7 Mar 2017

FestaSaggia 2017: aperto il bando!

Scritto da: Daniela Bartolini

Entro il 3 aprile le associazioni di promozione locale e Pro Loco del Casentino e dei comuni del Parco Nazionale  possono presentare le domande per l'adesione all'edizione 2017 di FestaSaggia, il marchio di qualità delle feste e sagre paesane!

FestaSaggia è un progetto che nasce dalla volontà di promuovere e diffondere all’interno degli eventi locali, in particolare sagre e feste paesane, alcune buone pratiche legate alla valorizzazione, promozione e tutela del paesaggio, dei prodotti e del patrimonio culturale. L’iniziativa, proposta dall’EcoMuseo del Casentino a partire dal 2008, è stata inserita anche tra le progettualità di OLTRETERRA, progetto sostenuto dal Parco Nazionale delle Foreste Casentinese e da Slow Food attraverso il coinvolgimento delle condotte di Forlì – Appennino Forlivese, Cesena e Valle del Savio, del Casentino, e del Mugello e Levante Fiorentino. Festasaggia rientra anche tra le progettualità della Carta Europea del Turismo Sostenibile promosse dal Parco.

festa saggia 2017 bando 1488882381

Valorizzazione del patrimonio culturale locale, utilizzo di prodotti provenienti dal territorio, modalita’ virtuose  di riduzione, riciclo e smaltimento dei rifiuti, contenimento degli sprechi energetici, sensibilizzazione della popolazione alle problematiche ambientali, sono solo alcune delle attenzioni richieste alle feste che vogliono essere “FesteSagge”. Si vuole così indicare una nuova strada e una nuova concezione di “sagra”, offrendo l’occasione alle feste di paese di fare un salto di qualità e di divenire punti di riferimento virtuosi, orientando in modo sempre più consapevole le proprie scelte: dall’alimentazione all’impatto ambientale del cibo in tutto il suo ciclo di produzione e distribuzione.

festa saggia 2017 bando 1488882334

Il km0, i prodotti provenienti dal territorio sono alla base di questo percorso, allo scopo di incentivare il raccordo tra le produzioni locali di qualità e le feste e sagre paesane presenti nel territorio, verso una comune qualificazione dell’accoglienza e una condivisa volontà di contribuire allo sviluppo delle micro-economie locali, le associazioni che promuovono le feste sono invitate a stipulare accordi con i produttori locali.

festa saggia 2017 bando 1488882362

Inoltre sono tenute a dare disponibilità a partecipare ad un percorso di aggiornamento e qualificazione continuo messo in essere dai promotori del progetto. In particolare per quest’anno è prevista l’organizzazione di alcune occasioni info-formative intorno ai seguenti temi: utilizzo dei prodotti locali (1 o 2 incontri): presentazione dei prodotti presenti nel territorio di riferimento attraverso anche l’incontro con gli stessi produttori; gestione dei rifiuti (1 incontro): incontro con le aziende locali di gestione dei rifiuti per azioni promozionali comuni e accordi ad hoc sulla raccolta dei rifiuti; valorizzazione del patrimonio locale (1 incontro): presentazione di alcune pratiche e progetti messi in campo dall’Ecomuseo del Casentino e dal Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi (I Popoli del Parco) al fine di individuare possibili occasioni concrete di collaborazione. Gli incontri saranno organizzati in ciascuno dei tre territori omogenei che interessano il progetto: Versante romagnolo del Parco, Casentino, Val di Sieve. Agli incontri dovranno prendere parte almeno tre persone per ciascuna realtà associativa.

Qui è possibile scaricare il regolamento e i documenti necessari alla partecipazione.

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente

|

Alleniamoci ad ascoltare gli altri per creare un mondo migliore

|

Il benessere? Secondo Lara Lucaccioni e Matteo Ficara è questione di energia

|

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo