9 Giu 2016

La vera vita di Esteban Chaves

Una vittoria sfiorata al Giro d'Italia, quella di Esteban Chaves, arrivato secondo dopo Vincenzo Nibali. Proprio all'ultima curva il ciclista colombiano ha perso la maglia rosa ma, con la sua reazione, ha dato un'importate lezione di umanità.

Esteban Chaves ha perso la maglia rosa proprio all’ultima curva. Ce l’aveva quasi fatta e sarebbe entrato nella storia del Giro d’Italia se il destino non avesse deciso altrimenti. È stato sconfitto. Ci si attenderebbe la solita faccia delusa. Il volto sfiancato dalla fatica, la bocca tesa e la voce incrinata di chi come al solito pronuncia frasi trite: «ho dato tutto; mi ero preparato per vincere, ma non ce l’ho fatta».

 

Invece, niente di tutto ciò. Esteban Chaves dopo una tappa sfiancante e una vittoria sfiorata, sorride: «Che soddisfazione. Tre anni fa se mi avessero detto che ero sul podio del Giro non ci avrei mai creduto. Oggi io e Vincenzo abbiamo dato spettacolo. Nibali è stato più forte, io non avevo la gamba: è la vita».

 

Esteban Chaves

Esteban Chaves


È la vita. Ha ragione Chaves. E lo dice col cuore, senza infingimenti. Come quando parla dei suoi genitori venuti per la prima volta in Europa a vederlo correre. I genitori sono felici, lo vedono pedalare fra i sogni, come un bambino. E a loro non importa della maglia rosa, dei contratti pubblicitari, della notorietà. Sono qui per lui. Per abbracciarlo ancora una volta, nonostante il risultato.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

 

Voler essere primi, passare la vita a sognare il primo posto, oppure, peggio di tutti, sognare sempre il sogno del vincente, questo sì vuol dire essere insignificanti; questo sì lascia trascorrere la vita senza dignità.
Invece, ha ragione Chaves: la condizione di chi arriva secondo ed è felice qualifica l’esistenza: «questa è la vita, la vera vita».

 

 

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Riforestiamo il mondo? – Io Non Mi Rassegno #367

|

Emilia Romagna prima regione italiana a bandire le gabbie dagli allevamenti

|

In un terreno confiscato alla mafia nasce la prima food forest della Sicilia

|

Il mutuo garantito al 100%? In realtà non è utile per i giovani

|

Ri-nascere cre-attivamente dalla sofferenza. BB, parole di dolore e resilienza

|

AAA cittadini cercasi per rivitalizzare piccolo borgo umbro

|

GasparOrto, l’orto urbano che sfida cemento e degrado

|

La prima volta che mi hanno chiesto il permesso