Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
16 Dic 2016

A Frosinone (e provincia) l'acqua torna pubblica?

Scritto da: Paolo Cignini

A Frosinone l’assemblea dei sindaci ha deciso di revocare il contratto con Acea, gestore del servizio idrico. Si apre ora una fase di transizione nella quale saranno i sindaci dei vari capoluoghi della provincia a valutare il nuovo sistema più adatto per i propri comuni. Ricorsi di Acea permettendo...

L’assemblea dei sindaci della provincia di Frosinone ha votato a favore, con 33 voti a favore e 16 contrari, alla risoluzione del contratto di gestione del servizio idrico integrato con la multiutility romana Acea, convenzione che era in vigore dal 2003. Tra i sindaci che hanno votato a favore della risoluzione ci sono anche quelli dei centri più importanti come Frosinone, Cassino, Alatri, Ceccano e Sora, che da mesi avevano assunto una posizione di aperto contrasto sulla gestione della società idrica.

download

Vuoi cambiare la situazione
dell'economia in italia?

ATTIVATI

 

Una gestione pesantemente contestata da anni anche dagli abitanti della provincia, che negli ultimi periodi si erano trovati spesso a fare i conti con aumenti di tariffe spesso insostenibili e che hanno creato una situazione di morosità tra le più alte d’Italia. Un voto che spezza l’egemonia della società romana nella gestione degli acquedotti e dell’acqua nel frusinate. Nell’assemblea si è discusso anche degli incrementi tariffari previsti per il triennio 2016-2019, e si è deciso per conguagli meno pesanti rispetto a quelli previsti da Acea con ventisette voti a favore, dodici contrari e quindici astenuti tra i sindaci presenti all’assemblea.

 

Un voto che ha spaccato anche il Partito Democratico che era per il mantenimento della convenzione: l’indirizzo politico del Pd provinciale era quello di votare contro la risoluzione ma alla fine, proprio il voto dei sindaci Pd dissidenti ha permesso di ribaltare il risultato del voto.

 

 

Il sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani ha spiegato la vicenda che ha portato alla decisione finale: “fino al 2013, i sindaci avevano omesso di approvare il piano tariffario e quello degli investimenti che il gestore avrebbe dovuto portare avanti, per adeguare la rete idrica ed il sistema fognante, evitando la dispersione di quasi due terzi delle risorse presenti nelle tubature.

 

La-risoluzione-del-contratto-con-Acea-Ato-5-non-è-acqua-pubblica-750x410 

 

Dal 2014 in poi, però, è stato proprio il gestore a non adempiere, ritualmente e tempestivamente, i propri obblighi contrattuali, evitando di versare nelle casse della collettività oltre 21 milioni di euro e compilando bilanci senza le doverose specificazioni sui costi effettivamente sostenuti. Senza contare che, nel capoluogo, sono ancora migliaia le abitazioni che non possono disporre dell’allaccio al collettore pubblico fognante, con evidenti ripercussioni sotto il punto di vista ambientale, a causa dei mancati investimenti del gestore sul depuratore di via Pratillo.

 

 

Contemporaneamente, Acea ha provveduto ai distacchi delle utenze ritenute morose, senza ascoltare ragioni e invocando il rispetto di un contratto che, se esiste, deve essere applicato in modo reciproco e non a proprio uso e consumo”.

 

Ora il percorso ha un iter ben preciso: la revoca del contratto ad Acea prevede un iter transitorio di un anno, nel quale i comuni potranno scegliere tra un sistema di gestione completamente pubblico oppure di bandire una nuova gara per selezionare un nuovo operatore. Un percorso che comunque incontrerà delle difficoltà formali: i sindaci dei comuni interessati si attendono ora i probabili ricorsi da parte di Acea. Il messaggio è comunque chiaro: “recepisco la volontà sovrana della Conferenza dei Sindaci” sostiene il Presidente della provincia di Frosinone Antonio Pompeo. “Mi auguro che la decisione presa sia quella giusta e spero che non si riapra una interminabile stagione di contenziosi. Inizia oggi una fase nuova con dei connotati difficilmente identificabili al momento”.

 

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Esplosione a Beirut: i nuovi retroscena – Io Non Mi Rassegno #196

|

L’ecovillaggio Torri Superiore, il cantiere del vivere sostenibile che ha fatto la storia – Io faccio così #295

|

Elena e Sara: la rivoluzione degli abiti usati per “riformare” il sistema moda

|

Il cammino delle panchine invita le persone a sostare su ciò che è importante

|

A Palermo i ragazzi del carcere minorile ripartono dai biscotti

|

Piccole scuole e piccoli comuni? Creiamo un’allenza educativa virtuosa

|

Come creare una società più equa e collaborativa nella ripresa post Covid-19?

|

Nocciola Italia: contadini e cittadini contro l’avanzata delle monoculture