3 Mag 2016

FestaSaggia 2016: feste a misura di paesaggio!

Scritto da: Daniela Bartolini

FestaSaggia: un'edizione 2016 per continuare a sensibilizzare ai temi del paesaggio e della sostenibilità attraverso le sagre paesane.

Avviare un percorso di qualificazione, valorizzazione e promozione delle feste paesane, concepite quali importanti momenti di socializzazione e scambio;
Stimolare atteggiamenti di sensibilità ecologica e di salvaguardia dei valori e dei prodotti del territorio;
Attivare percorsi concreti di coinvolgimento e sensibilizzazione degli organizzatori di feste paesane intorno agli obiettivi individuati proponendo anche momenti di riflessione e auto-miglioramento;
Valorizzare il lavoro del volontariato riscoprendo al contempo il senso comunitario della festa ed il valore dell’accoglienza mettendo al centro le specificità dei luoghi e dei suoi abitanti;
Promuovere una cultura della sostenibilità in tutte le sue forme;
Stimolare momenti di scambio e confronto tra le varie manifestazioni (intorno a piatti, prodotti e sapienze);
Mettere in atto azioni di promozione coordinata delle feste al fine di migliorarne la riconoscibilità e guidare i fruitori.

Solo alcuni dei grandi obiettivi di Festa Saggia che torna per il nono anno a indicare una nuova strada e una nuova concezione di “sagra”, offrendo l’occasione alle feste di paese di fare un salto di qualità e di divenire punti di riferimento virtuosi, orientando in modo sempre più consapevole le proprie scelte: dall’alimentazione all’impatto ambientale del cibo in tutto il suo ciclo di produzione e distribuzione.

Festa Saggia nasce da un’idea dell’Ecomuseo del Casentino e inizialmente era limitato alla valle del Casentino, questo approccio ha però destato interesse in associazioni e progetti che, condividendone le finalità, si sono uniti a questo percorso. Dallo scorso anno le feste sagge hanno coinvolto anche il versante romagnolo del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, inserendo Festa Saggia tra le progettualità di Oltreterra, progetto sostenuto dal Parco e da Slow Food attraverso il coinvolgimento delle condotte di Forlì – Appennino Forlivese, del Casentino, e del Mugello e Levante Fiorentino e della Carta Europea del Turismo Sostenibile.

Festa Saggia sta diventando un marchio di qualità che desta interesse a livello nazionale, attraverso il quale promuovere buone pratiche, che dovrebbero divenire normale prassi, legate alla valorizzazione, promozione e tutela del paesaggio, dei prodotti e del patrimonio culturale e all’utilizzo di modalità virtuose di riduzione, riciclo e smaltimento dei rifiuti.
Il km0, i prodotti provenienti dal territorio sono alla base di questo percorso e per questo pochi giorni fa i promotori delle feste nominate “sagge” quest’anno hanno avuto un incontro con i produttori locali e il Biodistretto Casentino.

Per diventare Festa Saggia si partecipa infatti ad un bando e solo dopo la valutazione della commissione che esprime un punteggio analizzando il progetto e le scelte previste dal progetto, si può entrare a far parte del calendario Festa Saggia.

Le feste sagge quest’anno sono 19, ad aprire la stagione 2016, domenica 8 maggio la Festa delle erbe spontanee di Selvapiana nel comune di Bagno di Romagna. Una festa che ben rappresenta lo spirito dell’iniziativa: piatti a base di borragine, ortica e deliziose erbe spontanee che potranno essere scoperte e raccolte con un’escursione guidata organizzata dal Gruppo Micologico-Botanico Valle del Savio A.M.B. di Cesena.

Per scoprire tutte le feste sagge clicca qui

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza