Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
15 Gen 2016

Scacciamoli, la proposta di legge per riformare la caccia

Scritto da: Tamara Mastroiaco

8 italiani su 10 vogliono abolire la caccia, eppure, ai cacciatori vengono concessi ancora tanti privilegi da parte della casta politica. Per riformare strutturalmente la normativa sulla caccia, i Radicali Italiani, con una proposta di legge, lanciano Scacciamoli, la campagna a tutela dei cittadini e dell’ambiente.

Cosa non è la caccia, oramai, dovrebbe essere chiaro a tutti: non è uno sport, non è un’attività ludica, non è approvvigionamento del cibo, non serve a proteggere e tutelare la biodiversità – come vogliono farci credere i cacciatori – e, soprattutto, non è etica perché, oltre a rappresentare una minaccia per l’ambiente, miete vittime animali di tutte le specie.

 

5673c2cd-c0c9-422f-a503-b49fa5003671

Dal report The Killing  presentato lo scorso agosto alla Birdfair 2015, solo in Italia vengono uccisi 5,6 milioni di uccelli l’anno (il numero è compreso tra i 3,4 e gli 8,4 milioni). Oltre alla fauna selvatica, sono vittime di questa assurda pratica anche gli animali domestici e gli uomini.

 

“Dall’inizio della stagione venatoria (2 settembre) al 5 gennaio sono stati registrati 15 morti e 57 feriti, 13 dei quali non cacciatori e due minori di età” dichiara l’Associazione Vittime della Caccia.

 

Gli italiani, in diversi sondaggi, si sono schierati contro questa pratica aberrante e crudele e la percentuale di persone contrarie alla caccia registra un crescente aumento (+4% sul 2014) secondo le rivelazioni Eurispes 2015 mentre, in Italia, secondo gli ultimi dati disponibili, il numero dei cacciatori è in calo costante (nel 1980 rappresentavano il 3% della popolazione italiana contro l’1,2% dell’attuale popolazione).

 

Ebbene, nonostante queste doverose premesse, sono di dominio pubblico i numerosi privilegi riconosciuti ai cacciatori. Tra i tanti, l’articolo 842 del Codice Civile che consente ai cacciatori di entrare in tutte le proprietà private di campagna senza dover chiedere il permesso ai rispettivi proprietari. Un detentore di un terreno non può dire al cacciatore di rimanere fuori dalla propria proprietà mentre potrebbe tranquillamente vietarlo a un birdwatcher.  Altro vantaggio fornito ai cacciatori, che mostra anche un certo conflitto di interessi, è consentire agli stessi di diventare assessori alla caccia. Un assurdo paradosso!

 

28d8776e-a00d-4e4e-a216-0fb80414bf07

 

“A venticinque anni dallo storico referendum sulla caccia, è giunto il tempo di una nuova mobilitazione culturale, politica e sociale che punti a coinvolgere i cittadini e il mondo associativo” dichiara il comitato promotore di Scacciamoli , la campagna che promuove una proposta di legge depositata in Parlamento presentata da Radicali Italiani, EcoRadicali e Parte in Causa. “La caccia, con le sue cento vittime annuali, tra morti e feriti, è regolata da una legislazione vecchia e inadeguata, che necessita oramai di una riforma complessiva” dichiara Valerio Federico, tesoriere di Radicali Italiani.

 

3e78385c-1ce0-4028-97f3-76208300e573“Oggi la legge consente ancora ai cacciatori di entrare nei fondi privati. Non vedo una differenza tra coloro che portano una macchina e quelli che portano un’arma, eppure, la licenza di caccia viene rilasciata per molti anni indipendentemente dall’età del cacciatore, diversamente da quanto avviene per la patente. Inoltre, occorre mettere al bando definitivamente l’uso del piombo, lo abbiamo tolto dai carburanti, ma possiamo disseminarne i campi; il piombo è un metallo altamente inquinante. Ogni anno ne vengono rilasciate 22 tonnellate” ha dichiarato Walter Rizzetto, firmatario della proposta.

 

La cofirmataria Gessica Rostellato ha aggiunto: “C’è una situazione contraddittoria nel nostro Paese, quando si parla di morti sulla strada si fanno regolarmente i bollettini che hanno una eco mediatico molto forte, e spingono la politica a intervenire sul codice della strada. Dall’inizio della stagione venatoria di quest’anno abbiamo avuto 10 morti e 44 feriti, di cui 12 non sono neanche cacciatori, tra cui una minorenne di Treviso che andava in bicicletta. Gli agriturismi che si trovano a ospitare clienti e nelle zone dove avvengano attività ricreative c’è il rischio che vengano feriti. Occorre quindi anche aumentare l’area di rispetto portandola a 500 metri”.

 

 

Controlli sul tasso alcolemico dei cacciatori, divieto di ingresso nelle proprietà private, messa al bando delle munizioni al piombo, divieto di caccia con la nebbia e nelle aree protette nei siti di interesse comunitario, raddoppio delle distanze minime di sicurezza da case e strade sono i principali contenuti della proposta di legge che si prefigge due obiettivi: riallineare la normativa nazionale nell’orizzonte del diritto comunitario e proteggere l’ambiente, la fauna e i cittadini.

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

L’Ue vuole tassare di più le multinazionali? – Io Non Mi Rassegno #318

|

Segui i nostri aggiornamenti quotidiani dal camper di Italia Che Cambia!

|

“Abbiamo comprato una casa e la destineremo a dei rifugiati”

|

L’ENPA contro le Province Autonome: “Basta abbattere i lupi”

|

Outdoor education: le sfide e le conquiste dell’educazione in natura

|

Piero Manzotti: “Questa crisi sia un’opportunità per trasformare l’economia”

|

Non bastano le proroghe, serve uno stop definitivo alle trivelle

|

NATworking: la rete dedicata a chi vuole lavorare in natura