5 Apr 2017

Dea Leidi: fili e forme in mostra al Museo dell’arte della Lana

Scritto da: Daniela Bartolini

Il ciclo di eventi “Ieri ed oggi: personaggi nella tessitura”, che il Museo dell’Arte della Lana ed il Laboratorio Tramandiamo dedicano alle più rilevanti figure del mondo tessile del passato e del presente, giunge al IV appuntamento. Sabato 8 aprile alle ore 16:00 sarà inaugurata  la mostra dedicata a Dea Leidi e al suo roiganle lavoro di recupero e confronto con l'“imperfezione”.

Dea Leidi è una tessitrice per passione, formata presso le più autorevoli scuole tessili della Toscana, considera i suoi tessuti una sorta di divertissement, tessendo cerca di far assumere forma e volume alle sue opere che assumono molto spesso una sorta di tridimensionalità.
Sfruttando le caratteristiche dei materiali, inserisce nodi, tagli e imbottiture, a volte raddoppia l’ordito, scombina i rimettaggi e le armature per ottenere tessuti meno piatti, gradevoli non solo alla vista ma anche al tatto. La realizzazione è legata soprattutto alla disponibilità dei materiali che sono quasi sempre di recupero, Dea utilizza scarti di lavorazione, abiti smessi, filati riciclati e tutto quello che le passa sotto gli occhi!

dea leidi tessitrice mostra museo della lana 1491381492

La tessitrice racconta che spesso proprio la non disponibilità di filati “belli e perfetti” è stata di stimolo: con materiali nuovi, quantità giuste, colori sempre uguali nelle sfumature è più facile tessere, ma il risultato è meno personale, quindi le difficoltà sono per lei diventate opportunità. Mettendo in pratica espedienti ben noti in una cultura del bisogno, ormai dimenticata, ha iniziato a realizzare stuoie e tappeti usando abiti smessi, soprattutto per gli amici che non volevano liberarsi del tutto di indumenti ai quali erano in qualche maniera affezionati. Così i loro vecchi abiti hanno avuto una nuova possibilità di uso domestico ed affettivo.
Il risultato è una produzione insolita  di abiti e pezzi di arredamento, tutti accomunati da una nota di stile inconfondibile e dal fascino tipico delle opere create con passione.

dea leidi tessitrice mostra museo della lana 1491381507

La mostra resterà allestita nella sala multimediale del Museo dell’Arte della Lana fino al 3 settembre 2017.

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Sotto sgombero la Cianfrusoteca, uno dei primi negozi senza soldi d'Italia

A far le cose bene… Ci vuole il tempo che ci vuole!
A far le cose bene… Ci vuole il tempo che ci vuole!

Claudia Comar, l’artigiana magliaia impegnata a diffondere la cultura della lana
Claudia Comar, l’artigiana magliaia impegnata a diffondere la cultura della lana

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Milarepa, il collettivo che recupera i muretti a secco liguri

|

Vinokilo, il mercato circolare di abiti usati venduti al chilo

|

Piantare alberi salverà il mondo, ma attenzione a come lo fate

|

Lightdrop, la piattaforma che sostiene relazioni e territorio, cerca collaboratori

|

Ballottaggi: e ci ostiniamo a chiamarla maggioranza! – Aspettando Io Non Mi Rassegno #4

|

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita