25 Feb 2016

Volontariato nel Parco

Scritto da: Daniela Bartolini

Turni di volontariato settimanale e turni brevi dedicati alla biodiversità per partecipare attivamente alla promozione e conservazione della natura nel Parco Nazionale delle  Foreste Casentinesi.

“Un’esperienza unica in un territorio straordinario, ammantato di foreste secolari, attraverso la quale ogni volontario potrà partecipare attivamente a progetti di promozione e conservazione della natura coordinati dal Parco Nazionale delle  Foreste Casentinesi.”

I turni di volontariato nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi è un progetto coordinato dalla Cooperativa InQuiete che garantirà il servizio di accoglienza e coordinamento attraverso la presenza di un addetto esperto all’interno del gruppo di volontari. Un’esperienza indimenticabile a contatto con la natura più affascinante dell’Appennino.

Quattro turni “ordinari”: dal 28 marzo al 3 aprile, dal 27 giugno al 10 luglio, dall’ 8 al 21 agosto e dal 31 ottobre al 6 novembre. Un turno dedicato alle famiglie dal 20 al 26 giugno e uno in supporto alle attività di censimento al bramito dal 12 al 25 settembre.
I partecipanti avranno l’occasione di collaborare con i tecnici del Parco e del Corpo Forestale dello Stato nell’assistenza ai visitatori, nella manutenzione di sentieri e piccole strutture dell’ente, nel controllo del territorio, in eventuali azioni di gestione della fauna e in altre mansioni segnalate di volta in volta in base alle esigenze dell’ente Parco.
Il programma di volontariato è finalizzato a fornire un’esperienza per sostenere concretamente le finalità del Parco Nazionale, entrando a contatto con l’organizzazione dell’Ente anche per meglio conoscerne le attività e le difficoltà in cui si trova ad operare, quali sono le sue attività e quali i valori da salvaguardare in maniera prioritaria, partecipando attivamente e in prima linea sul fronte della conservazione della natura.

I turni saranno ospitati nelle foresterie del Parco di Montanino (AR) e di Corniolo (FC), e avranno come obiettivo anche la creazione di una stretta e durevole rete di legami affettivi e collaborativi tra i volontari stessi e l’area protetta, come ampiamente dimostrato nell’arco dei 5 anni di progetto, che ha già visto l’ente partecipare in ben due occasioni a importanti incontri internazionali sul tema.

A breve sono anche in partenza i turni brevi della biodiversità, fine settimana in compagnia di esperti per azioni di monitoraggio delle specie presenti all’interno del Parco.
Il prossimo turno per il quale è ancora possibile prenotarsi è dedicato agli anfibi e si terrà dal 18 al 20 marzo. Seguirà d monitoraggio dell’avifauna: dal 3 al 5 giugno; il fine settimana dal 15 al 17 luglio sarà dedicato alle farfalle; ultimo appuntamento dal 29 al 31 luglio con gli insetti.

La quota d’iscrizione per tutti i turni è di euro 50,00.
La scadenza per le domande d’iscrizione è 10 giorni prima dell’inizio di ciascun turno.
E’ possibile scaricare il regolamento e il modulo di iscrizione dal sito del Parco.

Articoli simili
Marta Mingucci sulle caretta caretta: “Mettiamo da parte il nostro ego e rispettiamo la schiusa”
Marta Mingucci sulle caretta caretta: “Mettiamo da parte il nostro ego e rispettiamo la schiusa”

La Biblioteca del Lupo: alla scoperta dei selvatici, i veri abitanti della valle
La Biblioteca del Lupo: alla scoperta dei selvatici, i veri abitanti della valle

Anguilla europea a rischio estinzione: per MedReAct è necessaria una moratoria sulle catture
Anguilla europea a rischio estinzione: per MedReAct è necessaria una moratoria sulle catture

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale