29 Nov 2016

Foreste e uomini

Scritto da: Daniela Bartolini

Un evento divulgativo sul rapporto con gli ambienti naturali per parlare di foreste, di uomini, di luoghi e di lotta al braconaggio, promosso dal Corpo forestale e Parco nazionale. Venerdì 2 dicembre dalle ore 10 al Centro Visita di Badia Prataglia.

Si aprirà alle 10 con i saluti di Luca Santini, presidente del Parco nazionale, del direttore Sergio Paglialunga e di Alberto Bronzi, vicecomandante regionale della Corpo Forestale dello Stato dellaToscana, l’incontro pensato a chiusura della mostra dedicata a “Lotta al bracconaggio, tutela e gestione della fauna selvatica”, ospitata fino al 27 novembre scorso al centro visita di Badia Prataglia.

A seguire l’intervento di Daniele Zovi, comandante regionale Cfs del Veneto, che presenterà una curiosa storia forestale, da Caligola al Casentino: la storia dell’evoluzione del paesaggio forestale in Italia dai tempi dei romani ai giorni nostri tracciata attraverso racconti e immagini.
Giovanni Quilghini, capo dell’unità della forestale di Pratovecchio, parlerà invece delle aree protette delle Foreste casentinesi nel loro percorso storico: dal demanio statale alle riserve naturali ed al Parco nazionale. Il bene pubblico come forma di difesa da sfruttamento e bracconaggio.

Nella seconda parte della mattinata interverranno Franco Locatelli, del servizio Promozione del Parco Nazionale sul tema del rapporto con gli ambienti naturali nelle storie di uomini e luoghi del Parco Nazionale e Marco Mencucci, capo Cta Cfs sorveglianza del Parco nazionale per parlare dei dati relativi al bracconaggio e di una nuova modalità di contrasto: i Nuclei cinofili antiveleno del Corpo Forestale dello Stato.
La chiusura sarà dedicata alla dibattito.

Un momento importante per affrontare il tema del bracconaggio, una pratica feroce che- ricorda il presidente del Parco- confligge con le pratiche di gestione faunistica del Parco che sta mettendo in campo una serie di misure che mirano a far diventare il Parco un laboratorio per il corretto rapporto tra impatto degli animali, rari e protetti, strumento di salvaguardia degli ecosistemi e importante risorsa di promozione turistica, e le attività umane.

Per informazioni: 0575. 503029; promozione@parcoforestecasentinesi.it, Centro Visita di Badia Prataglia: 0575. 55947).

Articoli simili
La diffusione del Coronavirus forse favorita dal commercio illegale di specie
La diffusione del Coronavirus forse favorita dal commercio illegale di specie

Natural Farm, il villaggio indiano dove gli animali aiutano i bambini a crescere
Natural Farm, il villaggio indiano dove gli animali aiutano i bambini a crescere

Buddies, i nuovi dog sitter migranti che combattono l’abbandono degli animali
Buddies, i nuovi dog sitter migranti che combattono l’abbandono degli animali

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Milarepa, il collettivo che recupera i muretti a secco liguri

|

Vinokilo, il mercato circolare di abiti usati venduti al chilo

|

Piantare alberi salverà il mondo, ma attenzione a come lo fate

|

Lightdrop, la piattaforma che sostiene relazioni e territorio, cerca collaboratori

|

Ballottaggi: e ci ostiniamo a chiamarla maggioranza! – Aspettando Io Non Mi Rassegno #4

|

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita