Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
26 Giu 2017

Celocelo, una piattaforma per connettere chi opera nel sociale con chi ha qualcosa da regalare

Mercoledì 28 Giugno verrà presentato celocelo, un portale in grado di incrociare la domanda con l'offerta di beni e servizi di prima necessità. A beneficiarne saranno persone e famiglie svantaggiate.

TORINO – Il progetto prevede la realizzazione e sperimentazione di un sistema di reperimento e distribuzione di beni di prossimità di varia natura, basato su una rete locale di enti no profit e servizi di prossimità e su una piattaforma informatica che renda possibile l’incrocio della domanda con l’offerta di beni e servizi di prima necessità, riducendo al minimo l’impegno e i costi di natura logistica, in particolare per quanto concerne lo stoccaggio, l’immagazzinamento e la distribuzione centralizzata.

I beneficiari diretti delle donazioni sono persone e famiglie svantaggiate, sia in condizione di marginalità cronica, sia in condizione di povertà grigia derivante da eventi traumatici anche recenti, come la perdita di lavoro, la separazione, la malattia.

Sulla piattaforma tutti i cittadini potranno donare beni materiali, i commercianti potranno donare fondi di magazzino o altri beni in eccesso, le associazioni culturali potranno offrire accessi gratuiti a corsi, spettacoli e laboratori.

Su celocelo si possono donare anche le proprie competenze, offrendo del tempo prezioso a chi ne ha bisogno e mettendosi a disposizione per attività come ripetizioni, assistenza informatica,
piccoli lavoretti o riparazioni.

Gli operatori accreditati ad accedere alla piattaforma fanno parte di una rete di organizzazioni che operano a contatto con persone e famiglie in difficoltà.
Si tratta sia di organizzazioni che gestiscono servizi e progetti in ambito socio assistenziale, sia organizzazioni che, pur non avendo una mission esplicitamente sociale, entrano spesso in
contatto con persone e famiglie in difficoltà. Saranno accreditati all’uso della piattaforma anche operatori dei servizi sociali pubblici.

→ COME FUNZIONA:
Hai un oggetto che non usi più o vuoi donare un po’ del tuo tempo? Vai su www.celocelo.it.

Registrati, scegli la categoria, descrivi il tuo oggetto o la tua disponibilità di tempo, aggiungi delle foto e premi Invio.

Oppure consulta la bacheca dei nostri appelli, scoprirai cosa stiamo cercando.

Vai su www.celocelo.it, segui e diffondi i nostri appelli!

→ celocelo

Una piattaforma che mette in contatto chi opera nel sociale con chi ha qualcosa da regalare.

→ PRESENTAZIONE
Mercoledì 28 giugno 2017, ore 11.00 – Casa del Quartiere San Salvario. Via Morgari 14 – Torino, sala Torretta I° piano

→ mettiamo in contatto
chi opera nel sociale con chi ha qualcosa da regalare!

www.celocelo.it
segreteria@agenzia.sansalvario.org
011 6686772
Associazione Agenzia per lo sviluppo locale di San Salvario onlus
c/o Casa del Quartiere
San Salvario
via Morgari 14 – 10125 Torino

Partecipa anche tu ad una raccolta che può migliorare il tuo mondo, a partire da te!
celocelo è: un divano, un mobile, un frigorifero, un passeggino

Quanti oggetti ci hanno aiutato a vivere meglio e oggi per noi sono superflui?
Magari a causa di un trasloco, o perché un bambino è diventato grande, o perché, semplicemente, ci si ritrova con qualcosa di troppo.
Non servono più a te ma a qualcun altro sì! Persone che vivono nel tuo quartiere, nella tua città.
Famiglie intere a cui potresti dare concretamente un aiuto. E fare la differenza. Da oggi con celocelo puoi.

celocelo è un progetto di:
Ass. Agenzia per lo sviluppo locale di San Salvario ONLUS

→ In collaborazione con:
Ufficio Pio della Compagnia di San Paolo, Città di Torino – Circoscrizione 8, Città di Torino – Assessorato alle Politiche Sociali, Ass. Asai, Oratorio San Luigi, Ass. Opportunanda, Ass. Mondo di Joele, Ass. Manzoni People, Parrocchia SS.Pietro e Paolo, Coop. Soc. Accomazzi, Ass. Manamanà, Ass. Officina Informatica Libera, Coop. Soc. Triciclo, SPI CGIL Lega 8, Società Cooperativa Sociale Lancillotto, Centro di Ascolto della Parrocchia Patrocinio di San Giuseppe, Centro di Ascolto della Parrocchia Assunzione di Maria Vergine – Lingotto Torino, Commissione Carità del Consiglio
Pastorale della Parrocchia Immacolata Concezione e San Giovanni Battista, Istituto Comprensivo “Sandro Pertini”.
Il progetto è sostenuto dalla Compagnia di San Paolo nell’ambito del Bando Fatto per Bene.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Quali sono le misure più efficaci per contenere il covid? – Io Non Mi Rassegno #238

|

Una rete di famiglie genovesi condivide oggetti, vestiti e buone pratiche per bimbi “a basso impatto”

|

Murales, sartoria sociale, turismo e orti urbani: così rinasce la periferia degradata di Lecce

|

Altro denaro, molto altro denaro

|

Cifa in Etiopia: “Promuoviamo microimpresa e lavoro in alternativa alla migrazione irregolare”

|

SPIGA: il forno sociale per la rigenerazione artigiana della periferia

|

I Deplasticati: il gruppo sanremese che libera la città e le spiagge dai rifiuti

|

Il Parlamento europeo condanna i tirocini gratuiti. Una risoluzione storica per gli stagisti