14 Dic 2015

Apre a Rassina “Casentino km0”

Scritto da: Daniela Bartolini

E' stato inaugurato questa mattina in Piazza Mazzini a Rassina, il punto vendita dedicato ai piccoli produttori locali.

L’avevamo annunciato a fine agosto in questo precedente articolo ed adesso, a pochi giorni dal Natale, apre finalmente a Rassina Casentino Km0. Un punto vendita particolare, nato per valorizzare i prodotti agricoli locali e il territorio, frutto di un percorso avviato già da qualche anno.

Poco più di un anno fa infatti la cooperativa sociale I Care Ancora, l’associazione di volontariato I Care e la Società agricola cooperativa aManiNude aveva presentato all’Unione dei Comuni Montani del Casentino la propria visione per la gestione di uno spaccio locale dedicato ai prodotti agricoli ed enogastronomici del Casentino con il progetto “Filiera corta e giovani-Un progetto pilota in Casentino” da inserire nei canale di finanziamento della Regione Toscana del bando “Progetto Filiera corta – Rete per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani” a cui l’Unione dei Comuni aveva partecipato con successo.

Proprio come riconoscimento del ruolo svolto dalla Regione Toscana in questi anni, si è dunque scelto di inaugurare il punto vendita nel giorno della visita in Casentino dell’assessore all’agricoltura Marco Remaschi.

Lo spazio di Casentino Km0 ha trovato la sua ubicazione in Piazza Mazzini, 34 a Rassina e sarà gestito da giovani formati, grazie al progetto, sulle produzioni locali, sul marketing, sulla gestione di un negozio di filiera corta. Non solo un punto vendita ma anche un punto informativo e promozionale che racconti le storie di questi produttori, il loro rapporto con la tradizione e la storia del territorio stesso.

Il punto vendita ospita al momento i prodotti di una decina di aziende, dai formaggi alla carne, dalle verdure e frutta freschi e trasformati al miele, alle confetture e all’olio prodotti dalla cooperativa agricola sociale A mani nude.
Gli obiettivi futuri per questo piccolo punto vendita alle porte del Casentino sono allargare la collaborazione con altri produttori locali, allestire uno spazio per piccoli eventi e degustazioni e divenire uno spazio di informazione culturale e turistica.

Il Sindaco di Castel Focognano Massimiliano Sestini si dice soddisfatto di questa inaugurazione sottolineando “L’importanza di riconoscere il lavoro di piccoli produttori locali, non di rado giovani, che hanno scelto con coraggio di riscoprire le nostre tipicità dando un elevato standard qualitativo alle produzioni, come dimostra anche il crescente apprezzamento che diverse aziende ottengono non solo a livello locale”.
Eleonora Ducci, Sindaco di Talla e Vice Presidente della Provincia di Arezzo, che ha seguito il progetto in questo anno, auspica che “sia l’inizio di una positiva avventura non solo per i produttori ed i gestori, ma anche per il pubblico affinché possa riscoprire sapori e tipicità di cui il Casentino è ricco e che non meritano di perdersi nella massificazione dei gusti e dei prodotti”

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Un ritorno degli OGM in Italia? Le associazioni denunciano “il colpo di mano”
Un ritorno degli OGM in Italia? Le associazioni denunciano “il colpo di mano”

Lorna, la tredicenne che salva le api

#12 – “Ai pianacci”, passione e lavoro tra api e cani!
#12 – “Ai pianacci”, passione e lavoro tra api e cani!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Antonello Sannino e il mondo LGBTQIA+ nel Sud Italia. Una storia piena di sorprese – Amore Che Cambia #19

|

A Ventimiglia il viaggio dei migranti in attesa di nuova accoglienza

|

La Casa del Giocattolo Solidale: riuso e condivisione per fare felici i bambini

|

Ticket tour: un viaggio alla scoperta di aziende virtuose sforna nuovi imprenditori eco-sostenibili

|

Il Green Deal parte dalla Sicilia: approvata la legge sull’Agroecologia

|

La biofilia e l’educazione in Natura negli spazi educativi all’aperto

|

1000 Metri: Un hotel abbandonato rivive per far ripartire la montagna