15 Dic 2016

Agricultura: “così recuperiamo gli orti scolastici abbandonati”

Scritto da: Paolo Cignini

Recupero degli orti scolastici abbandonati utilizzando i principi dell’agricoltura sinergica, produzione di saponi dagli olii esausti e trasformazione del materiale di recupero in risorsa. Questo e altro nel progetto “Agricultura” dell’associazione Set Me Free.

L’Associazione Set Me Free è nata a Giugliano in Campania, in provincia di Napoli, dall’idea di un gruppo di psicologi e operatori sociali allo scopo di perseguire obiettivi di solidarietà sociale e promozione della cultura. Tra le sue numerose attività, l’associazione si occupa di favorire la qualità’ della vita, il benessere psico-sociale e una cultura ecologica e lo fa con iniziative che coinvolgono le scuole della città. Nel maggio 2016, Set me Free ha collaborato con l’istituto Teodoro Gaza, allora gestito dalla dirigente Maria de Biase, per l’apprendimento e la condivisione delle buone pratiche all’interno delle scuole.

 
Oggi questa collaborazione da i suoi frutti anche negli istituti scolastici di Giugliano in Campania con il progetto “Agricultura”: grazie al lavoro dei membri dell’Associazione sono stati ripristinati gli orti scolastici del Primo e del Settimo Circolo didattico di Giugliano, liberando la terra dalle erbe spontanee e impiantando gli ortaggi invernali come cavoli, cappucce, broccolo baresi, scarole, cicorie, radicchio e molto altro. Il lavoro sugli orti è stato realizzato seguendo i principi dell’agricoltura sinergica ed uno dei bancali, coltivato con piante aromatiche ed officinali (salvia, timo, origano, lavanda e rosmarino) sarà utilizzato dai ragazzi degli Istituti per insaporire il sapone che producono dagli olii esausti (frutto della collaborazione e dello scambio culturale con la dirigente De Biase) e che sarà poi confezionato dagli alunni degli istituti.

agricultura

 

“Tutto il materiale vegetale che abbiamo estirpato dalle aiuole per noi rappresenta una risorsa e non un rifiuto e infatti lo abbiamo subito messo in compostiera in modo tale che per maggio sarà diventato compost da usare nell’orto estivo.” Parole di Pietro Napolitano, esperto di agricoltura sinergica e membro dell’Associazione Set Me Free.

 

Si è trattata dunque di un’azione di guerrilla gardening urbana, riqualificando un’area scolastica che era stata quasi abbandonata e tornata all’uso pubblico: “L’orto scolastico deve essere nella nostra ottica un laboratorio permanente di sperimentazione per i ragazzi e anche per gli adulti della comunità. I processi innescati nei due Istituti di Giugliano hanno portato ad un cambiamento di rotta e hanno apportato innovazione, mentre le modalità sono state apprese e fatte proprie ed inserite nei percorsi formativi didattici: il nostro è un impegno costante per la diffusione delle pratiche educative attraverso arti ecosostenibili ed è solo attraverso l’agire concreto si può cambiare lo stato della nostra terra”.

 

Per ulteriori approfondimenti clicca qui 

 

 

Articoli simili
Hortus, l’orto urbano aeroponico che insegna a ridurre il consumo dell’acqua
Hortus, l’orto urbano aeroponico che insegna a ridurre il consumo dell’acqua

OrtoInMovimento: il più grande orto collettivo d’Europa si mette al servizio del territorio
OrtoInMovimento: il più grande orto collettivo d’Europa si mette al servizio del territorio

A Torino studenti e docenti rigenerano spazi abbandonati della città con gli orti in cassoni
A Torino studenti e docenti rigenerano spazi abbandonati della città con gli orti in cassoni

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale