3 Mag 2016

FestaSaggia 2016: feste a misura di paesaggio!

Scritto da: Daniela Bartolini

FestaSaggia: un'edizione 2016 per continuare a sensibilizzare ai temi del paesaggio e della sostenibilità attraverso le sagre paesane.

Avviare un percorso di qualificazione, valorizzazione e promozione delle feste paesane, concepite quali importanti momenti di socializzazione e scambio;
Stimolare atteggiamenti di sensibilità ecologica e di salvaguardia dei valori e dei prodotti del territorio;
Attivare percorsi concreti di coinvolgimento e sensibilizzazione degli organizzatori di feste paesane intorno agli obiettivi individuati proponendo anche momenti di riflessione e auto-miglioramento;
Valorizzare il lavoro del volontariato riscoprendo al contempo il senso comunitario della festa ed il valore dell’accoglienza mettendo al centro le specificità dei luoghi e dei suoi abitanti;
Promuovere una cultura della sostenibilità in tutte le sue forme;
Stimolare momenti di scambio e confronto tra le varie manifestazioni (intorno a piatti, prodotti e sapienze);
Mettere in atto azioni di promozione coordinata delle feste al fine di migliorarne la riconoscibilità e guidare i fruitori.

Solo alcuni dei grandi obiettivi di Festa Saggia che torna per il nono anno a indicare una nuova strada e una nuova concezione di “sagra”, offrendo l’occasione alle feste di paese di fare un salto di qualità e di divenire punti di riferimento virtuosi, orientando in modo sempre più consapevole le proprie scelte: dall’alimentazione all’impatto ambientale del cibo in tutto il suo ciclo di produzione e distribuzione.

Festa Saggia nasce da un’idea dell’Ecomuseo del Casentino e inizialmente era limitato alla valle del Casentino, questo approccio ha però destato interesse in associazioni e progetti che, condividendone le finalità, si sono uniti a questo percorso. Dallo scorso anno le feste sagge hanno coinvolto anche il versante romagnolo del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, inserendo Festa Saggia tra le progettualità di Oltreterra, progetto sostenuto dal Parco e da Slow Food attraverso il coinvolgimento delle condotte di Forlì – Appennino Forlivese, del Casentino, e del Mugello e Levante Fiorentino e della Carta Europea del Turismo Sostenibile.

Festa Saggia sta diventando un marchio di qualità che desta interesse a livello nazionale, attraverso il quale promuovere buone pratiche, che dovrebbero divenire normale prassi, legate alla valorizzazione, promozione e tutela del paesaggio, dei prodotti e del patrimonio culturale e all’utilizzo di modalità virtuose di riduzione, riciclo e smaltimento dei rifiuti.
Il km0, i prodotti provenienti dal territorio sono alla base di questo percorso e per questo pochi giorni fa i promotori delle feste nominate “sagge” quest’anno hanno avuto un incontro con i produttori locali e il Biodistretto Casentino.

Per diventare Festa Saggia si partecipa infatti ad un bando e solo dopo la valutazione della commissione che esprime un punteggio analizzando il progetto e le scelte previste dal progetto, si può entrare a far parte del calendario Festa Saggia.

Le feste sagge quest’anno sono 19, ad aprire la stagione 2016, domenica 8 maggio la Festa delle erbe spontanee di Selvapiana nel comune di Bagno di Romagna. Una festa che ben rappresenta lo spirito dell’iniziativa: piatti a base di borragine, ortica e deliziose erbe spontanee che potranno essere scoperte e raccolte con un’escursione guidata organizzata dal Gruppo Micologico-Botanico Valle del Savio A.M.B. di Cesena.

Per scoprire tutte le feste sagge clicca qui

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Articoli simili
Vinolionovo 2016 al Lanificio di Stia
Vinolionovo 2016 al Lanificio di Stia

#19 – Perchè il cibo non si butta! Lastminutesottocasa evita tonnellate di sprechi alimentari
#19 – Perchè il cibo non si butta! Lastminutesottocasa evita tonnellate di sprechi alimentari

Beautiful Precious Plastic: nuova vita alla plastica

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Milarepa, il collettivo che recupera i muretti a secco liguri

|

Vinokilo, il mercato circolare di abiti usati venduti al chilo

|

Piantare alberi salverà il mondo, ma attenzione a come lo fate

|

Lightdrop, la piattaforma che sostiene relazioni e territorio, cerca collaboratori

|

Ballottaggi: e ci ostiniamo a chiamarla maggioranza! – Aspettando Io Non Mi Rassegno #4

|

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita