13 Mar 2017

Day of Planetaria

Scritto da: Daniela Bartolini

Riprendono domenica 19 marzo, in concomitanza con la Giornata Internazionale dei Planetari, le attività divulgative del Planetario del Parco Nazionale Foreste Casentinesi.

Il Planetario del Parco, inaugurato nel luglio 2003, è l’unica struttura permanente in provincia di Arezzo dedicata alla divulgazione e didattica dell’astronomia. Il Planetario modello Galileo III, realizzato nelle Officine Galileo di Firenze e donato al Parco Nazionale dall’Istituto e Museo Storia della Scienza di Firenze, permette di ricostruire, al chiuso di una stanza grazie ad una apposita cupola, la volta celeste così come la vedremmo all’aperto in un luogo buio, lontano dalle fastidiose luci della città. Giocando con la sfera celeste, si possono riconoscere le costellazioni e ricostruire i moti giornalieri e annuali di stelle, pianeti, Luna e Sole. L’ampio resede esterno al Planetario permette inoltre l’osservazione diretta del cielo, ad occhio nudo e con i telescopi in dotazione alla struttura.

La struttura con oltre 1500 presenze/anno tra studenti, appassionati astrofili, semplici curiosi del cielo e turisti è ormai punto di riferimento nel panorama dei centri di divulgazione scientifica in ambito regionale.

Domenica 19 marzo in occasione di Day of Planetaria che si tiene dal 1991 la domenica precedente o successiva all’equinozio di primavera, in tutti i principali planetari, al Planetario del Parco di Stia si terrà alle ore 11, dopo il saluto degli operatori e una breve visita guidata alla struttura, l’incontro sotto la cupola del Planetario dedicato al moto diurno e annuale del Sole; alle ore 12 tutti ad osservare il passaggio del disco solare sulla meridiana in camera oscura progettata da Simone Bartolini, cartografo presso l’Istituto Geografico Militare di Firenze, realizzata insieme agli studenti dell’IIS Galileo Galilei di Poppi all’interno del Progetto Alternanza Scuola – Lavoro 2016 e inaugurata lo scorso dicembre.
Dalle ore 16 fino al tramonto, sarà possibile osservare il Sole in luce bianca, attraverso adeguati filtri che ne permetteranno la visione diretta o per proiezione, in modo da osservare le macchie sulla fotosfera solare, e in luce all’idrogeno, con telescopio specifico, in modo da poter vedere le protuberanze solari e la granulazione della “superficie” della nostra stella. Sarà inoltre possibile visitare la mostra di rocce, minerali e meteoriti, in parte donata al Planetario Museo di Scienze Planetarie di Prato.
Dalle ore 16 si terrà inoltre il primo appuntamento con il “Planetario dei Piccoli”, con laboratori tematici e attività sotto la cupola del Planetario rivolte ai bambini; a chiudere, dalle ore 21, breve incontro sotto la cupola del Planetario e osservazione ad occhio nudo del cielo primaverile e visione al telescopio del pianeta Giove.

Nell’occasione tutte le attività saranno garantite e a partecipazione gratuita.

A partire da marzo, mese dopo mese, sono previsti incontri, serate osservative, passeggiate notturne, iniziative per piccoli e grandi.

Articoli simili
Zō trasforma Catania in un centro internazionale della rivoluzione artistica e musicale
Zō trasforma Catania in un centro internazionale della rivoluzione artistica e musicale

Raccolti: nuove narrazioni tra cultura e agricoltura nella città del riso
Raccolti: nuove narrazioni tra cultura e agricoltura nella città del riso

Luca Spennato, il fotografo di strada che scatta e sviluppa sul suo laboratorio a pedali
Luca Spennato, il fotografo di strada che scatta e sviluppa sul suo laboratorio a pedali

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Oggi “sciopero creativo” per il clima e per il futuro!

|

La Sicilia Che Cambia: vi raccontiamo cosa sta succedendo sull’isola!

|

Retake scende in campo per il World Cleanup Day: milioni di persone puliscono il territorio

|

Zō trasforma Catania in un centro internazionale della rivoluzione artistica e musicale

|

Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”

|

Impresa che cambia: scopriamo gli esempi virtuosi insieme ai loro protagonisti

|

Italia Che Cambia si presenta! Un viaggio lungo dieci anni per raccontare il cambiamento