Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
15 Ott 2015

Incontro nazionale della redazione di Italia che Cambia: ecco il video racconto!

Scritto da: Daniel Tarozzi

Il 10 e l'11 ottobre si è tenuto alla Città dell'Altra economia un incontro al quale hanno partecipato i fondatori di Italia che Cambia, le persone che lavorano ogni giorno per portare avanti questo progetto, alcuni collaboratori storici e altri che, insieme a noi, stanno realizzando progetti territoriali, contribuendo a rendere Italia che Cambia una realtà sempre più viva.

Sono passati due anni da quando ho terminato il mio primo viaggio nell’Italia che cambia, un viaggio condiviso a tratti con straordinari compagni di viaggio e a tratti vissuto da solo. Due anni dopo, il 10 e 11 ottobre, si sono ritrovate a Roma venti persone che, direttamente o indirettamente, collaborano o collaboreranno al progetto “Italia che Cambia”.

 

IMG_0412

 

Un po’ come lo straordinario pezzo di Paese che quotidianamente cerchiamo di raccontare, anche il nostro progetto e il nostro gruppo crescono esponenzialmente!

 

Lasciamo al video e alle foto  il compito di raccontare quanto accaduto. Per noi è stata un occasione per conoscerci meglio, formarci, condividere, giocare e gettare nuove basi per la prossima fase del nostro lavoro.

 

 

Dai progetti territoriali (come Casentino che Cambia  e Biella che Cambia), ai laboratori e gli aperitivi  “Verso l’Accademia del Cambiamento”, all’imminente lancio del nuovo sito di Italia che Cambia… Quello che stiamo vivendo è un momento ricco di grandi novità, stimoli e proposte che continuamente ci arrivano da tutti voi, aumentando di giorno in giorno la nostra fiducia nel progetto che abbiamo avviato e che stiamo portando avanti!

 IMG_0601

 

Ci sarà da divertirci, non dubitate. Se volete sapere cosa faremo… restate sintonizzati!

 

Guarda tutte le foto dell’incontro! 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

I “giganti dormienti” del ciclo del carbonio si stanno svegliando? – Io Non Mi Rassegno #240

|

Ragazzi irresponsabili: siamo davvero impotenti di fronte ai cambiamenti climatici? – A tu per tu #7

|

Bambini a contatto con la natura: tutti gli effetti benefici in 10 punti

|

Marco Cappato: “Questa iniziativa può fermare i cambiamenti climatici”

|

La parità di genere ed il linguaggio emotivo siano il cuore di un cambiamento radicale

|

La paura di Lise

|

Il Boschetto: da spazio abbandonato a orto dove si coltivano insieme frutta, verdura e tempo!

|

Covid, scuola e DAD: un sostegno agli studenti in difficoltà per non lasciare indietro nessuno