest della Sicilia

|

Il mutuo garantito al 100%? In realtà non è utile per i giovani

|

Ri-nascere cre-attivamente dalla sofferenza. BB, parole di dolore e resilienza

|

AAA cittadini cercasi per rivitalizzare piccolo borgo umbro

|

GasparOrto, l’orto urbano che sfida cemento e degrado

|

La prima volta che mi hanno chiesto il permesso